Fahrenheit 11/9

Fahrenheit 11/9 recensione

Fahrenheit 11/9 recensione del documentario politico di Michael Moore sulle elezioni presidenziali del 2016 negli Stati Uniti e l'elezione di Donald Trump

Fahrenheit 11/9 – presentato alla Festa del Cinema di Roma

Michael Moore è un grande affabulatore. Forse l’unico che riesce a smuovere le coscienze facendo riflettere e arrabbiare allo stesso tempo. Facile intuire l’obiettivo e lo scopo del regista in questo nuovo documentario. Il suo bersaglio sembra essere Donald Trump perché il titolo Fahrenheit 11/9 fa riferimento al giorno in cui ha vinto le elezioni.

MadMass.it consiglia by Amazon

Un giorno difficile da accettare per il regista. Utilizza immagini di repertorio per dipingere il presidente americano come un despota, un misogino e un razzista. Senza ironia, senza mezzi termini. Moore è pessimista ed è facile intuirlo ma, contrariamente a quanto siamo abituati, questa volta ci consegna un’apertura di speranza deponendo le sue aspettative nei movimenti spontanei creati dai giovani che non vogliono guerre. Sui ragazzi che manifestano contro le armi dopo ogni sparatoria, che scendono per strada per difendere la minoranze. Sono pochi, ma ha fiducia in loro e nel prossimo futuro. In fondo non pensa che tutto sia perduto.

Fahrenheit 11/9: il documentario politico di Michael Moore presentato alla Festa del Cinema di Roma
Fahrenheit 11/9: il documentario politico di Michael Moore

Non ha dubbi quando afferma che Trump è il risultato di un sistema marcio non solo prodotto dai repubblicani, ma responsabilizza anche i democratici e li denuncia apertamente, poiché è anche per colpa loro se è salito al potere. Non risparmia neanche l’icona Obama.

Uno sguardo cinico e provocatorio dei tempi in cui viviamo, una dura critica sullo stato americano e sulla politica. Si chiede in continuazione perchè? Come è stato possibile eleggere Trump presidente? Ma soprattutto, come si può uscire dal suo mandato?

Fahrenheit 11/9 di Michael Moore contro la Presidenza Trump
Fahrenheit 11/9 di Michael Moore contro la Presidenza Trump

Un film che denuncia l’arroganza e la presunzione della campagna elettorale di Hillary Clinton: quando alla vigilia delle elezioni, nel novembre del 2016, i massimi esperti di sondaggi degli Stati Uniti dichiaravano che Trump non aveva molte possibilità di vittoria. Succede però l’inverosimile e alle 2:29 del “11/9” il multimiliardario candidato repubblicano viene dichiarato presidente degli Stati Uniti.

Moore ci mostra come tanti punti, collegati da linee di congiunzione, alla fine danno il disegno di una società e di un sentire comune di cui è necessario riprendere le redini. Ma siamo ancora in tempo a farlo, facendo leva sull’essere, ancora e malgrado tutto, umani.

E in mezzo a tanti interrogativi, rimbomba l’eco della domanda principale: “Come cazxx può essere successo…?”

Gabriela

Fahrenheit 11/9: il documentario politico di Michael Moore
Fahrenheit 11/9: il documentario politico di Michael Moore

Fahrenheit 11/9: il poster del documentario di Michael Moore
Fahrenheit 11/9: il poster

Sintesi

Fahrenheit 11/9 è uno sguardo cinico e provocatorio dei tempi in cui viviamo, una dura critica sullo stato americano e sulla politica. Moore questa volta ci consegna un’apertura di speranza, con il disegno di una società e di un sentire comune di cui è necessario riprendere le redini.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova, Filipp Yankovskiy, Ignat Daniltsev, Oleg Yankovskiy e Alla Demidova Lo specchio, il regalo di Tarkovskij all’umanità...

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...