The Boys in the Band

The Boys in the Band recensione film con Zachary Quinto e Jim Parsons [Netflix]

The Boys in the Band recensione film di Joe Mantello con Zachary Quinto, Jim Parsons, Matt Bomer, Andrew Rannells, Charlie Carver, Robin de Jesus, Brian Hutchinson e Michael Benjamin Washington

The Boys in the Band è l’adattamento dell’opera teatrale di Mart Crowley del 1968 e una sorta di remake revisionista della versione cinematografica diretta da Friedkin nel 1970 Festa per il compleanno del caro amico Harold.

Nato dall’accordo di Netflix con Ryan Murphy (American Horror Story, Hollywood, Ratched) questo remake è diretto da Joe Mantello che, già nel 2018, aveva messo in scena la versione teatrale a Broadway con i medesimi attori.

Jim Parsons e Matt Bomer
Jim Parsons e Matt Bomer

La storia è semplice. Un gruppo di amici gay si riunisce per il compleanno di Harold (Zachary Quinto) e con l’alcol che scorre a fiumi molti segreti iniziano ad emergere. La situazione si complica quando Alan (Brian Hutchinson), compagno di stanza del college di Michael (Jim Parsons), arriva improvvisamente alla festa. Lui non sa che il suo amico è omosessuale e mostra sin dal principio atteggiamenti omofobici. L’atmosfera divertita e allegra lascia il posto ad una ostilità densa e questa visita inaspettata causa l’avvio di un gioco che non avrebbe mai dovuto essere giocato.

Vengono così a galla conflitti personali e acrimonie tra ogni membro del gruppo, assurde manifestazioni di amore e mancanze di autostima che emergono via via durante la serata attraverso conversazioni sulla sessualità, sull’accettarsi, sulla monogamia e sulla religione.

Zachary Quinto
Zachary Quinto

Il punto di forza di questa versione sono gli attori. Parsons è un perfetto direttore d’orchestra, per il pubblico scinderlo da Sheldon Cooper non è un’impresa facile, ma grazie ad una performance di feroce capacità attoriale, l’attore riesce nella sua missione e offusca il personaggio di The Big Bang Theory.

Ma è Zachary Quinto a rubare la scena. Il suo arrivo alla festa (nel ruolo del cinico, aristocratico, sofferto e distante Harold) rappresenta una doccia fredda per il gruppo. La sua presenza è imponente e il suo rapporto di amore/odio con Parsons fa scintille. Che siano rimproveri, sguardi seducenti o commenti ironici, quest’uomo obbliga lo spettatore a prestargli attenzione perché quando parla tutti tacciono.

Jim Parsons, Robin de Jesœs, Michael Benjamin Washington e Andrew Rannells
Jim Parsons, Robin de Jesœs, Michael Benjamin Washington e Andrew Rannells

Insieme a loro ci sono: il promiscuo Larry (Andrew Rannells), il fedele Hank (Tuc Watkins), l’intellettuale Donald (Matt Bomer), l’esuberante Emory (Robin de Jesus) e il sensibile Bernard (Michael Benjamin Washington).

Questo brillante gruppo sublima e incarna ogni stato d’animo immaginabile in solo due ore, si passa dalla commedia agrodolce al dramma catartico. I dialoghi sono ben fatti e catturano l’attenzione anche grazie alla riuscita, corale interpretazione recitativa.

Il ruolo di Parsons è fondamentale poiché crea un nesso tra tutti i personaggi, quelli che si sono accettati e quelli che si disprezzano. Hanno tutti un punto in comune: cercare di amare ed essere amati ed è quel rifiuto che sperimentano sulla pelle che impedisce loro di provare amore.

The Boys in the Band recensione film Zachary Quinto Jim Parsons
Tuc Watkins (Hank), Andrew Rannells (Larry), Matt Bomer (Donald), Jim Parsons (Michael), Zachary Quinto (Harold), Robin de Jesœs (Emory), Brian Hutchison (Alan), Michael Benjamin Washington (Bernard) e Charlie Carver (Cowboy)

Quell’oppressione è latente in ogni scena del film e sfrutta la sua origine teatrale per trasmettere la sensazione di come un lussuoso attico newyorkese, che potrebbe essere un Eden liberatorio, finisca alla fine per essere una gabbia d’oro.

The Boys in the Band è un riflesso fedele dello spirito originale, nonché un ritratto accurato della vita gay alla fine degli anni ’60. Forse il problema è rappresentato dalla sua eccessiva durata e dal fatto che alcuni personaggi rimangono abbozzati senza essere adeguatamente sviluppati. Mentre compaiono i titoli di coda, infatti, si ha la strana sensazione: che molti fronti rimangano aperti. Ma vale la pena vederlo, e non soltanto per lo straordinario cast.

Sintesi

The Boys in the Band è soprattutto uno sfoggio di grandi attori. Una trasposizione sofisticata che rappresenta bene la difficoltà di portare al cinema la sensazione di spazi chiusi e piccoli propri del teatro.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Space Jam: A New Legacy: trama cast e polemiche su Space Jam 2

Space Jam: A New Legacy: trama cast e polemiche su Space Jam 2 con Lebron James e i Looney Tunes Space Jam: A New Legacy,...

Critics Choice Awards vincitori: trionfa Nomadland, sorprese Carey Mulligan e Maria Bakalova

Critics Choice Awards vincitori: Nomadland vince Miglior Film, Miglior Sceneggiatura Non Originale, Miglior Fotografia e Miglior Regia La serata dei Critics Choice Awards tenutasi ieri notte...

WandaVision: il new deal inaugurato da Disney+ e Marvel

E se WandaVision avesse un senso più ampio nell'economia di Disney+ e Marvel? Un nuovo punto di vista sulla serie che ha letteralmente rotto...

Gli ultimi fuorilegge recensione film con Emile Hirsch e John Cusack [Anteprima]

Gli ultimi fuorilegge recensione film di Ivan Kavanagh con Emile Hirsch, John Cusack, Déborah François, Blake Berris, Danny Webb, Antonia Campbell-Hughes Gli ultimi fuorilegge è...

Ticket To Paradise: trama e cast del nuovo film con George Clooney e Julia Roberts

George Clooney e Julia Roberts ritornano a recitare insieme in Ticket To Paradise, film diretto da Ol Parker con Billie Lourd Dopo Ocean's Eleven, Ocean's...

Limbo: il nuovo film di Alejandro G. Iñárritu a sei anni da The Revenant

Alejandro G. Iñárritu con Limbo ritorna dietro alla macchina da presa a sei anni da The Revenant Due premi Oscar come regista per i capolavori...

Gangster n° 1 recensione film di Paul McGuigan con Malcolm McDowell

Gangster n° 1 recensione film scritto da Johnny Ferguson e diretto da Paul McGuigan con Malcolm McDowell, Paul Bettany e David Thewlis Gangster n° 1...

Christian Bale su Netflix con The Pale Blue Eye di Scott Cooper: trama e cast del film

The Pale Blue Eye di Scott Cooper con Christian Bale acquisito da Netflix per 55 milioni di dollari durante l'European Film Market Dall'1 al 5...

Cinema News: Russel Crowe sarà Mark Rothko, The Talisman di Stephen King su Netflix con Steven Spielberg

Cinema News by Night su MadMass.it Julie Taymor torna alla regia per Gun Love David Simon al lavoro su una nuova miniserie per HBO ...

WandaVision recensione episodio 9 Finale della Serie: la forza del brand Marvel

WandaVision recensione episodio 9 Finale della Serie: conclusione miniserie TV con Elizabeth Olsen e Paul Bettany e forza del brand Marvel Cinematic Universe - Prima...