Borg McEnroe

Borg McEnroe recensione

Recensione di Borg McEnroe diretto da Janus Metz Pedersen con Sverrir Gudnason e Shia LaBeouf

La storia di uno dei più grandi campioni nella memoria del tennis, ragazzino difficile e dalle umili origini capace di divenire il numero uno al mondo, macchina implacabile sin dagli esordi come più giovane vincitore di un match in Coppa Davis a soli 15 anni fino a 11 titoli del Grande Slam e 64 tornei professionistici.

Janus Metz Pedersen in Borg McEnroe ci racconta il Borg intimo, mai visto, sin dalla tenera età, scegliendo un percorso emozionante che ci mostra la vera storia di una leggenda che si plasma: le difficoltà, le rinunce, le paure, fino a quel meccanismo unico, magico ed imprevedibile, che porta una persona con un grande potenziale e grandi ambizioni inespresse a trasfigurare le proprie attitudini mentali per diventare il campione, il migliore, in un’ascesa irrefrenabile per chiunque altro.

Il vulcano celato dentro un iceberg impenetrabile, Borg è il più grande tennista su terra rossa della storia ma i suoi numeri sono talmente impressionanti da renderlo una figura unica nella storia del tennis, considerato il suo ritiro in giovanissima età che non gli ha impedito comunque di essere tutt’oggi il più giovane vincitore di 11 Slam e di essere tra i 10 tennisti più vincenti di sempre, seppur con molti anni giocati in meno.

Borg McEnroe
John McEnroe e Bjorn Borg e i loro interpreti cinematografici Shia LaBeouf e Sverrir Gudnason

Sverrir Gudnason e Shia LaBeouf danno vita sul grande schermo all’inizio di una leale rivalità prima e grande amicizia poi, dimostrandosi entrambi estremamente credibili e preparati sui ruoli da interpretare.

Il Björn Rune Borg cinematografico è supportato in modo magistrale da Stellan Skarsgård, nelle vesti del coach e mentore Lennart Bergelin, colui che ha acceso la macchina perfetta in grado di far nascere il tennis moderno anche attraverso le rivalità storiche e le sfide indimenticabili con John McEnroe e Jimmy Connors.

Borg McEnroe è un film su Björn Borg, non su Borg e McEnroe, ma John McEnroe è un meccanismo importante per capire la psicolgia di Borg e spiegare il profondo significato di cosa possa accadere ad una macchina perfetta quando decide di spegnersi.

Un film motivazionale molto bello, non sullo sport ma sulla persona, non sul tennis ma sull’approccio mentale ed emozionale, scritto da Ronnie Sandahl con Shia LaBeouf in grande spolvero, Tuva Novotny e Robert Emms.

Borg McEnroe
Sverrir Gudnason è Bjorn Borg in Borg McEnroe

Borg McEnroe
Sverrir Gudnason e Tuva Novotny in Borg McEnroe

Borg McEnroe
Stellan Skarsgård nelle vesti di Lennart Bergelin, coach e mentore di Borg

Sintesi

Borg McEnroe è un film su Björn Borg, non su Borg e McEnroe, ma John McEnroe è un meccanismo importante per capire la psicolgia di Borg e spiegare il profondo significato di cosa possa accadere ad una macchina perfetta quando decide di spegnersi.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli