Le migliori trasposizioni cinematografiche dei grandi classici della letteratura [Throwback Thursday]

Di trasposizioni cinematografiche di romanzi e racconti è pieno il cinema: vediamo insieme le migliori trasposizioni dei grandi classici della letteratura

Il cinema ha sempre attinto a piene mani dalla letteratura, ma ancora di più dai grandi classici. Si sa, è sempre rischioso adattare un classico della letteratura, ci saranno sicuramente lettori che hanno immaginato i protagonisti in maniera diversa o che vorranno la copia carbone del romanzo che hanno letto. Ma alcune trasposizioni ci hanno fatto sognare e sono riuscite a farci rivivere nuovamente le pagine che abbiamo letto e amato.

Le migliori trasposizioni dei grandi classici della letteratura

Orgoglio e Pregiudizio (2005)
Orgoglio e Pregiudizio (2005)

Orgoglio e Pregiudizio (2005)

Tra le trasposizioni dei classici più amate c’è sicuramente Orgoglio e Pregiudizio, film del 2005, diretto da Joe Wright e tratto dall’omonimo romanzo di Jane Austen.
Al centro della narrazione abbiamo la famiglia Bennet, composta dai due genitori e dalle 5 figlie, tra queste spicca Elizabeth (Keira Knightley), la più anticonformista. Elizabeth non vuole sposarsi, finché l’incontro con il signor Darcy (Matthew Macfadyen) non sconvolge la sua vita: i due continueranno ad incontrarsi, alimentando il loro rapporto amore/odio.
Orgoglio e Pregiudizio è sicuramente uno dei classici della letteratura più amati di sempre e questa trasposizione di Wright riesce pienamente a comprendere le parole della Austen e a portarne lo spirito sulla pellicola, anche attraverso le numerose citazioni testuali.
Completano il cast Rosamund Pike, Donald Sutherland, Judi Dench, Jena Malone e Carey Mulligan.

Piccole donne recensione
Da sinistra, Emma Watson, Florence Pugh, Saoirse Ronan e Eliza Scanlen sono le sorelle March

Piccole Donne (2019)

Del romanzo di Louisa May Alcott sono state fatte veramente tante versioni: ci riferiamo adesso all’ultima, quella del 2019 diretta da Greta Gerwig. In un cast quasi totalmente al femminile vediamo: Saoirse Ronan, Emma Watson, Florence Pugh, Eliza Scanlen, Laura Dern, Meryl Streep, Timothée Chalamet e Louis Garrel.
Piccole Donne racconta la storia della famiglia March, che vive a Concord, nel Massachusetts. Nella famiglia March troviamo quattro sorelle che non potrebbero essere più diverse tra loro: Meg è vanitosa ma anche molto matura, sogna di trovare il vero amore; Amy è la più piccola di tutte, è viziata e spesso esuberante; Beth è la più timida e ha un talento per il pianoforte; Jo è il cuore pulsante della storia, è ribelle e anticonformista, con una grande passione per la scrittura. Le quattro sorelle fanno amicizia con Laurie, nipote del ricco vicino di casa e stringerà un legame molto forte con loro, specialmente con Jo.
Piccole Donne è un grande classico della letteratura americana e ha avuto diverse riletture da parte del cinema. Quella di Greta Gerwig è una versione pura e tenera che smuove lo spettatore, come se durante la visione si ritornasse indietro nel tempo (grazie anche alla meravigliosa colonna sonora di Alexandre Desplat).
La regia della Gerwig è magistrale nel bilanciare modernità e tocco classico, riuscendo a non stravolgere la storia del romanzo, ma anche a non farne una copia carbone.

Il grande Gatsby (2012)
Il grande Gatsby (2012)

Il grande Gatsby (2013)

Il capolavoro della letteratura americana, firmato da Francis Scott Fitzgerald, arriva al cinema per la quarta volta, qui diretto da Baz Luhrmann.
Gatsby è un uomo misterioso che organizza continuamente feste maestose, ma la sua vita continua ad essere avvolta da un mistero, che solo Nick Carraway, narratore della storia e presto amico di Gatsby, riuscirà a svelare.
Gatsby vive per poter ripetere il passato e questo lo porta a voler riconquistare un suo vecchio amore, Daisy, nonostante sia ormai sposata con un altro uomo.
Leonardo DiCaprio riesce ad interpretare magistralmente il Gatsby di Luhrmann in tutte le sue sfumature: siamo abituati da sempre a performance eccezionali da parte di DiCaprio e questa, nei panni di un importante personaggio della letteratura, non è da meno, anche se spesso sottovalutata. A condividere con lui lo schermo, c’è Carey Mulligan, la quale riesce ad esprimere tutta la vacuità della personalità di Daisy e a ricordarci perché la odiavamo dopo la lettura del romanzo.
Ovviamente, essendo un film di Luhrmann, sappiamo che è una versione modernizzata, a partire soprattutto dalla musica. La scenografia e la fotografia sono “esagerate” e barocche e creano un contrasto, più o meno piacevole, con la classicità della trama.

migliori trasposizioni cinematografiche grandi classici letteratura
Oliver Twist (2005)

