A Beloved Wife

A Beloved Wife recensione [FEFF 22]

A Beloved Wife recensione film di Shin Adachi con Gaku Hamada, Asami Mizukawa, Chise Niitsu, Kaho e Eri Fuse presentato al Far East Film Festival 2020

Nella lingua giapponese esiste un termine, kakaa denka, che potrebbe tradursi in italiano con la frase: “moglie estremamente prepotente” – e Chika (Asami Mizukawa), la protagonista di A Beloved Wife di Shin Adachi, è veramente insopportabile.

Come in tantissimi film del panorama cinematografico giapponese che poi altro non sono che lo specchio della società stessa, porta avanti per inerzia un matrimonio con uno sceneggiatore sfigato e fallito, Gota (Gaku Hamada), continuamente sottomesso alle critiche e al disgusto della moglie nei suoi confronti e quando egli riuscirà a combinare un viaggio di lavoro nella Prefettura di Kagawa, nell’isola di Shikoku, per incontrare un’adolescente capace di fare spaghetti udon (specialità del posto) a velocità incredibile (ottimo materiale per la stesura di un copione), cercherà di convincere la moglie e la figlioletta ad andare con lui sia perché non sa guidare sia perché spera in una possibile riappacificazione di coppia, in modo tale da poter, finalmente, tornare a consumare dopo innumerevoli anni – è proprio così che infatti il film si apre, con quella che sembra essere una commedia su un giapponese che non fa sesso da tantissimo tempo e su come gli ormoni lo potrebbero portare a comportarsi da maniaco in gag esilaranti.

Gaku Hamada e Asami Mizukawa
Gaku Hamada e Asami Mizukawa

A Beloved Wife recensione [FEFF 22]
A Beloved Wife di Shin Adachi
Ma il regista preferisce prendere un’altra strada e attraverso il MacGuffin dell’incontro con l’adolescente, crea invece un road movie familiare dove quasi nulla succede per davvero se non litigi su litigi, tentativi di fare l’amore andati a male, allontanamenti coniugali dove sullo sfondo si erge la figura di una piccola bimba che deve sorbire quello che non è l’ambiente più adatto per crescere – un padre e una madre frustrati che si amano e si odiano, rinfacciamenti gratuiti che infangano il passato, fiumi di alcool che sono specchio della società giapponese e al contempo sinonimo di problema psicologico.

Sentirsi con un’altra sembra essere la cosa migliore da fare, è così, infatti, che Gota cerca di calmare i suoi ormoni, ma il profondo amore per quella donna che in fin dei conti gli è sempre stato accanto (anche se per inerzia) gli fa tornare alla mente i bei momenti passati (in qualche flashback qua e là), quando addirittura si comprava le mutandine rosse per portargli fortuna e lo aiutava con la stesura al pc dei copioni da lui scritti a mano.
Più che una “moglie adorata”, Chika (Asami Mizukawa) è una moglie isterica, rappresentata il più delle volte in vena umoristica ma davvero in grado di spazientire lo spettatore e farsi chiedere se Gota sia un sant’uomo o semplicemente uno zerbino solo e insolvente.

Gaku Hamada e Asami Mizukawa
Gaku Hamada e Asami Mizukawa

A Beloved Wife recensione [FEFF 22]
A Beloved Wife di Shin Adachi
Tratto da un romanzo parzialmente autobiografico del 2016 dello stesso regista, A Beloved Wife si dimostra una buona pellicola fiaccata tuttavia da lungaggini eccessive: sfianca lo spettatore che preferirebbe durasse almeno venti se non trenta minuti in meno, apre un possibile tradimento che non sa poi chiudere, include alcune gag giusto per spingere la narrazione e creare l’ennesimo alterco o il vero e proprio litigio, tralascia l’impatto emotivo o traumatico che il tutto creerebbe in qualsiasi bambino, e si conclude in un modo che non sembra poi così tanto coerente con qualche sequenza appena precedente al finale.

Come detto in apertura, di matrimoni giapponesi frustrati e senza speranza (forse), il cinema giapponese ne è veramente pieno e stavolta ci sentiamo di consigliarvi il grandissimo Tokyo Fist del maestro Shin’ya Tsukamoto, un film fuori di testa che ha a che vedere con la boxe e con le perversioni più profondo dell’animo umano. Se preferite invece un dramma coniugale ed esistenziale non c’è forse niente di meglio di Scene da un matrimonio di Ingmar Bergman, che ha ovviamente ispirato il film Netflix Storia di un matrimonio (Marriage Story) di Noah Baumbach.

Sintesi

Road movie familiare condito da litigi, frustrazioni e desideri sessuali insoddisfatti, A Beloved Wife rispecchia le fragilità della società giapponese passando dalla commedia al dramma coniugale, perdendosi tuttavia in lungaggini eccessive e tralasciando l'impatto emotivo e traumatico sulla prole.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto e Anna Foglietta [Amazon Prime Video]

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, Anna Foglietta e Marina Occhionero su Prime Video La storia raccontata da...

Logan – The Wolverine recensione film di James Mangold con Hugh Jackman

Logan - The Wolverine recensione del film di James Mangold, con Hugh Jackman, Patrick Stewart, Dafne Keen, Boyd Holbrook e Stephen Merchant Da un paio d'anni il...

Cinema News del 23 novembre [Rassegna Stampa]

Black Panther 2 inizierà le riprese a luglio Weekend su Amazon Prime Video a dicembre L’Associazione delle Film Commission Europee mette in palio...

The Salt in Our Waters recensione film di Rezwan Shahriar Sumit [TFF 38]

The Salt in Our Waters recensione film di Rezwan Shahriar Sumit con Fazlur Rahman Babu, Shatabdi Wadud e Titas Zia al Torino Film Festival 38 Si...

Mickey on the Road recensione film di Mian Mian Lu [TFF 38]

Mickey on the Road recensione film di Mian Mian Lu con Pao-Wen Yeh, Ya-Ling Chang, Ke-Li Miao, Yu Chieh Hsu presentato al Torino Film...

The Disaster Artist recensione film di e con James Franco

The Disaster Artist recensione del film diretto e interpretato da James Franco con Dave Franco, Alison Brie e Seth Rogen Nell'ormai lontano 2003, per la promozione del...

A Shot Through The Wall recensione film di Aimee Long con Kenny Leu [TFF 38]

A Shot Through The Wall recensione film di Aimee Long con Kenny Leu, Ciara Renée, Tzi Ma, Fiona Fu e Lynn Chen Fuori Concorso al...

Cinema News del 22 novembre [Rassegna Stampa]

Joaquin Phoenix protagonista del prossimo film di Ari Aster Channing Tatum mostro Universal con Phil Lord e Chris Miller Sia alla regia di...

Uncle Frank recensione film di Alan Ball con Paul Bettany e Sophia Lillis [Amazon Prime Video Anteprima]

Uncle Frank recensione film di Alan Ball con Paul Bettany, Sophia Lillis, Peter Macdissi, Judy Greer, Steve Zahn, Lois Smith e Margo Martindale Delicato road...

Identifying Features (Sin señas particulares) recensione film di Fernanda Valadez [TFF 38]

Identifying Features (Sin señas particulares) recensione film di Fernanda Valadez con Mercedes Hernández, David Illescas e Ana Laura Rodríguez “Tierra de oportunidades”: Magdalena riconosce in una...