Gundala

Gundala recensione [FEFF 22]

Gundala è il corrispettivo indonesiano del nostro Iron Man, mantenendo però una diversa identità culturale senza diventare banale.

Gundala recensione film di Joko Anwar con Abimana AryasatyaTara Basro, Bront PalaraeArio Bayu, Rio Dewanto e Lukman Sardi

È bello ogni tanto posare le comodi lenti occidentali e abbracciare categorie estetiche e culturali lontane da quello che diamo per assodato. Specie se si parla di supereroi, come in Gundala. A fronte dell’egemonia statunitense e dell’invasione dei personaggi fantastici penetrati a tutta forza nell’immaginario collettivo grazie alla sfrenata attività di Marvel e DC, sembrerebbe rimanere molto poco all’esterno di questo pantheon.

Abimana Aryasatya in Gundala
Abimana Aryasatya in Gundala

Poi, però, c’è GundalaLa prima trasposizione cinematografica di un fumetto del corrispettivo indonesiano – Bumilangit – dei giganti sopra citati, presentato in anteprima italiana al Far East Film Festival e che non solo racconta la storia di Sancaka, futuro Figlio del Tuono per rimanere ad una traduzione letterale, ma che apre un universo cinematografico asiatico in cui non ci sarà l’ombra di Iron Man o Black Panther. Ci sono le ingiustizie sociali, c’è una traiettoria personale segnata da colpi bassi e fatal flaw, ma soprattutto l’arco di Gundala non è tanto lontano da noi quanto lo è fisicamente.

Abimana Aryasatya e Tara Basro
Abimana Aryasatya e Tara Basro

Se non avessimo già assistito alla formazione di un cinema con una visione d’insieme spacchettata in film in serie, Gundala potrebbe infatti tranquillamente essere una capsula del tempo capace di riportarci al 2008 e aprire la strada ad un nuovo genere produttivo. Considerato invece il nostro orizzonte immaginifico, il film di Joko Anwar rappresenta il tentativo di glocalizzazione di un contesto leggermente familiare ma di cui possiamo sapere poco o nulla.

Nonostante tutti questi distinguo, Gundala riesce a non dissolversi all’istante puntando su tutta una serie di sequenze action realizzate in maniera diversa dagli standard occidentali e interessanti da confrontare senza ricercare un vincitore. Un altro punto di forza è il lavoro fatto sul villain di turno, capace di mantenersi credibile e ben strutturato in maniera tale da rendere coerente il conflitto archetipico tra bene e male.

Gundala di Joko Anwar
Gundala di Joko Anwar
Gundala al FEFF 22
Gundala al FEFF 22

Sintesi

Prima trasposizione cinematografica di un fumetto della più famosa casa editrice indonesiana di letteratura grafica, Bumilangit, Gundala riesce a non dissolversi all'istante al paragone con i cinecomics occidentali puntando su particolarissime sequenze action e su un villain credibile e ben strutturato, capace di rendere coerente il conflitto archetipico tra bene e male.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Prima trasposizione cinematografica di un fumetto della più famosa casa editrice indonesiana di letteratura grafica, Bumilangit, Gundala riesce a non dissolversi all'istante al paragone con i cinecomics occidentali puntando su particolarissime sequenze action e su un villain credibile e ben strutturato, capace di rendere coerente il conflitto archetipico tra bene e male.Gundala recensione [FEFF 22]