Klaus

Klaus recensione [Netflix]

Klaus recensione del film d’animazione Netflix di Sergio Pablos con le voci di Marco Mengoni, Ambra Angiolini, Francesco Pannofino, Carla Signoris e Neri Marcorè

Un uomo, non troppo propenso alla fatica, viene mandato a lavorare in un posto sperduto e gelido da chi vuole metterlo in difficoltà e spingerlo così a cambiare se stesso e le proprie posizioni. Raccontato così sembrerebbe quasi un riferimento ad un celebre film di Checco Zalone, invece questo è quello che accade nei primi minuti di Klaus, film d’animazione disponibile su Netflix dal 15 novembre.

Klaus, Marco Mengoni è la voce di Jasper

La celebre piattaforma streaming ha infatti scelto per la prima volta di produrre un film animato affidandosi a Sergio Pablos, co-ideatore di Cattivissimo Me. L’opera abbraccia un tema che per molti potrebbe risultare scontato e “furbo”, ovvero quello natalizio, ma che invece Klaus racconta in maniera tutt’altro che banale. Al centro di tutto ci sono le origini di Babbo Natale, che nella versione italiana può contare sulla voce esperta e matura di Francesco Pannofino, ma il vero protagonista è senza dubbio Jasper, per il cui doppiaggio è stato scelto Marco Mengoni che torna così in sala di doppiaggio a distanza di pochi mesi da Il Re Leone.

Marco Mengoni doppia Jasper
Marco Mengoni doppia Jasper in Klaus per Netflix

Attraverso questa nuova prova, il cantante di Ronciglione risponde a chi lo aveva criticato per quanto fatto in occasione del live action Disney: infatti, se in estate risultava troppo acerbo e fuori luogo per doppiare Simba, con Jasper sembra essere nettamente più a suo agio grazie ad un contesto più vivace e dunque alla possibilità di giocare con i cambi di tonalità vocali a cui Mengoni ci ha abituato negli anni, musicalmente parlando. Nel cast doppiatori di Klaus troviamo anche Carla Signoris, indimenticabile Dory ne Alla Ricerca di Nemo che questa volta presta la propria voce alla perfida signora Krum, Ambra Angiolini che invece è Alva e Neri Marcorè nel ruolo di Mogens.

Una buona azione ne ispira sempre un’altra

Klaus, opera disegnata a mano come non si vedeva dai tempi de La principessa e il ranocchio, racconta anche il rapporto tra padre e figlio, le aspettative del primo rispetto al secondo, ma anche la voglia, più o meno celata, di ogni personaggio di riprendere in mano il proprio sogno, ormai accantonato. Ci mostra come sia vero che molto spesso rimanere fermi possa essere più pericoloso che fare un passo verso l’ignoto e che, come raccontava Coelho ne L’Alchimista, ciascuno di noi possa contare sulla propria leggenda personale e che dunque anche quando siamo rassegnati e pensiamo che tutto sia ormai perso, l’universo sta semplicemente prendendo le misure per allineare tutto e metterci nelle condizioni di realizzare il nostro destino già scritto.

Klaus recensione Netflix
Klaus il film d’animazione in arrivo su Netflix

Ci ricorda di come i piccoli gesti, soprattutto se continui e numerosi, possano migliorare le cose e di come l’innocenza dei bambini possa contrastare l’odio ingiustificato degli adulti. La magia di Klaus, come conferma lo stesso regista, richiama diversi cult del Natale, su tutti La vita è meravigliosa e Miracolo nella 34ª strada e proprio come questi film indimenticabili si prepara ad entrare nel cuore di grandi e bambini e diventare un classico delle festività.

Di Cattivissimo Me non ritroviamo soltanto l’inconfondibile stile, fatto di piedini e nasi improbabili ma anche il percorso di redenzione del protagonista, molto simile a quello intrapreso da Gru nella trilogia animata. Un ragazzo egoista e materialista, un antieroe interessato esclusivamente al proprio tornaconto, si ritrova cambiato dopo aver intrapreso un’esperienza partita come una punizione e divenuta pian piano come la più grande occasione della sua vita. Un effetto domino farà sì che anche divergenze secolari vengano messe da parte in nome dell’amore e del rispetto reciproco, spianando così la strada al più lieto dei finali. Probabilmente questo accade soltanto nei cartoni animati ma in fondo sin dall’alba dei tempi esiste la speranza di veder confermata la teoria, citata nel film, secondo cui “una buona azione ne ispira sempre un’altra”. E non risiede forse qui, in questo spirito, la magia dell’animazione e, ancor più in generale, del Natale?

 

Netflix inaugura quindi al meglio il suo filone di film d’animazione, riuscendo ad unire risate a sentimenti e, ovviamente, una morale che da sempre caratterizza le migliori fiabe. Klaus strizza l’occhiolino soprattutto agli ormai ex bambini sparsi per il mondo, coloro cioè che in fondo un po’ bambini lo saranno sempre e che richiameranno alla memoria, attraverso il cartone animato, i più bei ricordi legati al Natale e alle leggende o i miti che lo caratterizzano. Guardando il film si sorride nel capire le origini di tutti quei particolari che abbiamo forse dato sempre per scontato o sul quale non ci siamo fatti poi molte domande, dalle renne alla slitta volante, passando per gli aiutanti di Babbo Natale e la nascita proprio del mito di Santa Klaus e del suo vestito rosso. Un modo per imparare cose nuove e per racimolare una buona dose di quell’ottimismo che ogni tanto smarriamo per strada, in vista delle festività ormai alle porte.

Sintesi

Opera disegnata a mano con l'inconfondibile stile dell'autore di Cattivissimo Me, con Klaus Netflix inaugura al meglio il suo filone di film d’animazione, riuscendo ad unire risate a sentimenti e una morale che da sempre caratterizza le migliori fiabe. Klaus strizza l'occhiolino soprattutto agli ormai ex bambini sparsi per il mondo, che richiameranno alla memoria i più bei ricordi legati al Natale e alle leggende o i miti che lo caratterizzano, racimolando una buona dose di quell'ottimismo che ogni tanto smarriamo per strada.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant, Catherine Spaak, Claudio Gora e Luciana Angiolillo Il cinema italiano del dopoguerra, si sa,...

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova, Filipp Yankovskiy, Ignat Daniltsev, Oleg Yankovskiy e Alla Demidova Lo specchio, il regalo di Tarkovskij all’umanità...

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...