Mickey on the Road

Mickey on the Road recensione film di Mian Mian Lu [TFF 38]

Due migliori amiche, facce diverse della stessa medaglia, tra situazioni comiche e altre drammatiche, scopriranno la loro forza, contando l’una sull’altra. La recensione

Mickey on the Road recensione film di Mian Mian Lu con Pao-Wen Yeh, Ya-Ling Chang, Ke-Li Miao, Yu Chieh Hsu presentato al Torino Film Festival 38

Mickey on the Road di Mian Mian Lu, in concorso al Torino Film Festival 2020, è il racconto delle peripezie di due ragazze che decidono di affrontare i loro problemi partendo per un viaggio in Cina.

MadMass.it consiglia by Amazon

Taiwan. Mickey e Gin Gin sono migliori amiche. Mickey (Pao-Wen Yeh) si prende cura della madre depressa, figura ectoplasmatica costantemente persa nei fumi dell’alcool e dell’autocommiserazione, mentre nel tempo libero frequenta il tempio cercando di unirsi alla squadra maschile di arti marziali. Gin Gin (Ya-Ling Chang), più impulsiva e più fashion, si guadagna da vivere ballando nelle discoteche.

Pao-Wen Yeh e Ya-Ling Chang
Pao-Wen Yeh e Ya-Ling Chang

Entrambe sembrano affrontare la loro quotidianità attraverso espedienti ed occasioni fortuite. Il loro è un legame molto forte, complice, quasi esclusivo, per quanto diverse l’una dall’altra: sono un nucleo loro due, una sorta di famiglia, per quanto stramba e disfunzionale. Tanto Mickey è dura e mascolina, nell’aspetto e nell’atteggiamento, tanto Gin Gin incarna invece una femminilità quasi bambolesca; entrambe, comunque, sono dotate di temperamento tiglioso e sanguigno.

Quando Gin Gin escogita un piano per incontrare con il suo amato, Jay, a Guangzhou, Mickey decide di accompagnarla a sua volta per cercare il padre che anni prima aveva abbandonato lei e la madre.

Ya-Ling Chang
Ya-Ling Chang

Arrivate in Cina, incappano sin da subito in una serie di inconvenienti, trovandosi catapultate in un grande Paese che sembra pervaso da una sete di denaro e di successo.
Le due affrontano insieme incontri, contrattempi, momenti spensierati ed altri drammatici, facendo i conti con l’illegalità e il tradimento. Ma la Cina ha anche una qualità magica, perché nuovi desideri e piaceri suscitano la scoperta della sessualità da parte di Mickey.

La regista Mian Mian Lu confeziona con tatto ma anche con polso fermo un film di stampo quasi neorealista, dipingendo un’umanità dolente la quale, appesantita da fardelli economici o morali, sembra sopravvivere senza che ci sia uno scenario di pura felicità che la possa attendere.

Mickey on the Road recensione film di Mian Mian Lu
Mickey on the Road di Mian Mian Lu con Pao-Wen Yeh e Ya-Ling Chang

Personaggi che sembrano pedoni in una scacchiera dove ci sono pezzi più grandi, più abili o più famelici, rappresentazione di una società abitata dal profitto e dal potere che non fa sconti agli ultimi.

Sapiente è l’uso che la regista fa della luce, dando spazio nel girato ad un largo uso di scene notturne, quasi che il notturno possa ovattare, se non mondare, le esistenze, soprattutto delle due protagoniste. Per le scene in Cina, è invece un cielo plumbeo l’elemento dominante. Un grigio uniforme nel quale la pioggia appare come una costante, come elemento che ingentilisce con una patina liquida l’artificialità rappresentata dei grattacieli e della mille luci di Guangzhou.

Alla fine del viaggio dopo aver affrontato le più disparate situazioni, Mickey e Gin Gin rafforzeranno la loro amicizia e raggiungeranno una consapevolezza di loro stesse più matura e più cosciente.

La regista Mian Mian Lu
La regista Mian Mian Lu

Sintesi

La regista Mian Mian Lu confeziona con tatto ma anche con polso fermo un film di stampo quasi neorealista, dipingendo un’umanità dolente la quale, appesantita da fardelli economici o morali, sembra sopravvivere senza che ci sia uno scenario di pura felicità che la possa attendere.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli