Il discorso perfetto

Il discorso perfetto recensione film di Laurent Tirard con Benjamin Lavernhe e Sara Giraudeau [Anteprima]

Il discorso perfetto, commedia francese del 2020, vede finalmente la luce del grande schermo: la recensione

Il discorso perfetto recensione film di Laurent Tirard con Benjamin Lavernhe, Sara Giraudeau, Kyan Khojandi, Julia Piaton e Francois Morel

Che il cinema degli ultimi anni sia andato un po’ a rilento non è di certo una novità. Le produzioni più piccole hanno risentito moltissimo della mancanza di accessi alla sala. Molte distribuzioni hanno, dunque, preferito aspettare più del dovuto per poter far approdare le proprie pellicole al grande schermo. Il discorso perfetto rientra proprio tra questi casi.
Film francese del 2020 di Laurent Tirard, selezionato sia a Cannes che alla Festa del Cinema di Roma di quell’anno, finalmente sta per vedere la luce di un proiettore. Arriverà, infatti, nelle sale italiane il prossimo 10 febbraio.

L’opera trasporta il suo pubblico all’interno delle elucubrazioni mentali del suo protagonista. Adrien (Benjamin Lavernhe) è un uomo di trentacinque anni che, durante una lunga cena di famiglia, viene invitato dal cognato a tenere il discorso per il matrimonio della sorella. Da questa proposta, infatti, iniziano a delinearsi tutti i possibili e diversi scenari che la mente di Adrien riesce a creare. La sua fantasia prende facilmente il volo ripercorrendo persino la sua storia d’amore con Sonia (Sara Giraudeau), la ragazza che tanto ama e che attende per via della pausa imposta alla sua relazione.

Benjamin Lavernhe e Sara Giraudeau
Benjamin Lavernhe e Sara Giraudeau (Credits: Christophe Brachet/I Wonder Pictures)
Kyan Khojandi e Julia Piaton
Kyan Khojandi e Julia Piaton (Credits: Christophe Brachet/I Wonder Pictures)

Lo svolgimento della cena, dunque, è interrotto dal flusso di coscienza e dai voli pindarici che Adrien fa in attesa della risposta di Sonia ad un SMS. Il piano della narrazione, dunque, rompe il normale flusso della diegesi. Si assiste, dunque, a una continua interruzione e ripresa dell’attimo verticale (la cena) con quello orizzontale (costituito dalla ricostruzione dei fatti di Adrien).

Attraverso l’ansia si manifestano tutte le prospettive più paradossali; tutti gli scenari più catastrofici nei quali Adrien si immagina a rovinare le nozze della sorella per colpa delle parole che pronuncerà una volta preso il microfono in mano. Delle parole che sono prive di senso, piene di cinismo e di attesa, la stessa attesa posta tra lui e l’amore per Sonia.

Benjamin Lavernhe
Benjamin Lavernhe (Credits: Christophe Brachet/I Wonder Pictures)
Il discorso perfetto recensione film di Laurent Tirard con Benjamin Lavernhe e Sara Giraudeau
Il discorso perfetto di Laurent Tirard con Benjamin Lavernhe, Sara Giraudeau e Julia Piaton (Credits: Christophe Brachet/I Wonder Pictures)

La comicità del film, dunque, viene scandita proprio da tutti i processi mentali che vengono sviscerati sullo schermo.

Il discorso perfetto è una pellicola che punta a far ridere attraverso una commedia quasi di stand up. Si punta molto sul monologo e sulla costruzione che vi è nel background della vicenda sulla quale l’attenzione dello spettatore verte. Dal contesto di partenza, in un attimo, ci si sposta dalla cena verso l’evasione mentale. Un aggancio che, quindi, permette ad Adrien di vagare con la propria testa in tutti gli scenari che è in grado di confezionarsi. Il rapporto con i singoli personaggi, con i familiari in particolare, diviene situazionale e legato alla battuta; proprio come succederebbe negli spettacoli di stand up comedy. Il protagonista col suo monologo racconta aneddoti che ci permettono di conoscerlo un po’ meglio, ridendo delle sue disavventure e sorridendo davanti al paradosso situazionale.

Quello diretto da Laurent Tirard è, quindi, un film che riesce ad intrattenere e a insegnare un qualcosa in più sull’amore e sulle esperienze che si possono fare attraverso gli attimi vissuti in nome di questo grande sentimento.

Sintesi

Una commedia quasi di stand up quella di Laurent Tirard, che tra disavventure e paradossi intrattiene ed insegna qualcosa in più sull’amore e sulle esperienze che si possono fare in suo nome.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Una commedia quasi di stand up quella di Laurent Tirard, che tra disavventure e paradossi intrattiene ed insegna qualcosa in più sull’amore e sulle esperienze che si possono fare in suo nome.Il discorso perfetto recensione film di Laurent Tirard con Benjamin Lavernhe e Sara Giraudeau [Anteprima]