La caja

La caja recensione film di Lorenzo Vigas con Hatzin Navarrete [Venezia 78]

La caja esplora la figura del padre assente in Messico attraverso le pene che un figlio deve sopportare per andare avanti: la recensione

La caja recensione film di Lorenzo Vigas con
Hatzín Navarrete
, Hernán Mendoza, Elián González, Cristina Zulueta, Dulce Alexa Alfaro e Graciela Beltrán

Lorezo Vigas è alla continua ricerca del significato della parola padre in un territorio, quello messicano, dove non ha ancora trovato pace. La caja chiude una trilogia al riguardo cominciata con Los elefantes nunca olvidan e proseguita con Ti guardo, vincitore del Leone d’Oro alla 72ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Stavolta l’attenzione è sulla presenza/assenza del padre causata da un territorio in cui tantissime persone vengono all’improvviso ritrovate in fosse comuni situate nelle aree più isolate.

Hatzín (Hatzín Navarrete) ha il compito di recuperare la caja, l’urna funebre metallica in cui lo stato messicano conserva i resti dei cadaveri che trovano un’identificazione. Ha la delega della nonna, i documenti che attestano la nascita del defunto padre, ma il ritiro di quella consegnata come un prelievo all’ATM gli fa incontrare Mario (Hernán Mendoza) cominciando a dubitare e sperare.

Hatzín Navarrete
Hatzín Navarrete (Credits: The Match Factory)

La caja recensione film di Lorenzo Vigas con Hatzín Navarrete a Venezia 78
La caja (Credits: The Match Factory)

La solitudine e l’incertezza che una società vessata da violenza e omicidi si riflette sui figli e la loro crescita. Il personaggio interpretato dal giovanissimo attore messicano si convince di aver trovato la persona che può riempire un vuoto accompagnato da mille interrogativi. Non è più importare mettere un punto al dolore causato dalla mancanza e dalla sopravvivenza, quando si intravede uno spiraglio a cui aggrapparsi a qualsiasi costo.

Il lavoro minorile in Messico è una prassi che non solo preclude a bambini e ragazzi il momento clou in cui si sviluppa l’affettività, ma li inserisce in contesti in cui la scala valoriale è compromessa dalla criminalità e dal sangue. Se non si hanno radici forti, se non si hanno modelli virtuosi, si può finire travolti. O peggio, ci si può accontentare.

La storia Hatzín è la cartina tornasole di un sistema in cui sbandare abbagliati dalla promessa di una serenità è all’ordine del giorno. Il datore di lavoro può diventare un padre, ma che padre è quello che chiede di minacciare o colpire a morte innocenti anziani? Forse meglio dei resti inerti, con cui riprendere la via di casa e provare, a soli dodici anni, a ricominciare da soli.

Hatzín Navarrete e Hernán Mendoza
Hatzín Navarrete e Hernán Mendoza (Credits: The Match Factory)

La caja recensione film di Lorenzo Vigas con Hatzín Navarrete a Venezia 78
La caja di Lorenzo Vigas con Hatzín Navarrete e Hernán Mendoza (Credits: The Match Factory)

Sintesi

La caja riesce a raccontare con efficacia la drammatica situazione in cui versa il tessuto sociale messicano, mostrando come sia difficile trovare un equilibrio quando l'ambiente intorno a te ti costringe a fare a meno di un padre e dover continuare lo stesso a (soprav)vivere.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli