La bottega dei suicidi

La bottega dei suicidi recensione film di Patrice Leconte [Horror Week]

La bottega dei suicidi recensione film d’animazione scritto e diretto da Patrice Leconte basato sul romanzo Il negozio dei suicidi di Jean Teulé

Trapassati o Rimborsati.
(La bottega dei suicidi)

Quando si parla di animazione europea i francesi si sono sempre distinti in prodotti di attualità, spessore e a volte dai toni un po’ pungenti. Ricordiamo alcune opere animate tra cui Dov’è il mio corpo? (di Jérémy Clapin – 2019), Un gatto a Parigi (di Jean-Loup Felicioli e Alain Gagnol – 2010), Il piccolo principe (di Mark Osborne – 2015) e La tela animata (di Jean-François Laguionie – 2011). In tutte queste opere, compresi ovviamente gli immancabili lungometraggi dedicati a Asterix e Obelix, c’è un film che spicca fra tutti per il suo lato macabro e dalla sottile vena di attualità ed è La bottega dei suicidi. Uscito nelle sale nel 2012, La bottega dei suicidi è diretto da Patrice Leconte ed è un adattamento cinematografico del romanzo di Jean Teulé intitolato Le Magasin des Suicides.

In un’era dove l’animazione 3D è quella più utilizzata, Leconte decide, invece, di realizzare l’opera nella versione classica e tradizionale in 2D. Ci troviamo in una cittadella francese, dove la vita è cupa a causa di una grave crisi economica e del carovita che pesa sulla testa di tutti i cittadini. In tutta questa valle di disperazione c’è, logicamente, un alto tasso di suicidi e quindi la famiglia Tuvache prospera con la sua bottega dei suicidi, dove vendono tutto l’occorrente per potersi togliere la vita, in qualsiasi modo il cliente preferisca.

La bottega dei suicidi di Patrice Leconte
La bottega dei suicidi di Patrice Leconte

La bottega dei suicidi di Patrice Leconte
La bottega dei suicidi di Patrice Leconte

In questa città cupa, dove tutti sono depressi e hanno il broncio, nasce un bambino, il terzogenito di Lucrèce Tuvache, Alan che a differenza del resto della popolazione sorride, sprizza felicità ed è sempre di buon umore. Con l’avanzare dell’età, Alan comincia a non apprezzare lo stile di “vita” che affligge la città e soprattutto il giro d’affari di cui ne beneficia la sua stessa famiglia, convinto che il suicidio non risolva assolutamente nulla.
A fronte di questo ideale, Alan e i suoi amici decidono di convincere le persone, con ogni mezzo a loro disposizione, a non suicidarsi e usano come campo di questa “rivoluzione” proprio la bottega dei suicidi, cosa che ovviamente in un primo momento nuoce agli affari di famiglia.

A presentarlo in questo modo il film potrebbe risultare angosciante e di cattivo gusto, ma in realtà è una commedia brillante dai tratti noir, in cui le atmosfere alla Tim Burton vanno a braccetto con lo stile retrò dell’animazione classica francese. Interessante la distribuzione drastica dei colori che hanno un significato ben preciso. L’attività e la vita della famiglia Tuvache ci vengono mostrate con colori vivaci e ben distinti, quasi a rappresentare il benessere e le prospettive per andare avanti che la bottega ha fruttato a questo nucleo famigliare. Il resto del mondo e delle persone, invece, ci vengono mostrati con tonalità di colori più scuri, quasi in una scala di grigi che rappresentano la mancanza di qualsivoglia speranza e voglia di vivere. Il mix di tristezza e gioia che ci accompagna nella visione del film è supportata dalla colonna sonora, in stile musical, di Étienne Perruchon che rende più leggero e piacevole questo lungometraggio.

Tuvache padre e figlio
Tuvache padre e figlio

Alan Tuvache
Alan Tuvache

Interessante l’idea di realizzare un film animato con una tematica così forte, in un periodo di grande recessione mondiale iniziato proprio nel 2008. La bottega dei suicidi dimostra quindi di voler raccontare, con ironia, una situazione poco felice per tutta la popolazione mondiale, chiari riferimenti al carovita che non va di certo a braccetto con gli stipendi bassi.

Purtroppo l’opera di Leconte presenta un difetto non trascurabile: gli avvenimenti scorrono troppo velocemente, quando invece sarebbe stato meglio approfondire queste tematiche e seguire un percorso più lento ed evolutivo. La bottega dei suicidi resta comunque piacevole grazie alla sua macabra ironia e all’apprezzabile messaggio positivo che si fa strada, con sempre più vigore, durante la narrazione.

Sintesi

La bottega dei suicidi è una commedia noir di animazione, in parte musicata, che tratta argomenti spinosi e attuali sul peso dell’economia attuale. Le atmosfere macabre alla Tim Burton accostante alla classica animazione francese rendono questo prodotto piacevole, divertente e unico nel suo genere.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38 Unico alfiere a rappresentare l’Italia...

Strange Days recensione film di Kathryn Bigelow [Flashback Friday]

Strange Days recensione del film di Kathryn Bigelow con Ralph Fiennes, Angela Bassett, Juliette Lewis, Vincent D'Onofrio, William Fichtner e Tom Sizemore Dopo Point Break -...

Cinema News del 27 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a Daria Nicolodi I progetti di Alex Garland Álex de la Iglesia e la Veneciafrenia La Radioscopie di Claire Denis Les promesses...

Pixar: i migliori film da vedere assolutamente [Throwback Thursday]

Le opere Pixar fanno parte della nostra infanzia ed adolescenza, grazie ai molti lungometraggi che ci hanno scaldato il cuore. Vediamo i cinque migliori...