My Sweet Grappa Remedies

My Sweet Grappa Remedies recensione [FEFF 22]

My Sweet Grappa Remedies recensione film di Akiko Ohku con Yasuko Matsuyuki, Haru Kuroki, Hiroya Shimizu, Kanji Furutachi e Katsuya Koiso

Mi chiedo se la donna che vedo allo specchio sia la stessa che vedono gli altri.
(My Sweet Grappa Remedies)

In questa frase pronunciata dalla dolce voce di Yoshiko Wakashima (Yasuko Matsuyuki) quasi sospirata in sottofondo con uno strategico voice over per tutta la durata del film, è incastonata l’essenza di My Sweet Grappa Remedies, deliziosa pellicola della regista Akiko Ohku.

Dopo la ventenne di Tremble All Tou Want (2017) e la trentenne di Marriage Hunting Beauty (2019) la regista giapponese continua a enfatizzare la figura femminile scegliendo stavolta una delicata quarantenne, eroina della quotidianità e della routine alienante.

Yasuko Matsuyuki e Haru Kuroki
Yasuko Matsuyuki e Haru Kuroki
Yasuko Matsuyuki
Yasuko Matsuyuki

Yoshiko è ormai una donna adulta ma la sua personalità particolare la fa sembrare quasi una bambina alla scoperta del mondo. La dolce protagonista si emoziona di molte cose con una sensibilità a volte al limite del fastidioso, si stupisce, si intristisce e si commuove, mostrando senza vergogna tutte le sue sfaccettature emotive. Si pone diversi punti interrogativi come quello di non essere diventata mamma in tempo, ma nonostante i rimpianti va avanti cercando di vedere il lato positivo in ogni cosa.

La sua monotonia è spesso interrotta dalla presenza della vivace Wakabayashi (Haru Kuroki), totalmente diversa da lei per età, stile e personalità. Nonostante le differenze le due iniziano e portano avanti una bellissima amicizia fatta di complicità e solidarietà, aspetti molto rari tra donne. Donna bizzarra con un’anima fragile e un’identità ancora poco definita, Yoshiko allieta le sue serate una volta con la grappa altre con il sakè o il vino rosso, ma non è affatto patetica nell’uso dell’alcool. Il suo piccolo vizio non sembra una scappatoia dai pensieri negativi ma sembra un premio che la protagonista si concede per placare il suo intenso e rumoroso flusso di coscienza.

Yoshiko si aggiunge alle “Fantastic Girls” della filmografia tutta al femminile di Akiko Ohku, che con My Sweet Grappa Remedies racconta la storia di una Bridget Jones in versione nipponica.

My Sweet Grappa Remedies recensione [FEFF 22]
Haru Kuroki e Yasuko Matsuyuki
Hiroya Shimizu e Yasuko Matsuyuki
Hiroya Shimizu e Yasuko Matsuyuki

Sintesi

Akiko Ohku continua la sua filmografia tutta al femminile, scegliendo questa volta una stravagante e bizzarra quarantenne, alle prese con la monotonia della sua quotidianità.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Akiko Ohku continua la sua filmografia tutta al femminile, scegliendo questa volta una stravagante e bizzarra quarantenne, alle prese con la monotonia della sua quotidianità.My Sweet Grappa Remedies recensione [FEFF 22]