Borat Subsequent Moviefilm

Borat 2 Subsequent Moviefilm recensione film con Sacha Baron Cohen [Amazon Prime Video Anteprima]

Dopo 14 anni, Borat torna a dissacrare il mito americano trovando terreno fertile nell'imminente elezione presidenziale e nella crisi provocata dal COVID-19: la recensione.

Borat Subsequent Moviefilm (Borat – Seguito di film cinema) recensione film di Jason Woliner con Sacha Baron Cohen e Irina Nowak il sequel di Borat in esclusiva su Amazon Prime Video

Guarda Borat Subsequent Moviefilm su Amazon Prime Video: gratis per 30 giorni!

Dalle macerie di questo annus horribilis, spunta fuori dopo 14 anni la personalità più famosa del Kazakistan per travolgere le elezioni americane e il baratro in cui siamo sprofondati. Borat Sagdiyev è tornato in America per compiere una nuova segretissima missione per conto del suo Paese in compagnia della figlia Tutat (la sorprendente Irina Nowak): portarla in dono all’entourage del Presidente Donald Trump per entrare nella cerchia dei potenti uomini occidentali.

Pur conoscendo lo stile e il registro dell’alter ego di Sacha Baron Cohen, l’assurdità promessa dall’innesco di Borat Subsequent Moviefilm (Borat – Seguito di film cinema) risulta davvero poca cosa in confronto alla miseria umana che viene snocciolata dalla satira dell’attore britannico.

Sacha Baron Cohen e Irina Nowak
Borat Sagdiyev (Sacha Baron Cohen) porta la figlia Tutat (Irina Nowak) in dono all’entourage del Presidente Donald Trump
Sacha Baron Cohen e Irina Nowak
Sacha Baron Cohen e Irina Nowak

Il percorso a ostacoli nell’America segnata dal Coronavirus e pronta ad eleggere il 59° Presidente della sua giovane storia è più un freak show che un mockumentary. La realtà socio-politica in cui la strana coppia Borat-Tutat si muove è un raccapricciante affresco di come la trivializzazione della politica si sia riflessa sul popolo che la pratica.

I segmenti che costituiscono la spina dorsale della quest kazaka in continente americano rappresentano dei bocconi amari da mandar giù solo se infarciti di acuta satira. Funziona un po’ come con i cani, restii spesso ad assumere pillole e raggirati nascondendole all’interno del cibo. Accettare le immagini del nuovo film di Jason Woliner, decontestualizzandole dal meccanismo consolidato del personaggio Borat, è quasi un’ammissione di colpa per i tempi in cui si è costretti a vivere. La realtà incastonata nelle gag di Sacha Baron Cohen è il manifesto politico tanto desiderato ma mai realizzato dalle presunte forze del cambiamento in tempo di propaganda.

Sacha Baron Cohen e Irina Nowak
Sacha Baron Cohen e Irina Nowak
Borat Subsequent Moviefilm recensione film con Sacha Baron Cohen
Borat Subsequent Moviefilm di Jason Woliner con Sacha Baron Cohen e Irina Nowak in esclusiva su Amazon Prime Video

Guardate gli effetti di una scelta del passato, tenete a mente il peso che un voto può determinare sul prossimo futuro. Il nuovo capitolo di Borat è un film politico che se da un lato addita il nemico repubblicano per eccellenza mettendo all’angolo i suoi collaboratori più stretti – la sequenza che porta alla conclusione del film genererà un tifone sulla politica americana in un modo o nell’altro – dall’altro è diretto al semplice elettore per costringerlo letteralmente ad esercitare il proprio diritto al voto.

Senza fare troppi giri di parole, conviene dare uno sguardo alla cartolina scorretta – o spot elettorale bipartisan – degli USA e rendersi conto su quale terreno si stia per consumare un’elezione a dir poco simbolica per una delle più grandi potenze mondiali.

Sacha Baron Cohen e Irina Nowak
Sacha Baron Cohen e Irina Nowak
Borat Subsequent Moviefilm recensione film con Sacha Baron Cohen
Borat Sagdiyev (Sacha Baron Cohen) e sua figlia Tutat (Irina Nowak)
Borat Subsequent Moviefilm: il poster
Borat Subsequent Moviefilm: il poster

Sintesi

Il percorso a ostacoli del ritorno di Sacha Baron Cohen nei panni di Borat nell'America segnata dal Coronavirus e pronta ad eleggere il 59° Presidente della sua giovane storia è più un freak show che un mockumentary. La realtà socio-politica in cui la strana coppia protagonista Borat-Tutat si muove è un raccapricciante affresco di come la trivializzazione della politica si sia riflessa sul popolo che la pratica. Il nuovo capitolo di Borat è un film politico che se da un lato addita il nemico repubblicano per eccellenza mettendo all'angolo i suoi collaboratori più stretti, dall'altro è diretto al semplice elettore per costringerlo letteralmente ad esercitare il proprio diritto al voto.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Il percorso a ostacoli del ritorno di Sacha Baron Cohen nei panni di Borat nell'America segnata dal Coronavirus e pronta ad eleggere il 59° Presidente della sua giovane storia è più un freak show che un mockumentary. La realtà socio-politica in cui la strana coppia protagonista Borat-Tutat si muove è un raccapricciante affresco di come la trivializzazione della politica si sia riflessa sul popolo che la pratica. Il nuovo capitolo di Borat è un film politico che se da un lato addita il nemico repubblicano per eccellenza mettendo all'angolo i suoi collaboratori più stretti, dall'altro è diretto al semplice elettore per costringerlo letteralmente ad esercitare il proprio diritto al voto.Borat 2 Subsequent Moviefilm recensione film con Sacha Baron Cohen [Amazon Prime Video Anteprima]