Il re di Staten Island

Il re di Staten Island recensione

Il re di Staten Island trasforma la vicenda personale di Pete Davidson in una commedia capace di fare i conti con la tragedia del 9/11.

Il re di Staten Island recensione film di Judd Apatow con Pete Davidson, Marisa Tomei, Steve Buscemi, Bill Burr, Bel Powley, Maude Apatow e Pamela Adlon

Su cosa ci è concesso ridere? Su cosa è giusto farlo? Se la domanda venisse posta a Judd Apatow la risposta sarebbe probabilmente che non ci sono argomenti a prova di risata. Se la stessa domanda venisse posta a Pete Davidson la risposta sarebbe probabilmente identica se non più universale.

Sarà per questo che il regista di 40 anni vergineMolto incinta ha unito le forze con il comico statunitense, membro del cast del Saturday Night Live, per raccontare la vita di quest’ultimo alla luce dell’impatto del 9/11 e trarne qualcosa di buono. Sia per il curriculum che il portato personale, non c’è modo di raccontare storie se non trovando il contesto comico giusto in cui inserirlo. E allora cosa c’è di meglio di una madre che comincia una relazione con un vigile del fuoco dopo che il suo precedente marito è morto nella strage delle Twin Towers?

Marisa Tomei e Pete Davidson
Marisa Tomei e Pete Davidson

Maude Apatow e Pete Davidson
Maude Apatow e

Con Il re di Staten Island, disponibile sia a noleggio in PVOD che al cinema, Apatow ha fiutato il potenziale comico in quello che la maggior parte delle persone riterrebbe un disastro annunciato, ha lavorato sul materiale autobiografico di Davidson e insieme hanno scelto di non ignorare l’elefante nella stanza, ma di costruirgli attorno l’habitat miglior per farlo esprimere al meglio. Turbe psicologiche, vuoti affettivi, inconcludenza generazionale permettono di parlare con estrema franchezza ma in un registro stilistico leggero. È come una seduta psicologica destinata ai bambini, bisogna affrontare questioni spinose ricorrendo al gioco e al sorriso.

Un cast di prim’ordine aiuta e non poco. La presenza di Steve BuscemiPamela Adlon, Marisa Tomei Bill Burr dà consistenza ad una commedia che nasce dalle ceneri di una pagina sconvolgente del mondo occidentale in primis, ma soprattutto di chi è stato toccato in prima persona da un evento consegnato alla storia ma con ricadute profonde nella vita attuale. Il bilanciamento tra la verve comica di Davidson e la realtà con cui ha dovuto fare i conti funge da bussola con cui Apatow costruisce un tono su misura per la finzione biografica.

Il Nord è il cuore. Nel momento in cui si inizia a seguirlo, con modi, tempi e attegiamenti profondamente diversi tra loro, si può davvero ridere di tutto e respirare aria fresca in una realtà complicatissima.

Il re di Staten Island recensione
Pete Davidson

Il re di Staten Island recensione
Il re di Staten Island di Judd Apatow con Pete Davidson

Sintesi

Con Il re di Staten Island Judd Apatow ha lavorato sul materiale autobiografico di Pete Davidson dando consistenza ad una commedia che nasce dalle ceneri di una pagina sconvolgente del mondo occidentale, bilanciando tra la verve comica del protagonista e la realtà con cui ha dovuto fare i conti per costruire un tono su misura per la finzione biografica, dimostrando che si può davvero ridere di tutto e respirare aria fresca in una realtà complicatissima.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Sound of Metal recensione film di Darius Marder con Riz Ahmed [Amazon Prime Video]

Sound of Metal recensione film di Darius Marder con Riz Ahmed, Olivia Cooke, Mathieu Amalric, Lauren Ridloff e Paul Raci Intenso e tragicamente reale Sound of...

Raya e l’ultimo drago recensione film di Don Hall e Carlos López Estrada [Disney+ Anteprima]

Raya e l’ultimo drago recensione del 59esimo film d'animazione Disney di Don Hall e Carlos López Estrada in uscita nelle sale e su Disney+ Raya...

Golden Globe 2021 vincitori: vince Nomadland e Chloe Zhao migliore regista, Borat 2 migliore commedia e Sacha Baron Cohen miglior attore

Golden Globe 2021 vincitori: vince Nomadland con Chloe Zhao migliore regista, Borat 2 migliore commedia con Sacha Baron Cohen miglior attore Netflix mette a frutto...

Golden Globe 2021: Chadwick Boseman Miglior Attore Protagonista in un Film Drammatico

Golden Globe 2021: Chadwick Boseman Miglior Attore Protagonista in un Film Drammatico per Ma Rainey's Black Bottom Premio postumo tanto atteso quanto meritato allo sfortunato...

Golden Globe 2021: Anya Taylor-Joy e La regina degli scacchi migliore attrice e miniserie TV

Golden Globe 2021: Anya Taylor-Joy e La regina degli scacchi migliore attrice e miniserie TV Trionfo di Anya Taylor-Joy e La regina degli scacchi rispettivamente...

Golden Globe 2021: The Crown vince Migliore Serie TV Drammatica

Golden Globe 2021: The Crown vince Migliore Serie TV Drammatica The Crown si afferma come migliore serie TV drammatica del 2021 ai Golden Globes, prevalendo...

Golden Globe 2021: Rosamund Pike Migliore Attrice Protagonista per I Care A Lot

Golden Globe 2021: Rosamund Pike Migliore Attrice Protagonista per I Care A Lot Vittoria a sorpresa per Rosamund Pike con I Care A Lot rispetto...

Golden Globe 2021: Laura Pausini vince migliore canzone originale per La vita davanti a sé

Golden Globe 2021: Laura Pausini vince la migliore canzone originale per La vita davanti a sé In una categoria combattutissima contro Judas and the Black...

Golden Globe 2021: Aaron Sorkin Miglior Sceneggiatura con Il processo ai Chicago 7

Golden Globe 2021: Aaron Sorkin Miglior Sceneggiatura con Il processo ai Chicago 7 Aaron Sorkin si aggiudica uno dei premi più pesanti della serata, quello...

Golden Globe 2021: Soul miglior film d’animazione

Golden Globe 2021: Soul miglior film d'animazione Non c'è storia nella categoria miglior film d'animazione, dove Soul e Pixar si dimostrano innovatrice e game changer...