Impetigore

Impetigore recensione [FEFF 22]

Impetigore recensione film di Joko Anwar con Tara Basro, Ario Bayu, Marissa Anita, Christine Hakim, Asmara Abigail e Faradina Mufti

Una nuova anteprima italiana presentata durante la 22a edizione del Far East Film Festival, la pellicola indonesiana Impetigore, diretta da Joko Anwar, lo stesso regista che porta sugli schermi virtuali del FEFF anche il film Gundala, di cui abbiamo pubblicato la recensione pochi giorni fa.

Impetigore racconta la storia di Maya (Tara Basro), una donna sfortunata che, nella speranza di riuscire a guadagnarsi una generosa eredità, dopo aver deciso di fare ritorno nel suo villaggio dell’infanzia assieme alla sua migliore amica Dini (Marissa Anita), ignara del pericolo, scopre che gli abitanti del luogo la attendevano da molti anni per riuscire a spezzare una terribile maledizione che avvolgeva da lungo tempo l’intera comunità.

Tara Basro e Marissa Anita
Tara Basro e Marissa Anita
Tara Basro e Marissa Anita
Tara Basro e Marissa Anita

Joko Anwar realizza un film curato esteticamente, avvincente e mai prevedibile alternando a scene dal forte impatto visivo una sceneggiatura ricca di suspense e colpi di scena. Sebbene alcuni risvolti narrativi non convincano del tutto risultando troppo azzardati o accelerati al fine di dare un ritmo più dinamico alla storia, nel complesso Impetigore rimane un film ben costruito, originale pur sviluppando del materiale non del tutto inedito, coinvolgente e visivamente apprezzabile.

Anche il lavoro svolto sulla caratterizzazione dei personaggi principali è notevole: la figura di Maya, interpretata da Tara Basro, acquista spessore nel corso dell’intera vicenda, così come quella del giovane capo del villaggio Ki Saptadi (Ario Bayu) che, seppure venga confinato a tratti ai margini dello schermo, rivela un’identità forte e complessa. Lo stesso discorso purtroppo non si può fare per Dini, la migliore amica della protagonista che, all’opposto di Maya, risulta poco sfaccettata e non desta particolare interesse.

Joko Anwar, giunto al suo ottavo lungometraggio di finzione, dopo Gundala e Impetigore ha sicuramente in futuro ulteriori assi da giocare.

Impetigore recensione [FEFF 22]
Impetigore di Joko Anwar al FEFF 2020
Impetigore recensione [FEFF 22]
Impetigore di Joko Anwar al FEFF 2020

Sintesi

Joko Anwar realizza un film curato, avvincente e mai prevedibile alternando a scene dal forte impatto visivo una sceneggiatura ricca di colpi di scena. Anche il lavoro svolto sulla caratterizzazione dei personaggi principali è notevole, rendendo Impetigore una delle pellicole più apprezzabili della 22esima edizione del Far East Film Festival.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Joko Anwar realizza un film curato, avvincente e mai prevedibile alternando a scene dal forte impatto visivo una sceneggiatura ricca di colpi di scena. Anche il lavoro svolto sulla caratterizzazione dei personaggi principali è notevole, rendendo Impetigore una delle pellicole più apprezzabili della 22esima edizione del Far East Film Festival.Impetigore recensione [FEFF 22]