Amsterdam

Amsterdam recensione film di David O’ Russell con Christian Bale e Margot Robbie [RomaFF17]

Amsterdam recensione film di David O’ Russell con Christian Bale, Margot Robbie, John David Washington, Anya Taylor-Joy, Robert De Niro, Rami Malek, Zoe Saldana e Chris Rock 

Osservate il modo di inquadrare una storia con tutta l’imponente costruzione cinematografica montata in post-produzione da Christopher Nolan. Decostruitelo togliendo gli effetti speciali. Strappate dalle mani di Quentin Tarantino C’era una volta a…Hollywood e fate interpretare il ruolo da protagonista alla bellissima Margot Robbie in un racconto ambientato negli anni ’30. Utilizzate le inquadrature tarantiniane tanto efficaci da dirigere un’indagine di omicidio con venature nazifasciste. E, dato che ci siamo, riunite un cast stellare con qualche nome illustre che ritorna sul grande schermo per recitare in un giallo storico con sentori da commedia umoristica.

Et voilà: avete davanti Amsterdam, il nuovo film scritto e diretto da David O’ Russell.

Amsterdam recensione film di David O' Russell con Christian Bale, Margot Robbie, Anya Taylor-Joy, John David Washington, Robert De Niro, Rami Malek, Chris Rock (Credits: 20th Century Studios)
Christian Bale, Margot Robbie, John David Washington (Credits: 20th Century Studios)
Rami Malek, Anya Taylor-Joy e Margot Robbie in Amsterdam (Credits: 20th Century Studios)
Rami Malek, Anya Taylor-Joy e Margot Robbie (Credits: 20th Century Studios)

Tantissime stelle luminose che potevano brillare nel celestiale firmamento del cinema contemporaneo. Christian Bale, Margot Robbie, John David Washington, Anya Taylor-Joy, Robert De Niro, Rami Malek, Chris Rock sono solo alcuni dei grandi attori che suscitano invidia ai più grandi registi di tutti i tempi ‒ compare anche, a sorpresa, Taylor Swift nei panni della pavida Liz Meekins. Un cast da brivido che non tocca il cielo nemmeno con un dito.

Amsterdam ‒ e si sente ripetuto spesso in diversi frame il titolo del nuovo film di David O’ Russell ‒ è una storia di amicizia e di amore che lega il dottore Burt Berendsen (Christian Bale), l’avvocato Harold Woodman (John David Washington) e l’infermiera Valerie Voze (Margot Robbie) che si ritrovano coinvolti in un caso di omicidio ambientato in un’atmosfera da Old Hollywood.

Il regista premio Oscar David O’Russell omaggia la tecnica cinematografica del primo e ultimo Tarantino con Trunk shot e inquadrature fetish (ri)prese da Le iene e Once Upon a Time in Hollywood che invadono Amsterdam con uno sguardo particolare sulla bellezza disarmante di Margot Robbie che unisce due modus operandi di fare cinema tanto opposti quanto simili per certi versi.

Christian Bale, Margot Robbie e John David Washington in Amsterdam (Credits: 20th Century Studios)
Christian Bale, Margot Robbie e John David Washington (Credits: 20th Century Studios)
Anya Taylor-Joy, Rami Malek, Christian Bale, Robert De Niro e Margot Robbie (Credits: 20th Century Studios)
Anya Taylor-Joy, Rami Malek, Christian Bale, Robert De Niro e Margot Robbie (Credits: 20th Century Studios)

In questo senso, Amsterdam erige la sua gloria cinefila su una sceneggiatura lunga, corposa, scritta una parola dopo l’altra che non trascina nessuna azione in tutto il suo sviluppo. E sembra che utilizzi l’escamotage nolaniano di raccontare una storia dietro una monumentale costruzione filmica combinandola con dialoghi sopra le righe alla maniera pulp tarantiniana. Ne esce un sermone che non ha nulla di tutto questo. Amsterdam è un film che vuole emulare due dei best del cinema odierno, adoperando un lungo minutaggio ‒ a tratti eccessivo che volentieri avrebbe potuto essere rifinito ‒ un’ambientazione vista e rivista a imitatio di un dramedy già ampiamente celebre e la cinepresa che indugia su primi piani feticisti, tratto caratteristico utilizzato dal regista DJ.

Dimenticate Il lato positivo e American Hustle. Lasciate spazio al prolisso Amsterdam in cui tutto procede lentamente, tra terribili complotti e scoperte allucinatorie architettati dalle menti più diaboliche della terra. Incastrati nelle mille parole che uccidono il ridondante climax finale. E se sono serviti 134 minuti per carpire il reale messaggio di fondo, David O’ Russell si è rivelato il regista che ha preso un pesante abbaglio mentre cercava di trovare il giusto mix tra tecniche cinematografiche diverse. Il risultato è stato una soporifera pellicola che ha sprecato il grande talento di tutti i suoi attori.

Sintesi

Amsterdam è il nuovo film scritto e diretto da David O' Russel che emula le tecniche cinematografiche di due dei migliori registi del cinema contemporaneo senza creare un film originale . Il risultato è una soporifera e prolissa pellicola che ha sprecato il talento di un cast stellare.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Amsterdam recensione film di David O’ Russell con Christian Bale e Margot Robbie [RomaFF17]Amsterdam è il nuovo film scritto e diretto da David O' Russel che emula le tecniche cinematografiche di due dei migliori registi del cinema contemporaneo senza creare un film originale . Il risultato è una soporifera e prolissa pellicola che ha sprecato il talento di un cast stellare.