The Goldfish: Dreaming of the Sea

The Goldfish: Dreaming of the Sea recensione film di Ogawa Sara con Ogawa Miyu [FEFF 23]

The Goldfish: Dreaming of the Sea è un racconto intimo sulle fragilità che si celano dietro l'apparente tranquillità della vita di tutti i giorni: la recensione dal FEFF 23

The Goldfish: Dreaming of the Sea recensione del film di Ogawa Sara con Ogawa Miyu, Hanada Runa, Serizawa Tateto, Fukuzaki Nayuta e Yamada Kinuwo

Cosa sognano i pesci rossi? Probabilmente un’enorme manciata di mangime da scorpacciare, con il rischio di morirne, o forse il mare da cui sono stati strappati. È un po’ quello che fa Hana (Ogawa Miyu), una ragazzina di 18 anni costretta in una casa-famiglia da almeno 10 anni per un crimine commesso dalla madre. Era felice, aveva appena comprato un pesciolino ad una festa di paese prima di scoprire che qualcuno la stava portando via tra le lacrime. Una sola indicazione: “Fai la brava, Hana“.

MadMass.it consiglia by Amazon

È un momento clou di The Goldfish: Dreaming of the Sea, svelato in un flashback durante la parte centrale film, ma che illumina la narrazione e ci informa del segreto nascosto dalla protagonista: è lei il pesce rosso costretto nella boccia che passa il tempo ad aspettare tranquilla il prossimo pasto, seguendo all’estremo le ultime indicazioni della madre. Il tormento di una separazione riaffiora di volta in volta sotto forma di sogni e inquietudini, fino a farsi carne nelle sembianze della piccola Harumi, una nuova e silenziosa ospite della Casa del Cielo.

The Goldfish: Dreaming of the Sea recensione film di Ogawa Sara con Ogawa Miyu
Maya Ogawa e Hanada Runa in una scena di The Goldfish: Dreaming of the Sea

L’incontro-scontro tra due spiriti affini, legati da sofferenze atroci e profonde fragilità, è la rottura della calma piatta a cui Hana sembra essere irrimediabilmente destinata e l’inizio della resa dei conti con sé stessa in un processo lento di liberazione ma inesorabile, fatto di suggerimenti e silenzi estremamente loquaci.

Sara Ogawa dirige il suo quarto lungometraggio presentato per la prima volta al Far East Film Festival 23 prediligendo emozioni e sensazioni in una narrazione che, nonostante un certo lirismo, non perde mai i contatti con la realtà. La durata, gli sguardi in camera dei piccoli attori, la metafora del pesce rosso, sono tutte indicazioni di una storia che vuole muoversi in un contesto estremamente intimo ma ordinario, in cui lo spazio personale è estremamente limitato. L’unica soluzione è il vasto e apparentemente infinito mare, con cui si apre e chiude il film, in cui anche un pesce rosso può sentirsi libero.

Maya Ogawa
Maya Ogawa è Hana in The Goldfish: Dreaming of the Sea

Maya Ogawa e Hanada Runa
Maya Ogawa e Hanada Runa

Sintesi

Sara Ogawa dirige il suo quarto lungometraggio presentato per la prima volta al Far East Film Festival 23 prediligendo emozioni e sensazioni in una narrazione che, nonostante un certo lirismo, non perde mai i contatti con la realtà. La durata, gli sguardi in camera dei piccoli attori, la metafora del pesce rosso, sono tutte indicazioni di una storia che vuole muoversi in un contesto estremamente intimo ma ordinario, in cui lo spazio personale è estremamente limitato.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli