Il Re

Il Re recensione [Venezia 76 Fuori Concorso]

Il Re recensione del film di David Michôd con Timothée Chalamet, Joel Edgerton, Robert Pattinson, Ben Mendelsohn, Lily-Rose Depp, Sean Harris, Tom Glynn-Carney e Thomasin McKenzie prodotto da Netflix

Un re non ha amici. Un re ha solo seguaci e nemici.
Ma che cosa succede quando i seguaci finiscono col confondersi con i nemici? Presentato Fuori Concorso a Venezia 76, Il Re – The King rilegge in chiave romanzesca, ispirandosi più al testo shakespeariano che alla Storia, l’ascesa al trono inglese di Enrico V, interpretato da un molto credibile Timothée Chalamet.

Timothée Chalamet
Timothée Chalamet ne Il Re prodotto da Netflix
Robert Pattinson
Robert Pattinson ne Il Re prodotto da Netflix

Prodotto Netflix con tutti i crismi, soprattutto in termini di mezzi economici, il film si apre con una prima parte in cui viene descritta la progressiva redenzione del re che, dopo una gioventù dissoluta, assume le sue responsabilità con un obiettivo ben preciso: allontanarsi dalla politica scellerata del padre. Seguendo il modello di Game of Thrones, in questo importante segmento Il Re – The King si concentra sugli intrighi, le trame e i sotterfugi per la conquista del potere (e più in generale di una posizione di forza).

Il film però acquisisce realmente vigore quando si sposta sul campo di battaglia, con sequenze dall’afflato epico e con una tensione graduale che si insinua nello spettatore. David Michôd si conferma un regista affidabile, soprattutto quando è chiamato a mettere in scena sequenze adrenaliniche. The King pone, inoltre, una serie di interessanti riflessioni sul rapporto tra potere, ambizione e corruzione, passando dall’ambito macro (il regno) a quello più privato (la famiglia).

Timothée Chalamet
Timothée Chalamet ne Il Re prodotto da Netflix
Joel Edgerton
Joel Edgerton ne Il Re prodotto da Netflix

Le continue invenzioni registiche potrebbero fare storcere il naso a chi fosse alla ricerca di una maggiore credibilità storica, ma l’intento dichiarato di Michôd non vuole essere questo. Probabilmente un film non destinato a rimanere nella memoria e nemmeno paragonabile per altezza ad Animal Kingdom, ma che ha il pregio di mantenere fede a quelle che sono le premesse.

Menzione speciale per Joel Edgerton che, oltre ad aver scritto la sceneggiatura insieme al regista, si ritaglia e interpreta al meglio un ruolo molto prezioso, quello di Falstaff.

Sergio

Sintesi

Il Re rilegge in chiave romanzesca, ispirandosi più al testo shakespeariano che alla Storia, l'ascesa al trono inglese di Enrico V, interpretato da un molto credibile Timothée Chalamet. L'opera prodotta da Netflix e diretta da David Michôd pone una serie di interessanti riflessioni sul rapporto tra potere, ambizione e corruzione, passando dall'ambito macro (il regno) a quello più privato (la famiglia), acquisendo vigore quando si sposta sul campo di battaglia, con sequenze dall'afflato epico e con una tensione graduale che si insinua nello spettatore.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Il Re rilegge in chiave romanzesca, ispirandosi più al testo shakespeariano che alla Storia, l'ascesa al trono inglese di Enrico V, interpretato da un molto credibile Timothée Chalamet. L'opera prodotta da Netflix e diretta da David Michôd pone una serie di interessanti riflessioni sul rapporto tra potere, ambizione e corruzione, passando dall'ambito macro (il regno) a quello più privato (la famiglia), acquisendo vigore quando si sposta sul campo di battaglia, con sequenze dall'afflato epico e con una tensione graduale che si insinua nello spettatore.Il Re recensione [Venezia 76 Fuori Concorso]