Exit

Exit recensione [FEFF 22]

Exit recensione film di Sang Geun Lee con Jung-suk Jo, Yoon-ah Im, Du-shim Ko, In-hwan Park e Ji-yeong Kim, migliore opera prima al Far East Film Festival 2020

Debutto alla regia per il regista sudcoreano Sang Geun Lee e premiato con il Gelso Bianco per la Migliore Opera Prima alla 22a edizione del Far East Film Festival, Exit racconta la storia di Yong-Nam (Jung-suk Jo) e la sua compagna del college Eui-Joo (Yoon-ah Im) che, incontratosi casualmente ad una festa di compleanno, sono costretti ad affrontare la minaccia rappresentata da un atto terroristico conseguente alla liberazione di un gas tossico tra le strade e i quartieri di Seul che ha fatto sprofondare la città nel panico e nel caos.

Disaster movie che si ricollega direttamente alla tradizione di stampo americano – citiamo ad sempio The Mist (2007) di Frank Darabont – Exit è una pellicola che intrattiene e diverte ma, a tratti, sfocia nella prevedibilità e ripetitività: la colpa va forse imputata ad una scarsa caratterizzazione dei personaggi o ad una sceneggiatura banale e superficiale, sta di fatto che il film si regge esclusivamente sulle continue sequenze d’azione accompagnate da una colonna sonora incalzante e da una fotografia che, ricordando vagamente le atmosfere surreali di Blade Runner (1982) di Ridley Scott, riesce in parte a colmare la piattezza narrativa.

Yoon-ah Im
Yoon-ah Im

Exit recensione film di Sang Geun Lee [FEFF 22]
Exit film di Sang Geun Lee, migliore opera prima al Far East Film Festival 2020
Rivolto ad un pubblico giovanile, Exit può sicuramente diventare un blockbuster apprezzabile tra le nuove generazioni: la bravura di Sang Geun Lee sta nella sua capacità di dare alla storia un ritmo frenetico e coinvolgente che intrattiene con una trama lineare dagli spunti comici che, in più circostanze, pone il cast in situazioni ridicole e assurde inserite in un clima pop fatto di insegne luminose al neon, pericoli mortali e situazioni che rasentano l’impossibile.

Nulla di nuovo e originale quindi, ma il tutto minuziosamente impacchettato all’interno di un prodotto che conosce i suoi limiti e le sue potenzialità: l’esordio alla regia di Sang Geun Lee merita in ogni caso un encomio.

Yoon-ah Im
Yoon-ah Im
Jung-suk Jo
Jung-suk Jo

Sintesi

Premiato con il Gelso Bianco per la Migliore Opera Prima alla 22a edizione del Far East Film Festival, Exit, sebbene risulti prevedibile e ripetitivo, può sicuramente diventare un blockbuster apprezzabile tra le nuove generazioni. L’esordio alla regia di Sang Geun Lee merita un elogio così come la sua capacità di mescolare sequenze d’azione all'interno di una luminosa e colorata ambientazione dai tratti pop.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Premiato con il Gelso Bianco per la Migliore Opera Prima alla 22a edizione del Far East Film Festival, Exit, sebbene risulti prevedibile e ripetitivo, può sicuramente diventare un blockbuster apprezzabile tra le nuove generazioni. L’esordio alla regia di Sang Geun Lee merita un elogio così come la sua capacità di mescolare sequenze d’azione all'interno di una luminosa e colorata ambientazione dai tratti pop.Exit recensione [FEFF 22]