The Disciple

The Disciple recensione [Venezia 77]

The Disciple recensione film di Chaitanya Tamhane con Aditya Modak, Arun Dravid, Sumitra Bhave e Kiran Yadnyopavit

In Concorso alla 77° edizione della Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia è stato presentato The Disciple, lungometraggio scritto e diretto da Chaitanya Tamhane. Il cuore di questo film indiano è la musica a cui il giovane protagonista Sharad è assolutamente devoto.

In particolar modo egli studia la musica classica dell’India settentrionale, considerata “una strada verso il divino” che richiede un determinato modus vivendi per essere suonata e cantata nel modo più giusto. Il suo anziano maestro lo sprona ogni giorno a migliorare per raggiungere livelli più alti, ma Sharad sacrifica tutto il resto, fin da bambino, quando invece di andare a giocare con gli amici, il padre lo trattiene a suonare e cantare con lui in casa.

The Disciple recensione
The Disciple di Chaitanya Tamhane con Aditya Modak a Venezia 77

La sua vita corre veloce tra un esercizio vocale e l’altro, sedute di meditazione ed esibizioni pubbliche, a discapito di relazioni sentimentali e amicizie che Sharad mette in secondo piano. Anche quando la sua salute comincia a risentire di questo eccessivo annientamento in nome della musica, egli persevera come se fosse l’unico modo che conosce per vivere.

The Disciple è sicuramente uno di quei film che permette di conoscere meglio una cultura lontana, esplorando usi e costumi. Tamhane sceglie una narrazione lenta come i ben noti ritmi di vita orientali, ma si resta quasi ipnotizzati dal suono del sitar che è il vero protagonista del film. Sulla melodia di base i protagonisti intonano varie frasi cantate giocando con fiato e voce.

Aditya Modak
Aditya Modak

The Disciple recensione
The Disciple di Chaitanya Tamhane con Aditya Modak a Venezia 77

Tuttavia la parte iniziale fatica ad ingranare con il racconto, passando da un concerto all’altro senza preoccuparsi di far entrare lo spettatore nella storia. Lo schema risulta ripetitivo per un film di una durata eccessiva che poteva essere più asciugato per non perdere potenza fino alla fine.

The Disciple è una storia di disciplina, di passione, ma anche un esempio di tenacia e perseveranza. Sharad è determinato a diventare un professionista e ci prova con tutto se stesso. Il film è diviso in due parti: la prima sul “discepolo” giovane e servizievole, la seconda sul “discepolo” adulto che insegna a sua volta in una scuola, ma è ancora alla ricerca di una perfezione che forse non gli è mai appartenuta.

Chaitanya Tamhane
Chaitanya Tamhane

Tutta quella fatica e della dedizione sono servite a qualcosa o lo hanno solo reso solo come il suo maestro? Solo nel finale il personaggio si risveglia come da un incantesimo e decide di voltare pagina per iniziare un nuovo capitolo della sua vita, in cui c’è posto finalmente per una famiglia.

La regia è abbastanza canonica, ma ogni tanto regala soluzioni interessanti, come le pause slow motion in cui Sharad viaggia in moto mentre fuori campo ascolta gli insegnamenti per affrontare la musica classica indiana nel modo giusto.

Sintesi

The Disciple è una storia di disciplina e passione, ma anche un esempio di tenacia e perseveranza, che ci invita a conoscere meglio usi e costumi di una cultura lontana sulle note del sitar protagonista della pellicola.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant, Catherine Spaak, Claudio Gora e Luciana Angiolillo Il cinema italiano del dopoguerra, si sa,...

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova, Filipp Yankovskiy, Ignat Daniltsev, Oleg Yankovskiy e Alla Demidova Lo specchio, il regalo di Tarkovskij all’umanità...

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...