Oliver Twist (2005)

Cosa c’è di più classico di Charles Dickens? Ecco quindi la trasposizione di uno dei suoi romanzi più celebri: Oliver Twist, film del 2005 diretto da Roman Polanski.
In una Londra cupa, durante la seconda rivoluzione industriale, troviamo Oliver Twist (Barney Clark), orfano di entrambi i genitori che vive in un orfanotrofio dove viene sfruttato. Incontrerà un gruppo di ladruncoli comandati dal vecchio Fagin (Ben Kingsley).
L’ultima versione cinematografica del film era uscita una quarantina di anni prima, perciò Polanski, dopo Il Pianista, decide di girare un film che fosse adatto anche ai bambini. La trasposizione di Polanski è fatta a regola d’arte, oltre ad essere molto fedele al romanzo. La scenografia rende bene l’idea della Londra sporca e corrotta di quei tempi.

Les Misérables (2012)
Les Misérables (2012)

Les Misérables (2012)

Terminiamo con una delle trasposizioni cinematografiche più amate di sempre, stavolta proveniente dall’omonimo romanzo di Victor Hugo e diretto da Tom Hooper.
Hooper ha scelto di fare la trasposizione di uno dei più famosi romanzi storici di sempre, riprendendo la storica trasposizione in versione musical, presente sui palchi dal 1980.
Il protagonista è Jean Valjean, un uomo imprigionato per 19 anni per un piccolo furto, costretto a vivere con una falsa identità, per colpa della guardia carceraria Javert, che lo perseguiterà per tutta la vita. Sullo sfondo di questa vicenda personale, troviamo i moti rivoluzionari che sconvolsero la Francia nell’Ottocento.
Il cast è imponente: Hugh Jackman, Russell Crowe, Anne Hathaway, Amanda Seyfried, Eddie Redmayne, Sacha Baron Cohen ed Helena Bonham Carter.
Les Misérables è maestoso, a partire dalla scenografia fino alla musica, oltretutto tutte le canzoni sono state eseguite dal vivo durante le scene.
Les Misérables ci riporta indietro nel tempo ed è il film perfetto per chi ama i musical. L’opera di Hooper ha guadagnato 8 nomination agli Oscar, vincendone tre: miglior attrice non protagonista per Anne Hathaway, miglior trucco e miglior sonoro.

Non è mai facile confrontarsi con un grande classico, ma alcuni registi ce l’hanno fatta, riuscendo a trasporre degnamente sullo schermo storie immortali di memorabili autori.

Qual è la vostra trasposizione cinematografica preferita di un grande classico?

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

El Dorado recensione film con John Wayne e Robert Mitchum

El Dorado recensione del film di Howard Hawks con John Wayne, Robert Mitchum, James Caan e Charlene Holt Era il 1959 quando Howard Hawks, con Un...

Cinema News del 20 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 20 ottobre: i trailer dei film Ma Rainey's Black Bottom con Viola Davis e Chadwick Boseman, Qualcuno salvi il Natale:...

BFI London Film Festival 2020: i vincitori della 64esima edizione virtuale del Festival del Cinema di Londra

BFI London Film Festival 64: vince Another Round (Un altro giro) di Thomas Vinterberg con Mads Mikkelsen come Miglior Film. Miglior Documentario a The...

Cinema News del 19 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 19 ottobre: L'Arminuta il nuovo film di Giuseppe Bonito, Kate Hudson e Octavia Spencer insieme nella seconda stagione di Truth Be...

To the Lake recensione serie TV di Pavel Kostomarov [Netflix]

To the Lake recensione serie TV di Pavel Kostomarov con Viktoriya Isakova, Kirill Käro, Aleksandr Robak, Maryana Spivak e Natalya Zemtsova su Netflix Oggi, in piena...

I Am Greta recensione film su Greta Thunberg di Nathan Grossman [Venezia 77]

I Am Greta recensione film documentario di Nathan Grossman con Greta Thunberg presentato alla Mostra del Cinema di Venezia Presentato ai Festival di Venezia e...

Cinema News del 18 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 18 ottobre: il supereroe Static Shock arriva sul grande schermo, Sacha Baron Cohen su Borat 2, buon compleanno Jean-Claude Van Damme! CINEMA...

Sul più bello recensione film di Alice Filippi con Ludovica Francesconi [Anteprima]

Sul più bello recensione film di Alice Filippi con Ludovica Francesconi, Giuseppe Maggio, Eleonora Gaggero, Gaja Masciale e Jozef Gjura Sul più bello è una...

Una classe per i ribelli recensione film di Michel Leclerc con Leïla Bekhti [Anteprima]

Una classe per i ribelli recensione film di Michel Leclerc con Leïla Bekhti, Edouard Baer, Ramzy Bedia, Tom Levy, Baya Kasmi e Eye Haidara L’ultimo lavoro...

Destino recensione cortometraggio Disney di Walt Disney e Salvador Dalí [Disney+]

Destino recensione cortometraggio Disney di Walt Disney e Salvador Dalí diretto da Dominique Monféry su sceneggiatura di Salvador Dalí e John Hench Nel lontano 1945...