Le streghe

Le streghe recensione film di Robert Zemeckis con Anne Hathaway e Octavia Spencer

Le streghe recensione del film di Robert Zemeckis con Anne Hathaway, Octavia Spencer, Stanley Tucci, Chris Rock, Jahzir Bruno e Codie-Lei Eastick

No, Anjelica Huston non appare nemmeno con un piccolissimo cameo nel nuovissimo film di Robert Zemeckis nei panni della Strega Suprema trent’anni dopo Chi ha paura delle streghe?. Il film di Nicolas Roeg del 1990 portò per la prima volta al cinema il romanzo per bambini di enorme successo scritto da Roald Dahl con le sue inquietanti fattucchiere capitanate dalla celebre attrice statunitense.

Il testimone, nel 2020, è stato raccolto e condotto da Robert Zemeckis Anne Hathaway nel tentativo di rinverdire una storia offuscata dalla polvere sedimentata nel corso del tempo. L’impianto generale sembra essere più vicino alle atmosfere dell’opera originale dello scrittore britannico, nonostante il sempre più consueto aggiustamento del tiro che stanno attraversando le produzioni americane nelle direzione gender equality. Sia chiaro, non è un contro come in certi film in cui risulta una forzatura a vista d’occhio imposta dal sentimento del tempo. L’omogeneità con il progetto complessivo rende naturale e delicato un nuovo take su una materia “bianca” fino al midollo, anche grazie alla bravura di Octavia Spencer perfettamente calata nel contesto.

Anne Hathaway protagonista del film di Robert Zemeckis
Anne Hathaway protagonista del film di Robert Zemeckis

Jahzir Bruno, Octavia Spencer e Stanley Tucci in una scena di Le streghe
Jahzir Bruno, Octavia Spencer e Stanley Tucci in una scena di Le streghe

Nonostante questo, l’atmosfera contemporanea dell’ultimo lavoro di Zemeckis perde però la verve che caratterizza lo spirito dell’opera di Dahl, con il risultato di avere un racconto rappresentato da una malvagità macchiettistica e un limitatore di potenza a monte. Se la Huston negli anni ’90 ha stabilito un precedente scomodo per potenza ed espressività, la performance della Hathaway non si può dire altrettanto memorabile in un ruolo che con il suo peso trascina il resto del film verso l’impalpabilità.

Certo, per un pubblico vergine e magari non ancora adulto può avere un impatto credibile, ma lo spettatore adulto e capitato alla ricerca di qualcosa di innovativo rimarrà probabilmente deluso e forse urtato dall’inconsistenza di una produzione che rischia di essere archiviata non appena si arriva ai titoli di coda. Le streghe entra di diritto nell’enorme library di film incompiuti per via della mancanza di un’anima tangibile, a dispetto di budget, cast e aspetti tecnici di tutto rispetto che reca un’iscrizione antica ma mai sbiadita: Ce n’era bisogno?

Jahzir Bruno, il piccolo protagonista di Le streghe
Jahzir Bruno, il piccolo protagonista di Le streghe

Sintesi

Le streghe di Robert Zemeckis non riesce a catturare lo spirito dell'opera da cui è tratto, presentandosi come incompiuto a fronte di ingombranti precedenti.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli