Ron - Un amico fuori programma

Ron – Un amico fuori programma recensione film d’animazione [RomaFF16]

Ron - Un amico fuori programma è un ottimo film d'animazione che mette al centro una riflessione sull'amicizia nell'epoca della connessione digitale: la recensione

Ron – Un amico fuori programma recensione film d’animazione di Sarah Smith, Jean-Philippe Vine e Octavio E. Rodriguez presentato ad Alice nella Città

Che piaccia o meno, oggi si nasce sotto il segno dei dispositivi digitali. Magari è ancora presto per avere qualcosa di simile a Ron – Un amico fuori programma, ma il progresso impone nuove competenze e nuovi scenari con cui relazionarsi fin da quando si prende coscienza della propria esistenza. Sta finalmente entrando nel famoso immaginario comune l’idea che strumenti come lo smartphone e Internet siano la normalità di questo periodo storico. Una precisazione ancora necessaria in un mondo in completa transizione digitale, soprattutto, per chi ci dovrà fare i conti nel prossimo futuro.

MadMass.it consiglia by Amazon

È questo uno dei meriti più grandi del primo lungometraggio d’animazione dello studio Locksmith Animation, oltre ovviamente ad avere creato, con il B*Bot, il prossimo fenomeno di merchandise della Disney. Raccontare una storia futuribile, ma perfettamente radicata nel presente vuole dire riuscire a intercettare una platea con una base di giovanissimi rimanendo trasversale senza perdere efficacia.
Come si fa a resistere ad un robot con simpatici malfunzionamenti software con la voce di Lillo (Zach Galifianakis nella versione americana) che ci ricorda come niente può (ancora) sostituire gli algoritmi umani?

Barney doppiato da Jack Dylan Grazer e Ron doppiato da Zack Galifianakis
Barney doppiato da Jack Dylan Grazer e Ron doppiato da Zack Galifianakis (Credits: 20th Century Studios)

Savanah doppiata in originale da Kylie Cantrall
Savanah doppiata in originale da Kylie Cantrall (Credits: 20th Century Studios)

La difficoltà che il piccolo Barney trova in una società che ha appena scoperto questo nuovo robot, capace di essere contemporaneamente amico e intermediario di nuove amicizie è quella di tante persone emarginate dal digital divide che colpisce tanto nella realtà quanto nella finzione le fasce più fragili della popolazione. Non potersi permettere quello che tutti sfoggiano con orgoglio a scuola è un piccolo dramma che molti si saranno trovati ad affrontare. È una storia con uno spiccato carattere di universalità ma la novità, finalmente, sta nel non risolvere una storia sull’amicizia nella demonizzazione della tecnologia in favore della vita all’aria aperta e senza elettricità, ma nel mostrare come questa debba essere pensata e inserita in un tessuto sociale.

I difetti e i glitch dello strambo Ron sono la variabile impazzita che riaffermano il primato delle relazione umane senza cancellare il contributo che un device o un’intelligenza artificiale potrebbero apportare ai cambiamenti che stiamo affrontando. Il materiale di partenza rimane lo stesso, è il contesto a cambiare sulla nostra spinta e c’è ampio margine per riscriverne i protocolli di funzionamento. È giusto voler essere parte di un mondo che cambia come è altrettanto giusto voler riscriverne il codice inserendo un pizzico di umanità.

Ron – Un amico fuori programma è un inno alla contemporaneità e a un avvenire costellato di tecnologia che può essere radioso solo e soltanto se mantiene come misura i bambini e di conseguenza gli adulti che formeranno la società del domani.

Ron - Un amico fuori programma recensione film d'animazione
Ron – Un amico fuori programma film d’animazione di Sarah Smith, Jean-Philippe Vine e Octavio E. Rodriguez presentato ad Alice nella Città (Credits: 20th Century Studios)

Ron - Un amico fuori programma, con le voci italiane di Lillo e Miguel Gobbo Diaz
Ron – Un amico fuori programma, con le voci italiane di Lillo e Miguel Gobbo Diaz (Credits: 20th Century Studios)

Ron e Barney
Ron e Barney (Credits: 20th Century Studios)

Sintesi

Ron - Un amico fuori programma non risolve una storia sull'amicizia nella demonizzazione della tecnologia in favore della vita all'aria aperta e senza elettricità, ma mostra come questa debba essere pensata e inserita in un tessuto sociale. Un inno alla contemporaneità e a un avvenire costellato di tecnologia che può essere radioso solo e soltanto se mantiene come misura i bambini e di conseguenza gli adulti che formeranno la società del domani.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli