L'inganno perfetto

L’inganno perfetto recensione

L’inganno perfetto recensione del film di Bill Condon con Ian McKellen, Helen Mirren, Russell Tovey, Jim Carter, Stella Stocker e Celine Buckens

Fino a dove può spingersi l’uomo per portare a termine i suoi obiettivi? Quanto è disposto a mentire? Quanto è disposto a credere? Queste le domande alla base de L’inganno perfetto (The Good Liar), film di Bill Condon con protagonisti l’accoppiata vincente formata da Ian McKellen e Helen Mirren.

Helen Mirren e Ian McKellen in L'inganno perfetto
Helen Mirren e Ian McKellen in L’inganno perfetto

Il film è un prodotto “antico”. Ha una costruzione degli eventi cara a un cinema che (sfortunatamente) sta sparendo dagli schermi. Un cinema dove la violenza c’è, ma non è spettacolarizzata. Dove i colpi di scena ti prendono effettivamente alla sprovvista. Dove a essere ingannato è prima di tutto lo spettatore. Ma il film ha quel sapore “anticato” anche grazie a due mattatori del cinema come Ian McKellen e Helen Mirren, tutt’altro che “attempati vecchietti” nel portare su schermo questi due personaggi. Entrambi riescono a reggere il peso dell’intera pellicola con la classe e l’eleganza tipicamente inglese che li contraddistingue da sempre, ma che aumenta esponenzialmente con l’amalgamarsi delle due performance attoriali. Entrambi riescono a far sentire prepotentemente l’evoluzione dei loro personaggi, in questo vorticoso gioco di inganni e segreti che sembra non avere fine.

Helen Mirren
Helen Mirren è Betty in L’inganno perfetto
Ian McKellen
Ian McKellen è Roy, un anziano signore inglese con più di uno scheletro nell’armadio

L’inganno perfetto, però, non è poi così perfetto. Nonostante le strabilianti prove attoriali di McKellen e della Mirren, il film ha qualche difetto tecnico sparso qua e là per la pellicola. Oltre a delle sbavature in fase di ideazione e montaggio, la regia non spicca mai per scelte particolarmente peculiari. Condon non si è sforzato più di tanto nel trovare una “quadra stilistica”, probabilmente spinto più dalla voglia di raccontare la storia attraverso i personaggi che non attraverso la componente visiva.

L'inganno perfetto
Ian McKellen e Helen Mirren interpretano rispettivamente Roy e Betty, una coppia di anziani inglesi che si è conosciuta su un sito di incontri online

Nonostante ciò, il film riesce comunque a reggere abbastanza bene il peso della vicenda che si incarica di raccontare. Anche se non vengono fornite troppe informazioni per “anticipare” gli eventi, il risvolto finale colpisce con forza e il film si trasforma in qualcosa che non ci saremmo mai aspettati.

L'inganno perfetto: il poster
L’inganno perfetto: il poster

Sintesi

L'inganno perfetto non è poi così perfetto, ma le interpretazioni di Helen Mirren e Ian McKellen sono talmente esaltanti che da sole valgono il biglietto d'ingresso. Un film "vecchio stile" che riesce ancora a stupire non è da sottovalutare in un era in cui il cinema sembra aver perso la voglia di narrare.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

L'inganno perfetto non è poi così perfetto, ma le interpretazioni di Helen Mirren e Ian McKellen sono talmente esaltanti che da sole valgono il biglietto d'ingresso. Un film "vecchio stile" che riesce ancora a stupire non è da sottovalutare in un era in cui il cinema sembra aver perso la voglia di narrare.L'inganno perfetto recensione