I Mitchell contro le macchine

I Mitchell contro le macchine recensione film d’animazione di Michael Rianda e Jeff Rowe [Netflix]

I Mitchell contro le macchine recensione film d’animazione di Michael Rianda e Jeff Rowe con Abbi Jacobson e Danny McBride

La più grande sfida che i film d’animazione americani si sforzano di affrontare è quella di trovare il giusto equilibrio per un intrattenimento luminoso e intelligente sia per i bambini che per i loro più disillusi genitori. Ormai sono più di trent’anni che i grandi produttori di film d’animazione statunitensi (Disney, Pixar e Dreamworks in primis) dimostrano di saper raggiungere traguardi molto soddisfacenti, che però rischiano di occultare la fama di alcune perle più piccole che meritano ben altro riconoscimento.

Il film d’animazione I Mitchell contro le macchine, realizzato da Sony Pictures Animation e distribuito da Netflix, riflette con tutti i crismi i requisiti del prodotto da grande studio: dalla storia brillante all’estetica pirotecnica, dagli ammiccamenti ironici per adulti ai buoni sentimenti, per arrivare infine al più consueto comic relief a quattro zampe. Ciò che rinfresca un copione tutto sommato risaputo è la sua esecuzione, unita a una carica di risvolti slapstick ben conformata alla stilizzazione dell’animazione.

Il film d'animazione di Michael Rianda e Jeff Rowe
Il film d’animazione di Michael Rianda e Jeff Rowe (Credits: Sony Pictures Animation)

I Mitchell contro le macchine: la sinossi

Katie Mitchell (Abbi Jacobson) è un’adolescente appassionata di cinema che spera di poter lasciarsi alle spalle la famiglia e intraprendere una scuola per filmmaker. Infatti, con l’eccezione del fratellino con l’ossessione per i dinosauri Aaron (Mike Rianda), la ragazza ha sviluppato notevole distacco emotivo dai genitori, ed è ai ferri corti soprattutto con il padre Rick (Danny McBride), che la considera un po’ una nerd outsider.

La relazione padre-figlia è talmente alienata da suscitare sgomento (mentre il ruolo della madre Linda, doppiata da Maya Rudolph è più secondario); ma ben presto ci sarà tempo per la riconciliazione, perché la famiglia si trova alle prese con una rivolta robotica guidata da PAL (Olivia Colman) che ha coinvolto i dispositivi più disparati, da sofisticati androidi ai più innocui smartphone.

Rick e Katie Mitchell
Rick e Katie Mitchell, doppiati in originale da Danny McBride e Abbi Jacobson (Credits: Sony Pictures Animation)
I Mitchell contro le macchine recensione film d'animazione Netflix
Gli Stealthbots (Credits: Sony Pictures Animation)

Una brillante commedia sci-fi

Il film è stato prodotto da Phil Lord e Christopher Miller, vincitori del premio Oscar al Miglior Film d’Animazione per lo splendido Spider-Man: Into the Spider-Verse, il cui supporto è evidente nell’estetizzazione generale dell’operazione, specie nelle espressioni facciali. La sceneggiatura di Mike Rianda e Jeff Rowe (anche registi) regala perle di comicità mai superficiale (improntata perlopiù sulla gag fisica), e al contempo si dimostra capace di prendere le dovute svolte dark quando richiesto dalla narrazione (l’assedio al centro commerciale, perno di tutto il film).

La componente dialogica è ugualmente ricca e brillante, a partire dalla serie di folgoranti battute su tecnofobia, consumismo e cupidigia che fanno da MacGuffin per una solidissima e verosimile storia sul recupero dell’affetto. L’intento didattico non scade mai nel didascalico, le pagine emotive evitano la melassa e prendono direzioni inaspettate, mentre le ottime performance vocali (nel cast di doppiatori si annoverano pure Fred Armisen, Beck Bennett e Conan O’Brien) danno sostanza al fine dell’intrattenimento. Certamente non un film che sancirà uno spartiacque nell’animazione moderna come fece Into the Spider-Verse, ma un prodotto che nel breve tempo riesce a farsi apprezzare per una sensibilità più sfaccettata.

I Mitchell contro le macchine recensione film d'animazione Netflix
I Mitchell contro le macchine: il poster (Credits: Sony Pictures Animation)

Sintesi

Dalle menti dietro Spider-Man: Un nuovo universo arriva una brillante commedia fantascientifica che convince, diverte e fa pensare, incentrata sul recupero dell'affetto che si contrappone al sempreverde tema del pericolo tecnologico.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Dalle menti dietro Spider-Man: Un nuovo universo arriva una brillante commedia fantascientifica che convince, diverte e fa pensare, incentrata sul recupero dell'affetto che si contrappone al sempreverde tema del pericolo tecnologico.I Mitchell contro le macchine recensione film d'animazione di Michael Rianda e Jeff Rowe [Netflix]