L'arte della truffa

L’arte della truffa recensione film con Theo James e Emily Ratajkowski [Anteprima]

L’arte della truffa recensione film di Matt Aselton con Theo James, Emily Ratajkowski, Fred Melamed, Ebon Moss-Bachrach e Isiah Whitlock Jr.

Theo James (Divergent) in L’arte della truffa interpreta Ivan Warding, un giovane con un talento straordinario, un ladro esperto di opere d’arte. La sua specialità sono i furti ai milionari di Los Angeles, le cui case abbondano di dipinti e oggetti preziosi.
Ivan ha sempre cercato di vivere libero, senza obbedire o dipendere da nessuno, facendo quello che sa fare meglio.

I misfatti passati lo hanno reso debitore nei confronti di Dimitri Maropakis (Fred Melamed), un boss del crimine organizzato. Nonostante gli affari vadano bene Ivan ha deciso che è giunto il momento di ritirarsi dall’attività criminale, ma facendolo rischia di essere “tolto di mezzo”. Dimitri non è noto per perdonare o dare una seconda possibilità, infatti nessuno è mai sopravvissuto per affermare il contrario.

Theo James e Emily Ratajkowski
Theo James e Emily Ratajkowski (Credits: Blue Swan)
Emily Ratajkowski in L'arte della truffa
Emily Ratajkowski in L’arte della truffa (Credits: Blue Swan)

Elyse (Emily Ratajkowski) è un’aspirante attrice in cerca di successo ma in debito con loschi figuri. Quando i destini di Elyse e Ivan si incrociano trovano un modo per aiutarsi a vicenda. Insieme decidono di compiere un’ultima rapina per porre fine alle loro attività criminali, stringendo un accordo con un agente dell’FBI.

L’arte della truffa è un film di genere con poco nerbo, la sceneggiatura risulta semplice, lineare e priva di originalità. Il regista e co-sceneggiatore Matt Aselton dirige la storia senza preoccuparsi troppo della verosimiglianza e, di conseguenza, i momenti che presumibilmente dovrebbero generare tensione finiscono per essere fiacchi, quasi buffi.

 

Theo James e Emily Ratajkowski
Theo James e Emily Ratajkowski (Credits: Blue Swan)
L'arte della truffa recensione film con Theo James e Emily Ratajkowski
Emily Ratajkowski (Credits: Blue Swan)

Una storia già utilizzata e senza una direzione precisa. Assemblata con personaggi minimi e un paio di truffe ben progettate che alla fine non si incastrano del tutto. La sceneggiatura dà risalto ai due protagonisti e il cast non demerita, ma forse sono capaci di fare molto di più. Tutto si basa sul fascino e l’avvenenza dei due attori principali. Troppo poco.

Ingannare e rubare sono il prevedibile leit-motiv dall’inizio alla fine. Non si ricordano scene memorabili, ma non delude sul piano del ritmo. Il film è un cliché ambulante del genere cinematografico che risulta comunque piacevole e scorrevole.

L’arte della truffa ricorda che ci sono molti film di questo genere, già troppo saturo. Un’altra storia che coinvolge ladri, furti e agenti segreti. Riesce comunque ad essere una piacevole e leggera visione in stile retrò.

Sintesi

L’arte della truffa non delude ma non conquista, si basa soprattutto sul fascino e sull’avvenenza dei due attori principali. Un genere cinematografico, quello dei furti per mano di ladri abili e attraenti, saturo e prevedibile. Il film di Matt Aselton risulta comunque piacevole e leggero, ma si perde nel marasma di storie del genere tutte un po' troppo simili e poco profonde.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

L’arte della truffa non delude ma non conquista, si basa soprattutto sul fascino e sull’avvenenza dei due attori principali. Un genere cinematografico, quello dei furti per mano di ladri abili e attraenti, saturo e prevedibile. Il film di Matt Aselton risulta comunque piacevole e leggero, ma si perde nel marasma di storie del genere tutte un po' troppo simili e poco profonde.L'arte della truffa recensione film con Theo James e Emily Ratajkowski [Anteprima]