Doctor Sleep

Doctor Sleep recensione

Doctor Sleep recensione del film di Mike Flanagan con Ewan McGregor, Rebecca Ferguson, Kyliegh Curran, Jacob Tremblay, Emily Alyn Lind e Bruce Greenwood

È molto difficile definire Doctor Sleep con un solo aggettivo. Non si tratta né di un film “bello” né di un film “brutto”, e neanche di un film mediocre. Il sequel di Shining presenta un’originalissima mescolanza di interessanti intuizioni e di scene ridicole che fa uscire lo spettatore dal cinema con una strana irritazione e con l’inestricabile dubbio se ha visto un buon film rovinato da alcune scelte sbagliate o un brutto film che contiene anche dei buoni momenti.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

C’è da dire che il problema iniziale con cui il regista Mike Flanagan (Hush – Il terrore del silenzio, Il gioco di Gerald, Hill House) si doveva relazionare era proprio l’omonimo romanzo di Stephen King da cui Doctor Sleep è tratto. Uscito nel 2013 come seguito del “suo” Shining e non di quello di Stanley Kubrick, il romanzo Doctor Sleep era semplicemente privo di quella portata simbolica che altre opere del suo autore sfoderavano in grande stile. Non c’era più il simbolismo dell’albergo/casa/utero maligno/tomba di Shining, né il fantasma erotico Pennywise protagonista di It o la strana entità demoniaca contro cui combattono i protagonisti del più recente The Outsider.

Rebecca Ferguson
Rebecca Ferguson

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Doctor Sleep recensione
Doctor Sleep: la scena cult delle mani

Invece il “male” rappresentato nel Doctor Sleep è uno degli antagonisti più banali e allo stesso tempo meno credibili di tutta l’opera kinghiana, e l’assenza di un’unità aristotelica di tempo, luogo e azione non aiuta né il libro di King né il Doctor Sleep di Flanagan a costruire un adeguato stato di tensione nel lettore o nello spettatore. La trama del film infatti è fondamentalmente la stessa del libro di King: a distanza di decenni dai fatti dell’Overlook Hotel, il quarantenne Danny Torrance (Ewan McGregor) cerca di affogare nell’alcol i fantasmi e tutte le altre visioni prodotte dalla “luccicanza”.

Dopo essersi iscritto a un gruppo di Alcolisti Anonimi, viene contattato telepaticamente da Abra (Kyliegh Curran), dodicenne dotata di una particolare carica magica, braccata da un misterioso gruppo di uomini malvagi chiamato il Vero Nodo, che si nutre della luccicanza dei bambini per vivere migliaia di anni.

La stessa scelta di avere Flanagan alla sceneggiatura e alla regia era buona ma non buonissima. Flanagan è senz’altro un bravo artigiano di film horror e thriller, questo non lo si mette in dubbio: Hush – Il terrore del silenzio, il film che lo ha consacrato, era un’interessante variazione sul tema dello slasher che anticipava alcune dinamiche di A Quiet Place, e si era ulteriormente imposto fra i migliori adattatori di King con il film Netflix Il gioco di Gerald. La Warner Bros. doveva però decidere se cercare di realizzare un buon prodotto di cassetta oppure un seguito di Shining libro e Shining film che oltre all’ambientazione dell’Overlook Hotel avesse anche la medesima portata tragica dei due predecessori. Flanagan è al margine di quel gruppo in piena ascesa di registi horror americani denotati da una forte autorialità (vedasi Ari Aster) e confeziona un prodotto con “un’anima” ma danneggiato da molte criticità interne.

Ewan McGregor è Danny Torrance
Ewan McGregor è Danny Torrance nel sequel di Shining

Rebecca Ferguson
Rebecca Ferguson diabolica in Doctor Sleep

Il vero problema non è neanche il Flanagan regista: la direzione degli attori è di buona qualità, lo stile registico è nella norma. Sono alcune scelte di sceneggiatura a riempire il film di momenti discutibili, che poi viene ulteriormente danneggiato dalla scelta di ricreare alcune brevi scene dell’originale Shining con attori diversi: non ha senso ricostruire centimetro per centimetro la scenografia dell’Overlook Hotel, se poi Danny bambino, la madre Wendy e il padre Jack hanno un aspetto ben diverso rispetto al primo film. Una simile discontinuità poteva essere accettabile vent’anni fa, non nella stessa stagione in cui escono nelle sale film come Gemini Man o The Irishman nei quali il lavoro di effetti speciali sui volti degli attori risulta perfettamente credibile.

