Piccole donne

Piccole donne recensione

Piccole donne, nonostante essere il settimo adattamento del famoso romanzo, riesce a raccontare con freschezza una storia ancora oggi estremamente attuale.

Piccole donne recensione del settimo adattamento del romanzo di Louisa May Alcott diretto da Greta Gerwig con Saoirse Ronan, Florence Pugh, Emma Watson, Meryl Streep, Laura Dern e Timothée Chalamet

Esattamente come per i remake, essere figli di opere che hanno cambiato il panorama sociale di un determinato periodo storico non è mai facile. Ci vuole poco per cadere nel “già visto” o nel banale. Forse ancora più che per i remake, essere eredi di storie e racconti porta il pubblico a guardare con reticenza la nuova opera che si è venuta a creare. La situazione diventa ancora più complessa quando si è sia figli di un’opera che remake degli altri figli della stessa. In pochi sono riusciti a emergere nonostante l’enorme peso sulle spalle (ne è un esempio quel capolavoro visivo fin troppo sottovalutato che è il Macbeth di Justin Kurzel). Di conseguenza, non sapevamo cosa aspettarci da un film come Piccole donne. Difficilmente si può dire qualcosa di più dopo che sette tra “fratelli e sorelle” ti hanno preceduto. Tuttavia, Greta Gerwig è riuscita nell’impossibile, portando in sala un film fresco, divertente, tagliente, che non ci si aspetta, ma di cui avevamo estremamente bisogno.

Piccole donne recensione
Le sorelle March in una delle scene del film

Anche in questo adattamento di Piccole donne seguiamo la vita delle sorelle March, Meg (Emma Watson), Amy (Florence Pugh), Beth (Eliza Scanlen) e Jo (Saoirse Ronan). Quest’ultima è sempre la trave portante della narrazione, seppur venga lasciato parecchio spazio anche agli altri personaggi. Forse più di ogni altro aspetto, sono le interpretazioni a dirigere la pellicola, con delle prove attoriali di altissimo livello (la Streep regala una delle sue migliori performance degli ultimi anni), che spaziano dalla leggerezza della giovinezza fino alle difficoltà e ai traumi della vita adulta. Perché anche questo è Piccole donne, ovvero un racconto di formazione, di passaggio di età, l’arrivo della maturità, che sembra radere al suolo tutto il mondo che si era costruito intorno a noi negli anni dell’infanzia, ma che poi si scopre essere solo la diretta conseguenza della vita, con la quale dobbiamo sempre venire a patti.

Timothée Chalamet e Florence Pugh
Timothée Chalamet e Florence Pugh in una delle scene del film

Piccole donne recensione
Florence Pugh, Saoirse Ronan ed Emma Watson in una delle scene di Piccole donne

Senza la Gerwig dietro la macchina da presa forse non sarebbe stato possibile riproporre con tanta potenza e attualità una storia estremamente legata all’età contemporanea. La sua regia è delicata, mai invasiva, solo con alcuni momenti nei quali si prende qualche “libertà artistica” più marcata. Questo probabilmente perché ciò che interessa portare su schermo sono le vicende di queste giovani donne, la loro volontà, la forza di carattere che le aiuta a superare ogni difficoltà in un mondo che sembra respingerle perché non le rispetta in quanto persone e artiste. Di conseguenza, sta a loro riuscire ad aggirare le “norme” sociali per ritagliarsi il loro spazio nel mondo, uno spazio nel quale possano scegliere chi essere e come vivere la propria esistenza.

Saoirse Ronan e Timothée Chalamet
Saoirse Ronan e Timothée Chalamet in una scena del film

La visione della Gerwig riesce a portare lo spettatore nelle peculiari atmosfere del XIX secolo, eppure a radicare profondamente la storia nel tessuto del XXI. Si assiste a uno scambio continuo tra passato e presente. Una cosa, questa, che non è solito vedere in produzioni di questo tipo (anche se non è di certo un elemento inedito del genere). Sembra quasi una fiaba, con questa casa di sole donne quasi scollegate dal mondo esterno, dove le sorelle sono anche le migliori amiche di loro stesse. Dove la figura maschile è qualcosa di “esotico”, spaventosa ma allo stesso tempo attraente. Dove le arti prosperano in un mondo fatto di scienza. Ma tutto ciò non è una fiaba. È la vita che si ribella a se stessa, si ribella alle restrizioni imposte dalla società, vive secondo i suoi principi.

