Dovlatov - I libri invisibili

Dovlatov – I libri invisibili recensione film di Alexey German Jr. [Anteprima]

Dovlatov - I libri invisibili di Alexey German Jr. racconta la vita dello scrittore russo Sergej Dovlatov, simbolo della letteratura russa del XX secolo. La recensione

Dovlatov – I libri invisibili recensione del film di Alexey German Jr. con Milan Marić, Danila Kozlovksy, Helena Sujecka, Artur Beschastny e Svetlana Khodchenkova

Il vincitore dell’Orso d’Argento per il miglior contributo artistico al Festival di Berlino 2018 è Dovlatov – I libri invisibili, diretto dall’acclamato regista russo Alexey German Jr.. Fin da subito esordisce come uno dei più talentuosi autori russi della sua generazione, conquista numerosi riconoscimenti al Festival del Cinema di Venezia con The Last Train nel 2003 e con Garpastum nel 2005 ma soprattutto sarà nel 2008 con Paper Soldier che si aggiudicherà il Leone d’Argento rendendolo una delle produzioni russe di maggior successo.

Dovlatov – I libri invisibili nasce proprio dall’amore del regista verso le opere dello scrittore russo Sergej Donatovič Dovlatov (Milan Marić), uno dei simboli degli ultimi 25 anni del XX secolo della letteratura russa. Oltre alle sue opere è una figura che spicca perché viene ricordata come una persona straordinaria piena di talento e humor.

Milan Marić e Svetlana Khodchenkova
Milan Marić e Svetlana Khodchenkova

Dovlatov - I libri invisibili recensione film di Alexey German Jr.
Dovlatov – I libri invisibili di Alexey German Jr.

Il film racconta sei giorni della vita dello scrittore Dovlatov a Leningrado, alla vigilia dell’anniversario della Rivoluzione, distinguendosi per la capacità di vedere ben oltre la rigida mentalità del regime sovietico. Insieme all’amico e poeta Iosif Brodskij (Artur Beschastny), lottano per preservare il loro talento e integrità in un contesto sociale avverso all’arte e alla cultura e che ben presto avrebbero lasciato per fuggire in America.

Dovlatov – I libri invisibili racconta l’intima passione di un uomo qualunque, che ha un sogno e non riesce, fortunatamente, a rinunciarci. Per lui la scrittura rimarrà sempre una fedele compagna e valvola di sfogo.

Sergej Dovlatov vuole misurare il mondo col suo sguardo acuto e disincantato eppure i suoi scritti verranno sempre censurati perché non riesce a celebrare il mondo operaio e della Terra Sovietica come le case editrici richiedono.

Milan Maric, Helena Sujecka e Eva Gerr
Milan Maric, Helena Sujecka e Eva Gerr

Milan Maric e Danila Kozlovsky
Milan Maric e Danila Kozlovsky

Nonostante le delusioni e le umiliazioni che ledono i colleghi artisti di Dovlatov, i suoi ideali e obiettivi non vengono scalfiti, complice anche l’affetto familiare e di Lena (Helena Sujecka) e Katya (Eva Gerr), l’ex moglie e la figlioletta che non smetteranno mai di credere in lui.

Alexey German Jr. porta sullo schermo un’opera intima e sincera, dove l’uomo è messo a nudo affinché si possano vedere le sue debolezze e i suoi ideali senza provare vergogna. Il regista ha impiegato molto tempo nella ricostruzione della città e in quella del personaggio di Dovlatov dove sono stati indispensabili gli incontri con le figlie Elena ed Ekaterina.

Dovlatov incarnava la bellezza di un divo hollywoodiano e le sue radici ebraiche, un casting che ha impiegato molte energie e che si è felicemente concluso con Milan Marić che esordisce al suo primo film internazionale e al suo primo ruolo da protagonista.

Sintesi

Dovlatov - I libri invisibili racconta sei giorni della vita dello scrittore Sergej Dovlatov a Leningrado, alla vigilia dell’anniversario della Rivoluzione, distinguendosi per la capacità di vedere ben oltre la rigida mentalità del regime sovietico. Il regista Alexey German Jr. porta sullo schermo un’opera intima e sincera, dove l’uomo è messo a nudo affinché si possano vedere le sue debolezze e i suoi ideali senza provare vergogna.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli