Red

Red recensione film d’animazione di Domee Shi [Disney+ Anteprima]

Red, venticinquesimo film Pixar, è sia una sorpresa che una conferma per la casa produttrice di Emeryville. La nostra recensione

Red recensione film d’animazione Disney Pixar di Domee Shi con Rosalie Chiang, Sandra Oh e le voci italiane di Shi Yang Shi e Marco Maccarini

Come comunicare il delicato periodo della pubertà attraverso le immagini in movimento? È una domanda che il cinema si pone da diverso tempo, e che ha trovato un slancio importante dagli anni Ottanta sino a oggi. Uno dei modi che la cinematografia ha trovato per raccontare questo periodo di transizione è la metamorfosi (di evidente matrice kafkiana), ovvero far piombare sui protagonisti un cambiamento inaspettato che li porta a confrontarsi con un nuovo “sé”.
Il più recente, nonché venticinquesimo lungometraggio targato Pixar, Red, tratta proprio di questa evoluzione, ma lo fa in maniera del tutto particolare.

Il film è significativamente ambientato in una Toronto dei primi anni Duemila, tra boy band, Tamagotchi e videocamere portatili. Qui vive Meilin Lee, una tredicenne da sempre ligia al dovere, ma che, improvvisamente, scopre di avere delle “pulsioni”, a suo avviso, sbagliate. Pur cercando di nasconderle a sua madre, una donna molto amorevole, ma anche molto apprensiva, finisce per venire scoperta, cosa che la porterà a un grande imbarazzo davanti ai suoi compagni di scuola. A causa di questo miscuglio di emozioni, da un giorno all’altro qualcosa in lei muta, ma non nel modo in cui ci si aspetterebbe. Infatti, la giovane Mei deve imparare a fare i conti con la sua “bestia” interiore, un grande panda rosso nel quale si trasforma ogni volta che le emozioni hanno il sopravvento.

Mei Lee interpretata da Rosalie Chiang
Mei Lee interpretata da Rosalie Chiang (Credits: Disney/Pixar)
Mei Lee che si trasforma in un panda rosso
Mei Lee che si trasforma in un panda rosso (Credits: Disney/Pixar)

Metamorfosi che è metafora, la scelta della regista Domee Shi diventa il fulcro di questa narrazione piena di imprevisti, momenti di forte identificazione e sequenze esilaranti. Il tutto grazie a una linea stilistica che si distacca completamente dalla solita poetica pixariana per andare incontro a un miscuglio generazionale che ricopre più di trent’anni di storia dell’audiovisivo. Un cambio di rotta che, probabilmente, è stato possibile solo grazie all’allontanamento del leggendario John Lasseter, la cui ricerca dell’american way of life ha sempre condizionato (in modo più o meno evidente) le produzioni della fortunata casa d’animazione.

Nel caso di Red, ci troviamo a confronto con una ricerca dell’iperattività visiva, tra movimenti di macchina spesso irrealistici e animazioni che riecheggiano la tradizione degli anime orientali. A scontrarsi con questa stilizzazione, sia visiva che caratteriale, troviamo la solita ricerca dell’iperrealismo che contraddistingue da sempre i film della casa produttrice di Emeryville.

Red recensione film d'animazione Disney Pixar di Domee Shi
Red il film d’animazione Disney Pixar di Domee Shi con Rosalie Chiang e Sandra Oh (Credits: Disney/Pixar)
Mei Lee che si trasforma in un panda rosso
Mei Lee che si trasforma in un panda rosso (Credits: Disney/Pixar)

Anche questa volta, il livello qualitativo che compone l’immagine a schermo rappresenta un ulteriore traguardo tecnologico, dimostrando che la Pixar, pur magari avendo perso colpi nel campo della sperimentazione di stili, guida ancora l’innovazione prettamente tecnica. Le strade di Toronto, i suoi grattacieli, i suoi interni sono la colla che lega il design caricaturale dei personaggi alla ricerca di un ambiente spiccatamente realistico. Accompagnato da una musicalità che catapulta direttamente all’inizio del secolo, il mondo creato dagli artisti della Pixar prende vita in modo irrequieto e dinamico grazie alla regia di Domee Shi.

Tra un ferreo utilizzo delle “regole” cinematografiche e una loro decostruzione resa possibile dalla natura digitale del progetto, il film dondola costantemente tra il rispetto della tradizione e la completa abolizione di quest’ultima, esattamente come gli sbalzi d’umore che segnano la nuova vita “bestiale” di Meilin.

Sintesi

Potrebbe apparire come un progetto secondario, lontano dai soliti standard narrativi alla quale Pixar ci ha abituato negli anni, ma non è così: pur senza troppe pretese, la forza dell'opera di Domee Shi sta nel richiamare al passato pur guardando al futuro. Questa storia senza tempo, che può essere ambientata oggi come venti, trenta, cent’anni fa, è capace di attraversare le generazioni. Nonostante le innumerevoli iperboli, Red resta un racconto genuino, emozionante, che magari non lascerà il suo nome impresso nella mente dello spettatore, ma che, ad ogni modo, sarà capace di significare nel momento della sua fruizione, andando a colpire quel bambino "dalle tinte rosse" che dimora nei ricordi di tutti noi.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Potrebbe apparire come un progetto secondario, lontano dai soliti standard narrativi alla quale Pixar ci ha abituato negli anni, ma non è così: pur senza troppe pretese, la forza dell'opera di Domee Shi sta nel richiamare al passato pur guardando al futuro. Questa storia senza tempo, che può essere ambientata oggi come venti, trenta, cent’anni fa, è capace di attraversare le generazioni. Nonostante le innumerevoli iperboli, Red resta un racconto genuino, emozionante, che magari non lascerà il suo nome impresso nella mente dello spettatore, ma che, ad ogni modo, sarà capace di significare nel momento della sua fruizione, andando a colpire quel bambino "dalle tinte rosse" che dimora nei ricordi di tutti noi.Red recensione film d'animazione di Domee Shi [Disney+ Anteprima]