Squatter

Squatter recensione [Netflix]

Squatter – Get In recensione film di Olivier Abbou con Adama Niane, Stéphane Caillard, Paul Hamy e Hubert Delattre disponibile in streaming su Netflix

Da sempre affascinata dai film tratti da storie vere, vederli permette di identificarsi nei personaggi, nelle loro vite o nei loro problemi, creando più facilmente quell’empatia che a volte, a causa dell’esagerata anima fiction delle pellicole, è praticamente impossibile sentire. Questo è l’effetto che Squatter, film francese scritto e diretto da Olivier Abbou nel 2019 e disponibile su Netflix, crea nello spettatore fin dalle inquadrature iniziali.

Tutto sembra vero e reale fin dall’inizio. Le immagini di una famiglia felice in vacanza al mare si susseguono senza lasciar presagire la drammaticità della vicenda realmente accaduta a una coppia della tranquilla cittadina di Port Leucate nel 2013. Abbou è rimasto talmente colpito dal fatto di cronaca da voler trasformare lo stesso in un film, ovviamente modificando l’evolversi e la fine della triste vicenda e adattandola a un pubblico amante del thriller psicologico.

Adama Niane e Stéphane Caillard
Adama Niane e Stéphane Caillard

Adama Niane, Stéphane Caillard e Hubert Delattre
Adama Niane, Stéphane Caillard e Hubert Delattre

La famiglia Diallo, composta da Paul (Adama Niane), Chloé (Stéphane Caillard) e il loro bambino, al ritorno dalle loro vacanze estive ritrova la loro casa occupata dalla coppia di amici ai quali l’avevano temporaneamente prestata come appoggio per superare un periodo economico difficile. Vano è il timido tentativo da parte dei giovani coniugi di far riflettere gli amici a liberare e restituire la loro abitazione, i quali tuttavia fanno subito capire ai Diallo di non aver nessuna intenzione di andarsene. Dopo essersi appellati alla polizia e a diversi avvocati, a Paul e Chloé non rimane che occupare il loro bellissimo giardino con lo stesso camper con cui sono andati in vacanza e che ora si trasforma nella loro nuova casa.

Fin qui la vicenda, abbastanza frequente nella realtà, sembra assomigliare alla banale occupazione di una casa da parte di inquilini che, non avendo altro modo di pagare un affitto, si appropriano di uno spazio che non è il loro. Il regista francese è molto bravo a passare da situazioni kafkiane, in cui la coppia sembra intrappolata nel vortice legislativo che paradossalmente non è dalla loro parte, a toni ben più cupi e tesi, tipici del genere thriller psicologico.

Squatter - Get In di Olivier Abbou
Squatter – Get In di Olivier Abbou

Squatter - Get In recensione film Netflix
Squatter – Get In

La virata alla tensione emotiva si raggiunge quando Paul, uomo mite e riflessivo, si fa convincere dal ex compagno della moglie Mickey (Paul Hamy), il proprietario del camping dove hanno dormito le prime notti, ad architettare un piano più vendicativo e del tutto irrazionale per cacciare i loro ormai ex amici. L’ingenuo professore, toccato nell’orgoglio dalla compagna che lo taccia di essere poco virile nel gestire la situazione, si fa trascinare in un mondo a lui del tutto nascosto fatto di eccessi, droga e vendetta.

La situazione degenera in un finale violento ed eccessivo, quasi a ricordare le spietate aggressioni dei protagonisti mascherati di Arancia Meccanica, in cui lo psicopatico Mickey tenta di risolvere a modo suo lo sgombero dell’abitazione dei Diallo.

Numerose le riflessioni rivolte allo spettatore che il regista inserisce nella trama, quali il paradosso della legge che spesso invece di tutelare fa l’esatto contrario e la frustrazione che ne deriva, l’antitesi tra Paul, l’intellettuale razionale, e Mickey, il rozzo senza regole, l’inutilità della vendetta che genera solo un vortice di odio inutile e fine a se stesso.
Come direbbe Gandhi, occhio per occhio e il mondo diventa cieco.

Sintesi

Film francese del 2019 diretto da Olivier Abbou, Squatter - Get In è tratto da una storia vera. Coinvolgente sin dai primi minuti, racconta la storia di una coppia di giovani coniugi a cui viene occupata l’abitazione da quelli che in realtà dovevano essere i loro amici. La pellicola convince sia per la suspense crescente sia per i temi trattati, quali l’emergenza abitativa, la intricata burocrazia legislativa e la dicotomia tra bene e male.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...