Evangelion: Death (True)² / The End of Evangelion

Evangelion: Death (True)² / The End of Evangelion recensione film d’animazione di Hideaki Anno [Anteprima]

Evangelion: Death (True)² The End of Evangelion recensione film d’animazione di Hideaki Anno con il doppiaggio “Made by Dynit” distribuiti da Nexo Digital

Neon Genesis Evangelion è una di quelle opere che hanno cambiato l’animazione seriale, che riesce a trattare temi profondi e complessi insieme ad una forte componente d’intrattenimento più leggera. La serie animata, composta da 26 episodi e andata in onda in Giappone dal 1995 al 1996, in Italia è arrivata solo nel 2000 e da qualche anno disponibile su Netflix. Nexo Digital ha però voluto portare Neon Genesis Evangelion al cinema nelle sue due prime reincarnazioni filmiche, dando così la possibilità ai fan più accaniti di vedere l’opera sul grande schermo e a chi non conosce la serie di approcciarla per la prima volta (anche se chi non conosce la serie avrà difficoltà a capire tutto).

MadMass.it consiglia by Amazon

Il primo film, Evangelion: Death (True)², è un riassunto molto striminzito della serie anime fino al ventiquattresimo episodio, mentre il secondo, The End of Evangelion, è il film uscito nel 1997 che rielabora gli ultimi due episodi per dar vita ad un finale alternativo a quello della serie animata. L’opera scritta e diretta da Hideaki Anno è uno di quei progetti audiovisivi densi, imprescindibili, che prende concetti religiosi, filosofici, psicologici e li destruttura in una storia ambientata in un futuro distopico pieno di intrighi, segreti e combattimenti tra robottoni.

Asuka Sōryū Langley
Asuka Langley Sohryu

Evangelion: Death (True)² / The End of Evangelion recensione film d'animazione di Hideaki Anno
Evangelion: Death (True)² / The End of Evangelion di Hideaki Anno

Nel 2000 un meteorite ha distrutto l’Antartide, innescando catastrofi climatiche e guerre mondiali per il controllo delle poche risorse rimaste. L’esplosione, chiamata Second Impact, e le sue conseguenze portano alla scomparsa di tre miliardi di persone e costringono il mondo ad organizzarsi in nuove città con organizzazioni militari dedite alla difesa del mondo contro gli Angeli, entità aliene che attaccano la terra. Nel 2015, nella città Neo Tokyo-3, la Nerv si occupa di contrastare le invasioni extraterrestri con l’uso di tre unità Evangelion, robot altamente tecnologici alti come grattacieli guidabili solo da ragazzini. Per pilotare l’unità 01 viene reclutato il quattordicenne Shinji Ikari, il figlio del capo del progetto, che viene portato in città ed istruito sulle sue nuove responsabilità.

Shinji, molto introverso e distaccato, si scontrerà immediatamente con una nuova città, la tutrice Misato Katsuragi con cui andrà a vivere, nuovi compagni di scuola e un compito che all’apparenza è più grande di lui. Le ansie, le aspettative e la paura di morire iniziano a sovrastarlo, non si sente pronto e in grado di combattere contro degli alieni che continuano imperterriti ad invadere il pianeta, ma grazie alla comprensione di Misato e la conoscenza con gli altri due piloti, Rei Ayanami e Asuka Langley Sohryu, riuscirà a prendere coscienza del lavoro che deve fare, della sua importanza e capire come pilotare al meglio quell’arma gigantesca.

Il capolavoro d'animazione di Hideaki Anno
Il capolavoro d’animazione di Hideaki Anno

Evangelion: Death (True)² / The End of Evangelion recensione film d'animazione di Hideaki Anno
Evangelion: Death (True)² / The End of Evangelion di Hideaki Anno

Il gruppo inizia a conoscersi sempre di più, a sostenersi dopo le prime difficoltà e trovare un equilibrio per vivere una situazione fuori del comune, gli angeli vengono continuamente sconfitti e la terra sembra aver trovato il modo di sopravvivere, ma un mistero venuto alla luce distruggerà tutto quello costruito fino a quel momento. Shinji scoprirà la verità sul Second Impact, il vero scopo della Nerv e l’arrivo in scena di una setta segreta, la Seele, e il suo Progetto per il perfezionamento dell’uomo. Inizia così una guerra di potere, ogni parte per il suo obiettivo e Shinji, Rei e Asuka si troveranno di fronte alle paure, alle ansie e scelte che cambieranno il destino dell’umanità.

Ciò che rende Neon Genesis Evangelion unico e diverso da tutti gli altri anime è la profonda introspezione ed evoluzione dei suoi personaggi, inseriti in una cornice filosofica e religiosa molto presente ed influente. Shinji è un ragazzo cresciuto senza madre e abbandonato da un padre assente, che nel contatto umano trova solo dolore e disagio, la solitudine e il silenzio sono le uniche realtà dove si sente a suo agio. Incontrare un padre che non lo ha mai voluto e la pressione di un compito impossibile lo portano nei primi episodi ad un ulteriore crisi esistenziale, ma sarà proprio nel calore umano di Misato, la diversità di Rei e i contrasti con Asuka la serenità che tanto cercava.

Tantissimi i riferimenti ai primi umani Adamo ed Eva, la crocifissione, al vecchio testamento, alla cabala ebraica con l’albero della vita e le dieci Sefirot, elementi esoterici e mitologici come la Lancia di Longino e i rotoli del Mar Morto; tantissimi i concetti filosofici e psicologici esplorati come il doppio, il super uomo, il complesso di Edipo e lo scontro tra Eros e Thanatos. L’opera di Hideaki Anno distrugge, rielabora e trasmette veramente qualcosa a chi la guarda: una serie che ha cambiato il modo di narrare una storia animata per le scelte coraggiose e geniali adottate dal suo autore.

Il capolavoro d'animazione di Hideaki Anno
Il capolavoro d’animazione di Hideaki Anno

Evangelion: Death (True)² / The End of Evangelion recensione film d'animazione di Hideaki Anno
Evangelion: Death (True)² / The End of Evangelion di Hideaki Anno

Sintesi

Il capolavoro animato di Hideaki Anno torna al cinema nelle sue prime incarnazioni filmiche. Due opere stupende, meno adatte a chi non conosce la serie animata rispetto ai fan di lunga data, ma l’esperienza di vedere Neon Genesis Evangelion sul grande schermo è unica e irripetibile. Due film densi di concetti religiosi e filosofici, pieni di azione, divertimento e drammi esistenziali.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli