Mò vi mento - Lira di Achille

Mò vi mento – Lira di Achille recensione

Mò vi mento – Lira di Achille recensione del film di Francesco Gagliardi e Stefania Capobianco con Enrica Guidi, Giovanni Scifoni, Daniele Monterosi, Benedetta Valanzano, Andrea Roncato, Alvaro Vitali e Tony Sperandeo

No, tranquilli, non c’è nessun errore nel titolo dell’opera prima di Francesco Gagliardi e Stefania Capobianco. È un gioco di parole che racchiude lo spirito di un film che guarda alla realtà politica italiana cercando di comprenderla attraverso la satira.

La commedia, in Italia, è uno dei pochi generi eternamente presente nelle programmazioni dei cinema nazionali a contrastare il monopolio americano. Ha un ruolo sottile nella rappresentazione del nostro Paese che difficilmente le viene riconosciuto, sacrificando arguzia e riflessione sull’altare della risata. Se non si ride, se non si è abbastanza leggeri non si staccano i biglietti e non si trovano i finanziamenti giusti per continuare a produrne. È un bel dilemma, da cui è difficile spesso uscire in maniera brillante. Le intuizioni degne di nota durano lo spazio di un paio di scene, sommerse tra sketch, product placement e branded content.

Enrica Guidi
Enrica Guidi in Mò vi mento – Lira di Achille

Mò vi mento - Lira di Achille
Mò vi mento – Lira di Achille

L’assunto di Mò vi mento – Lira di Achille è talmente semplice da essere praticamente ovvio: L’unico politico onesto è quello che ammette programmaticamente di sparare proclami a caso, tanto da includerli nel proprio slogan elettorale. La domanda da porsi viene altrettanto naturale: è abbastanza per metter su un lungometraggio? Probabilmente no e in soccorso arriva prontamente una storia d’amore che si intreccia con una politica disastrata per portare lo spettatore dall’inizio alla fine del film.

E la politica? E la satira? Il film promette qualcosa che poi non arriva o meglio esaurisce già nel titolo tutto che avrebbe potuto dire. Non basta essere politicamente scorretti mettendo in un calderone luoghi comuni e stereotipi per essere taglienti, non aiuta ricorrere all’amore per contestualizzare una trovata narrativa. Il risultato è un racconto annacquato da cattiverie gratuite senza capo ne coda, tutto giocato sulla forzatura comica e sull’esasperazione delle interpretazioni degli attori.

Mò vi mento - Lira di Achille
Tony Sperandeo in Mò vi mento – Lira di Achille

Mò vi mento - Lira di Achille
Il mitico Alvaro Vitali in una scena di Mò vi mento – Lira di Achille

Qualcuno lo ha definito caso, qualcuno lo ha definito profetico – tenendo conto che la genesi del film è precedente di qualche anno rispetto alla rivoluzione politica del 2018 – ma vuol dire tralasciare il quadro complessivo per soffermarsi su una parte nemmeno troppo importante del film. Non basta nemmeno aver scritturato tre vecchie glorie, in maniera diversa, del cinema italiano come Andrea Roncato, Alvaro Vitali e Tony Sperandeo per aggiungere un tocco di classe ad un cast giovane e semisconosciuto.

Se l’unico spunto di discussione è favorito dal continuo ricorso al gioco di parole che dà il nome alla pellicola, c’è un problema bello grosso. Se non sfiora, inoltre, chi il film lo produce, lo scrive, lo dirige, lo distribuisce e lo interpreta, senza margine di errore si può dire che il peccato è originale e non c’è nessun motivo valido per cui uno spettatore debba scontarne le pene per più di un’ora.

Sintesi

Il film guarda alla realtà politica italiana cercando di comprenderla attraverso la satira, tuttavia promette qualcosa che poi non arriva o meglio esaurisce già nel titolo tutto che avrebbe potuto dire.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Tutto in una notte recensione film di John Landis con Jeff Goldblum e Michelle Pfeiffer [Flashback Friday]

Tutto in una notte recensione del film di John Landis con Jeff Goldblum, Michelle Pfeiffer, Dan Aykroyd, David Bowie, Paul Mazursky e David Cronenberg Gli anni...

Cinema News del 22 gennaio [Rassegna Stampa]

Sony cede Superconnessi a Netflix Risincronizziamo i calendari Michelle Pfeiffer e Viola Davis sono The First Lady Epic Games si dà al cinema ...

21° Anniversario American Beauty [Throwback Thursday]

Ventuno anni fa usciva nelle sale italiane American Beauty: ricordiamo insieme l'acclamato film premio Oscar di Sam Mendes con Kevin Spacey Il 21 gennaio del...

L’inferno di cristallo recensione film con Paul Newman e Steve McQueen

L'inferno di cristallo recensione del film diretto da John Guillermin e Irwin Allen con Paul Newman, Steve McQueen, Faye Dunaway, William Holden, Fred Astaire...

Cinema News del 21 gennaio [Rassegna Stampa]

Lei mi parla ancora Il primo giorno della mia vita meravigliosa Heartstopper Brevissime Cinema News 21 gennaio Lei mi parla ancora Arriva su Sky Cinema l’8...

Cinema News del 20 gennaio [Rassegna Stampa]

Wonka Quello che non ti uccide/Boss Level Fate: The Winx Saga Libra Nikolaj Coster-Waldau vs Il Ghiaccio The Walled City La miniserie su...

Cinema News del 19 gennaio [Rassegna Stampa]

La prima immagine di Luca James Gunn inizia le riprese di Peacemaker Matt Damon apparentemente in Thor: Love and Thunder Brevissime Il Martin Luther...

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain e John Malkovich [Netflix]

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain, John Malkovich, Colin Farrell, Common, Geena Davis, Jess Weixler, Diana Silvers e Joan Chen Non chiamare...

I cancelli del cielo recensione film di Michael Cimino con Kris Kristofferson e Isabelle Huppert

I cancelli del cielo recensione del film di Michael Cimino con Kris Kristofferson, Isabelle Huppert, Christopher Walken, Jeff Bridges, John Hurt e Sam Waterston Dalle stelle...

Intervista ad Alessandro Grande regista del film Regina

Intervista ad Alessandro Grande, regista di Regina, film in concorso al 38° Torino Film Festival Lo abbiamo visto e recensito in occasione della 38esima edizione...