Night in Paradise

Night in Paradise recensione [Venezia 77]

Night in Paradise recensione film di Park Hoon-jung con Eom Tae-goo, Jeon Yeo-been, Cha Seoung-won, Lee Ki-young e Park Ho-san

Seppur Nak-won-eui-bam – Night in Paradise non sia il film d’apertura della 77esima Mostra del Cinema di Venezia, è sicuramente fra i primi a emergere e farsi notare tra il pubblico del festival.

Il sudcoreano Park Hoon-jung porta sullo schermo un gangster movie intenso e positivamente fuori dalle righe. A renderlo straordinario è la trama, non si tratta solo di splatter, guerra fra bande, omicidi e mirabolanti combattimenti; Night in Paradise indaga a fondo la sfera emotiva dei personaggi.

Eom Tae-goo
Eom Tae-goo

Il protagonista Tae-gu (interpretato da Eom Tae-goo) fin dall’incipit viene connotato in un momento di intimità familiare, il riconcilio con la sorella malata e la piccola nipotina che adora viziare. Criminale sul lavoro e bravo ragazzo in famiglia, sa scindere perfettamente le due sfere della vita e non ha vergogna nel mostrare i segni della fatica.
Tae-gu vendica l’omicidio di sua sorella e sua nipote innescando il classico meccanismo di caccia all’uomo e di lealtà fra gangster. Non aveva però fatto i conti con una ragazza, Jae-yeon (Jeon Yeo-been), una femme fatale 2.0 che conquista il cuore e la mente del suo innamorato mostrandosi a nudo, creando problemi e comportandosi senza paura di nulla.

Night in Paradise recensione Venezia 77
Night in Paradise di Park Hoon-jung

Tae-gu e Jae-yeon piacciono perché non sono banali né melensi, sono una coppia che avrebbe potuto essere ma non sarà mai. Night in Paradise non vuole stupire con artefici estetici o di linguaggio ma creando personaggi tridimensionali e empatici senza far mancare momenti di sceneggiatura ironici e leggeri. Jae-yeon è la protagonista che serviva in un film così. Testarda, forte e impavida, una femme fatale rivisitata e aggiornata capace di tutto pur di ottenere ciò che desidera.

Night in Paradise parla di vendetta e di rapporti umani che legano anche gli antagonisti nelle favole. È il film di cui questo festival aveva bisogno.

Jeon Yeo-been
Jeon Yeo-been

Sintesi

Night in Paradise parla di vendetta e di rapporti umani che legano anche gli antagonisti nelle favole. Park Hoon-jung porta sullo schermo un gangster movie intenso e fuori dalle righe che indaga a fondo la sfera emotiva dei personaggi.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Night in Paradise recensione [Venezia 77]Night in Paradise parla di vendetta e di rapporti umani che legano anche gli antagonisti nelle favole. Park Hoon-jung porta sullo schermo un gangster movie intenso e fuori dalle righe che indaga a fondo la sfera emotiva dei personaggi.