Piccole donne recensione
Jo (Saoirse Ronan), Amy (Florence Pugh) e Meg (Emma Watson) in uno dei loro spettacoli teatrali domestici

Emma Watson
Emma Watson è Meg, la maggiore delle sorelle March

Le sorelle March non sono altro che la personalità femminile nel suo complesso, scissa in quattro parti uguali, che si compensano a vicenda. Responsabilità, irascibilità, dolcezza, infantilità, maturità, delicatezza, forza, sicurezza. Queste sono solo alcune delle parole chiave che vengono in mente assistendo alle loro strane (ma estremamente vere) vicende. Insieme formano la Donna, la femminilità che cerca di sopravvivere in un mondo avverso, dove l’Uomo ha conquistato con la forza la sua condizione di supremazia. Quindi, ciò che resta loro da fare è eludere le estremamente fallibili “difese” dell’universo maschile per riuscire non tanto a prevalere, ma a far sentire la loro voce, forte quanto sublime, dirompente quanto elegante.

Piccole donne: il poster
Piccole donne: il poster

Sintesi

Piccole donne è un film necessario. La Gerwig è riuscita a portare su schermo non soltanto un mondo femminile forte, che sa come autosostentarsi, ma anche un racconto di formazione estremamente potente, che può e che continuerà a ispirare generazioni con la sua semplicità, la sua schiettezza, la sua acutezza. Questo perché, pur restando ancorato al passato, si radica nel tessuto contemporaneo con la stessa forza di quel 1868. Piccole donne è un film che, in definitiva, tutti dovrebbero vedere, per ridere, per piangere, ma soprattutto, per aprire gli occhi e iniziare a notare un mondo che è sempre esistito, ma che abbiamo per troppo tempo fatto finta di non vedere.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Cinema News del 19 gennaio [Rassegna Stampa]

La prima immagine di Luca James Gunn inizia le riprese di Peacemaker Matt Damon apparentemente in Thor: Love and Thunder Brevissime Il Martin Luther...

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain e John Malkovich [Netflix]

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain, John Malkovich, Colin Farrell, Common, Geena Davis, Jess Weixler, Diana Silvers e Joan Chen Non chiamare...

I cancelli del cielo recensione film di Michael Cimino con Kris Kristofferson e Isabelle Huppert

I cancelli del cielo recensione del film di Michael Cimino con Kris Kristofferson, Isabelle Huppert, Christopher Walken, Jeff Bridges, John Hurt e Sam Waterston Dalle stelle...

Intervista ad Alessandro Grande regista del film Regina

Intervista ad Alessandro Grande, regista di Regina, film in concorso al 38° Torino Film Festival Lo abbiamo visto e recensito in occasione della 38esima edizione...

Cinema News del 18 gennaio [Rassegna Stampa]

Jane in Love Il secondo film di Michele Vannucci La storia di Laila Bertheussen Flack Il trailer di Fear of Rain Brevissime Cinema News...

WandaVision recensione serie TV con Elizabeth Olsen e Paul Bettany [Disney+]

WandaVision recensione serie TV Disney+ diretta da Jac Shaeffer con Elizabeth Olsen, Paul Bettany, Kathryn Hahn, Teyonah Parris, Kat Dennings, Randall Park, Debra Jo Rupp...

Cinema News del 17 gennaio [Rassegna Stampa]

Heart of Stone con Gal Gadot su Netflix The Tragedy of Macbeth di Joel Coen con Denzel Washington e Frances McDormand Mortal Kombat:...

L’eredità della vipera recensione film di Anthony Jerjen con Josh Hartnett [Anteprima]

L'eredità della vipera recensione film di Anthony Jerjen con Josh Hartnett, Margarita Levieva, Owen Teague, Bruce Dern, Tara Buck e Chandler Riggs Nessuno può prevedere...

Cinema News del 16 gennaio [Rassegna Stampa]

Cinema italiani chiusi fino al 5 marzo 2021 Bong Joon-ho presidente di Giuria alla Mostra del Cinema di Venezia The Last Of Us:...

Fuori orario recensione film di Martin Scorsese con Griffin Dunne [Flashback Friday]

Fuori orario recensione del film di Martin Scorsese con Griffin Dunne, Rosanna Arquette, Linda Fiorentino, Teri Garr, John Heard, Will Patton e Rocco Sisto Nonostante...