The Boys in the Band

The Boys in the Band recensione film con Zachary Quinto e Jim Parsons [Netflix]

The Boys in the Band recensione film di Joe Mantello con Zachary Quinto, Jim Parsons, Matt Bomer, Andrew Rannells, Charlie Carver, Robin de Jesus, Brian Hutchinson e Michael Benjamin Washington

The Boys in the Band è l’adattamento dell’opera teatrale di Mart Crowley del 1968 e una sorta di remake revisionista della versione cinematografica diretta da Friedkin nel 1970 Festa per il compleanno del caro amico Harold.

Nato dall’accordo di Netflix con Ryan Murphy (American Horror Story, Hollywood, Ratched) questo remake è diretto da Joe Mantello che, già nel 2018, aveva messo in scena la versione teatrale a Broadway con i medesimi attori.

Jim Parsons e Matt Bomer
Jim Parsons e Matt Bomer

La storia è semplice. Un gruppo di amici gay si riunisce per il compleanno di Harold (Zachary Quinto) e con l’alcol che scorre a fiumi molti segreti iniziano ad emergere. La situazione si complica quando Alan (Brian Hutchinson), compagno di stanza del college di Michael (Jim Parsons), arriva improvvisamente alla festa. Lui non sa che il suo amico è omosessuale e mostra sin dal principio atteggiamenti omofobici. L’atmosfera divertita e allegra lascia il posto ad una ostilità densa e questa visita inaspettata causa l’avvio di un gioco che non avrebbe mai dovuto essere giocato.

Vengono così a galla conflitti personali e acrimonie tra ogni membro del gruppo, assurde manifestazioni di amore e mancanze di autostima che emergono via via durante la serata attraverso conversazioni sulla sessualità, sull’accettarsi, sulla monogamia e sulla religione.

Zachary Quinto
Zachary Quinto

Il punto di forza di questa versione sono gli attori. Parsons è un perfetto direttore d’orchestra, per il pubblico scinderlo da Sheldon Cooper non è un’impresa facile, ma grazie ad una performance di feroce capacità attoriale, l’attore riesce nella sua missione e offusca il personaggio di The Big Bang Theory.

Ma è Zachary Quinto a rubare la scena. Il suo arrivo alla festa (nel ruolo del cinico, aristocratico, sofferto e distante Harold) rappresenta una doccia fredda per il gruppo. La sua presenza è imponente e il suo rapporto di amore/odio con Parsons fa scintille. Che siano rimproveri, sguardi seducenti o commenti ironici, quest’uomo obbliga lo spettatore a prestargli attenzione perché quando parla tutti tacciono.

Jim Parsons, Robin de Jesœs, Michael Benjamin Washington e Andrew Rannells
Jim Parsons, Robin de Jesœs, Michael Benjamin Washington e Andrew Rannells

Insieme a loro ci sono: il promiscuo Larry (Andrew Rannells), il fedele Hank (Tuc Watkins), l’intellettuale Donald (Matt Bomer), l’esuberante Emory (Robin de Jesus) e il sensibile Bernard (Michael Benjamin Washington).

Questo brillante gruppo sublima e incarna ogni stato d’animo immaginabile in solo due ore, si passa dalla commedia agrodolce al dramma catartico. I dialoghi sono ben fatti e catturano l’attenzione anche grazie alla riuscita, corale interpretazione recitativa.

Il ruolo di Parsons è fondamentale poiché crea un nesso tra tutti i personaggi, quelli che si sono accettati e quelli che si disprezzano. Hanno tutti un punto in comune: cercare di amare ed essere amati ed è quel rifiuto che sperimentano sulla pelle che impedisce loro di provare amore.

The Boys in the Band recensione film Zachary Quinto Jim Parsons
Tuc Watkins (Hank), Andrew Rannells (Larry), Matt Bomer (Donald), Jim Parsons (Michael), Zachary Quinto (Harold), Robin de Jesœs (Emory), Brian Hutchison (Alan), Michael Benjamin Washington (Bernard) e Charlie Carver (Cowboy)

Quell’oppressione è latente in ogni scena del film e sfrutta la sua origine teatrale per trasmettere la sensazione di come un lussuoso attico newyorkese, che potrebbe essere un Eden liberatorio, finisca alla fine per essere una gabbia d’oro.

The Boys in the Band è un riflesso fedele dello spirito originale, nonché un ritratto accurato della vita gay alla fine degli anni ’60. Forse il problema è rappresentato dalla sua eccessiva durata e dal fatto che alcuni personaggi rimangono abbozzati senza essere adeguatamente sviluppati. Mentre compaiono i titoli di coda, infatti, si ha la strana sensazione: che molti fronti rimangano aperti. Ma vale la pena vederlo, e non soltanto per lo straordinario cast.

Sintesi

The Boys in the Band è soprattutto uno sfoggio di grandi attori. Una trasposizione sofisticata che rappresenta bene la difficoltà di portare al cinema la sensazione di spazi chiusi e piccoli propri del teatro.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

The Wilds recensione serie TV di Sarah Streicher con Rachel Griffiths [Amazon Prime Video Anteprima]

The Wilds recensione serie TV di Sarah Streicher con Rachel Griffiths, Sophia Ali, Shannon Berry, Jenna Clause, Reign Edwards, Mia Healey e Sarah Pidgeon Quando un gruppo...

Kiss Kiss Bang Bang recensione film di Shane Black con Robert Downey Jr. e Val Kilmer [Flashback Friday]

Kiss Kiss Bang Bang recensione del film di Shane Black con Robert Downey Jr., Val Kilmer, Michelle Monaghan, Shannyn Sossamon e Corbin Bernsen Nel 1983, a...

Quarto potere recensione film di e con Orson Welles

Quarto potere recensione del film diretto e interpretato da Orson Welles con Joseph Cotten, Erskine Sanford, Dorothy Comingore, Ray Collins, Everett Sloane e William...

Cinema News del 4 dicembre [Rassegna Stampa]

Warner Bros. fa il grande passo La Fatale Hilary Swank Si arricchisce il cast di Hawkeye Cynthia Erivo e la Regina Vittoria La...

Il magico mondo della saga Harry Potter al cinema: origini storia e curiosità [Throwback Thursday]

La saga cinematografica di Harry Potter è sicuramente una delle più amate dai bambini (e dagli adulti). Ricordiamone insieme origini, storia e curiosità Ormai il...

Kadaver recensione film di Jarand Herdal con Gitte Witt [Netflix]

Kadaver recensione film di Jarand Herdal con Gitte Witt, Thomas Gullestad, Thorbjørn Harr, Maria Grazia Di Meo e Gjermund Gjesme disponibile su Netflix Nel futuro distopico...

Cinema News del 3 dicembre [Rassegna Stampa]

Emma Stone lascia Babylon Gal Gadot ha un cuore di pietra Jason Statham di nuovo spia Jason Statham di nuovo criminale Hawkeye ha...

Sebastian Jones: intervista al filmmaker e montatore di Terrence Malick

Intervista a Sebastian Jones, regista e montatore di Terrence Malick noto per Everybody's Everything, La vita nascosta - Hidden Life e Song to Song Sebastian...

Blackpink: Light Up the Sky recensione film documentario sulla K-pop band Blackpink [Netflix]

Blackpink: Light Up the Sky recensione documentario di Caroline Suh con Jennie Kim, Ji-soo Kim, Lalisa Manoban e Rosé dedicato alla K-pop band Blackpink Il...

Cinema News del 2 dicembre [Rassegna Stampa]

Il trailer di The Mauritanian Il making of de Il Padrino… Parte Seconda Jada Pinkett Smith in Redd Zone Il nuovo Van Helsing ...