È in particolare la scena al bancone dell’Overlook, assente nel libro di King e sulla carta un’ottima invenzione di Flanagan, a essere resa ridicola dalla scarsa somiglianza dell’attore dietro al bancone dei vini. Viene reso male anche il motivo per cui il film si intitola così, “Dottor Sonno” – Danny grazie alla luccicanza riesce a dare una “buona morte” ai malati terminali che assiste come inserviente ospedaliero – che era uno dei migliori passaggi del libro e che invece nel film viene ridotto a macchietta, forse per non turbare gli animi accennando a qualcosa di simile all’eutanasia.

Il finale, non del tutto kinghiano, e’ pura follia. Dall’altro lato, non può non emozionare il ritorno all’Overlook, ci sono alcuni buoni momenti di tensione come la scena delle mani già visibile nel trailer e il rapporto fra Dan e il fantasma del cuoco Dick Halloran (Carl Lumbly) e’ reso bene, con un attore che imita bene sia a livello di recitazione che a livello di volto l’indimenticabile Scatman Crothers del film di Kubrick. Ma Doctor Sleep di Mike Flanagan resta, complessivamente, un’occasione sprecata.

Ludovico

Sintesi

Il sequel di Shining presenta un’originalissima mescolanza di interessanti intuizioni e di scene ridicole che lascia con una strana irritazione e con l’inestricabile dubbio di avere visto un buon film rovinato da alcune scelte sbagliate o un brutto film che contiene anche dei buoni momenti.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Mio zio recensione [Flashback Friday]

Mio zio recensione del film diretto e interpretato da Jacques Tati con Alain Bécourt, Jean-Pierre Zola e Adrienne Servantie Il cinema di Jacques Tati (Giorno di...

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto: i trailer di Sto pensando di finirla qui di Charlie Kaufman e di Judas and the Black Messiah...

Coffee and Cigarettes recensione (versione restaurata)

Coffee and Cigarettes recensione film di Jim Jarmusch in edizione restaurata con Roberto Benigni, Steven Wright, Joie Lee, Tom Waits, Cinqué Lee, Steve Buscemi,...

Buon compleanno M. Night Shyamalan: i suoi migliori film [Throwback Thursday]

M. Night Shyamalan compie 50 anni: ripercorriamo i migliori successi del regista dai finali a sorpresa Il 6 agosto del 1970 nasceva M. Night Shyamalan,...

Cine Rassegna Stampa del 6 agosto

Cine Rassegna Stampa del 6 agosto: Tom Hanks Geppetto per Pinocchio di Robert Zemeckis, Ryan Reynolds a caccia di mostri in Everyday Parenting Tips,...

Il dottor Stranamore recensione

Il dottor Stranamore - Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba recensione del film di Stanley Kubrick con Peter...

Burning – L’amore brucia recensione

Burning - L'amore brucia recensione film di Chang-dong Lee con Ah-In Yoo, Steven Yeun, Jong-seo Jun, Soo-Kyung Kim e Seong-kun Mun Nel panorama letterario contemporaneo...

Cine Rassegna Stampa del 5 agosto

Cine Rassegna Stampa del 5 agosto: Mulan esce direttamente in streaming su Disney+, il trailer di Ratched, la serie Netflix di Ryan Murphy spin-off...

Cine Rassegna Stampa del 4 agosto

Cine Rassegna Stampa del 4 agosto: La donna alla finestra di Joe Wright con Amy Adams passa a Netflix, le prime immagini di The...

Gretel e Hansel recensione [Anteprima]

Gretel e Hansel recensione film di Oz Perkins con Sophia Lillis, Alice Krige, Samuel Leakey, Jessica De Gouw, Fiona O'Shaughnessy e Charles Babalola Trasformare la...