The Aeronauts

The Aeronauts recensione [#RomaFF14]

The Aeronauts recensione in anteprima del film diretto da Tom Harper con Eddie Redmayne e Felicity Jones presentato alla Festa del Cinema di Roma

Di storie vere ambientate nella Londra vittoriana ce ne sono fin troppe. Il loro successo è dovuto, molto probabilmente al loro estremo fascino, senza tempo. Anni di scoperte, di rivoluzioni, di evoluzioni. Per questo le narrazioni che parlano di questo determinato periodo storico sono così amate dal cinema. Riescono a portare indietro nel tempo lo spettatore, a quando ancora tutto (o quasi) era una scoperta. A quando ogni novità portava stupore ed esaltazione. C’è da dire però, che il mercato cinematografico è saturo di questo tipo di film e raramente una rivisitazione del tema (sopratutto nell’ambito della “storia vera”) porta il successo sperato.

MadMass.it consiglia by Amazon

Dopo anni e anni tra le sporche e devastate strade della Londra ottocentesca, The Aeronauts ci porta su, alto nel cielo, alla ricerca di un punto di vista diverso dal solito. E, in parte, riesce nel suo intento. Peccato per l’atterraggio un po’ brusco. Lo abbiamo visto in anteprima in occasione della Festa del Cinema di Roma.

Eddie Redmayne e Felicity Jones
Eddie Redmayne e Felicity Jones sorvolano il cielo di Londra in The Aeronauts

Al centro di questa storia “tra le nuvole” troviamo Amelia Wren (Felicity Jones) e James Glaisher (Eddie Redmayne), rispettivamente un’aeronauta navigata e uno scienziato che non ha mai messo piede su di una mongolfiera. I due si imbarcano nella coraggiosa impresa di battere il record francese del punto più alto mai raggiunto dall’uomo. Ma non solo. Scopo del viaggio è anche riuscire ad analizzare la situazione meteorologica nei cieli per riuscire a prevedere le condizioni meteo. Ovviamente, l’avventura si rivelerà più complicata del previsto, portando i due insoliti compagni di viaggio a dover affrontare condizioni estreme in una situazione fuori dal loro controllo.

In sostanza, è un film di sopravvivenza a settemila metri d’altezza. Questa condizione di precarietà, condizionata dallo spazio estremamente ristretto e instabile sul quale i due protagonisti si trovano a vivere per un paio d’ore, è un’esperienza sostanzialmente nuova allo spettatore. Egli conosce bene la terra, a tal punto da non aver più paura delle difficoltà che minacciano l’incolumità dei protagonisti su di essa, ma quando si trova a contatto con un territorio parzialmente sconosciuto, l’ansia inizia a prendere il sopravvento, anche se, bene o male, lo spettatore già sa come si concluderanno gli eventi.

Felicity Jones
Felicity Jones lotta per la sopravvivenza in The Aeronauts

The Aeronauts recensione
Il “veicolo” della tensione in The Aeronauts

Tom Harper è riuscito a dare un punto di vista interessante al film, utilizzando delle accortezze tecniche molto particolari e dinamiche, come l’apprezzata scelta di utilizzare obiettivi e lenti differenti per rappresentare “mondi diversi”: teleobiettivi che, man mano che ci si avvicina ad altezze pericolose, diventano grandangoli estremi (quasi fisheye). Tuttavia, seppur tecnicamente il film si dimostri interessante, non riesce mai veramente a spiccare rispetto quanto visto in passato. È un buon film di avventura, che fa provare una tensione diversa dal solito, ma nulla più di questo. È uno spettacolo di varietà, come quello performato da Amelia all’inizio del film. Intrattenimento allo stato puro. Cinema delle attrazioni.

The Aeronauts: la locandina
The Aeronauts: la locandina

Sintesi

The Aeronauts è un film senz'altro interessante. Intrattiene e lascia con il fiato sospeso per quasi tutta la sua durata, ma non ha il coraggio di osare e di provare ad apportare qualche miglioria a un cinema ormai saturo di narrazioni ispirate a storie vere di persone vere che però vengono, inevitabilmente, romanzate per portare quel tocco di vivacità in più a un'esistenza che poteva molto tranquillamente continuare il suo eterno riposo indisturbata.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38 Unico alfiere a rappresentare l’Italia...