Bombshell - La voce dello scandalo

Bombshell recensione [Amazon Prime Video]

Bombshell – La voce dello scandalo recensione film di Jay Roach con Charlize Theron, Nicole Kidman, Margot Robbie, John Lithgow e Kate McKinnon

Alzati e fammi una giravolta.
Chi chiede la grazia si inginocchia.
Nessuna ragazza lavora se non è collaborativa.
Brava così, si… Brava soldatino, guadagnati il posto.
(John Lithgow è Roger Ailes in Bombshell)

Quali sono le dinamiche lavorative e le implicazioni personali tra uomo e donna, in una società che vede soltanto il 29% delle posizioni manageriali occupate dal sesso femminile, con valori che in Europa scendono al 17% per le posizioni esecutive occupate da donne, le quali soltanto nell’11% dei casi nelle aziende Top 500 raggiungono le retribuzioni salariali più alte, figurararsi altrove?

Nel palazzo del potere di Fox Corporation, in grado di riunire in un solo edificio buona parte dell’establishment americano o dei loro rappresentanti, si cela il potere dietro il potere di Roger Ailes, fondatore di Fox News, emittente TV via cavo più redditizia della storia, artefice di un’imponente macchina della nostalgia per l’America perduta, conquistata in un rapporto di fiducia duratura, spaventata e stuzzicata quotidianamente nei suoi valori, nelle sue credenze, nelle sue pulsioni.

Charlize Theron interpreta Megyn Kelly
Charlize Theron interpreta Megyn Kelly

Partendo dal volto simbolo di Fox News, la celebre conduttrice e giornalista Megyn Kelly interpretata da Charlize Theron, divenuta famosa in tutto il mondo proprio grazie ad una storia piuttosto vile e sconsolante balzata agli “onori” della cronaca, ossia i pesanti e volgari attacchi subiti dal futuro Presidente degli Stati Uniti Donald Trump che invero non si è mai dimostrato un particolare estimatore del gentil sesso, Bombshell punta il re dell’emittente, Roger Ailes, sovrano ma non padrone (Rupert Murdoch ne è l’attuale padrone e cofondatore), fautore delle scrivanie trasparenti e delle gambe svestite in TV, da inquadrare opportunamente per tenere alto l’interesse durante tutte le fasce di ascolto.

Ailes, straordinariamente interpretato da John Lithgow in una prova purtroppo sottovalutata nella stagione dei premi anche a causa del delicato soggetto, è un predatore sessuale, perfettamente a metà tra l’eccezione e la regola in una società governata da maschi, meno abili a mentire rispetto alle femmine ma più predisposti a dare libero sfogo agli istinti più bassi.

Bombshell recensione
Nicole Kidman è Gretchen Carlson

Bombshell recensione
Roger Ailes interpretato da John Lithgow

Ailes chiede alle donne durante i suoi riservati colloqui di lavoro di alzarsi e fare una giravolta che possa mettere in bella mostra il fondoschiena, può lanciare le carriere delle ragazze “collaborative” o distruggere le ragazze sexy ma purtroppo “troppo impegnative”.

Sarà la più tosta di loro, la conduttrice Gretchen Carlson interpretata dall’altrettanto straordinaria Nicole Kidman, a scoperchiare il vaso di pandora di Fox News, dove se si voleva giocare con i pezzi grossi ci si doveva andare a letto, proprio come in una transazione commerciale, dare per avere, dove Ailes “donava” tempo, spazio e opportunità alle donne che proprio di questo avevano bisogno… se erano disposte a pagarne il prezzo.

Margot Robbie e Kate McKinnon
Margot Robbie e Kate McKinnon

In Bombshell lo script di Charles Randolph diventa sullo schermo dinamico e sferzante come un’inchiesta giornalistica, condotta da Jay Roach attraverso un turbinio di emozioni contrastanti, sguardi profondi e silenziosi, gambe svestite, giravolte da carillon, pudori e spudoratezze, affiorando poi come una liberazione per i cuori e per le menti, incapaci di sopportare oltre.

Roger Ailes definisce il bullismo niente altro che una persona di potere che attacca chi ha meno potere, un bullismo non dissimile da quello che il Presidente Trump ha riversato su Megyn Kelly, divenuta la megera Kelly passata al lato oscuro della Fox.

Nella tensione, nella paura, nell’angoscia provata dalle donne che venivano chiamate a rapporto al piano 2 dal bullo Ailes, sia per chi si è rifiutata sia per chi si è inginocchiata davanti al lupo – come il personaggio di finzione Kayla interpretato da Margot Robbie, generosamente nominata all’Oscar per l’interpretazione – si rivivono le umiliazioni quotidiane dell’intero genere femminile, rivendicate dalla Carlson che ha avuto il coraggio di attaccare un mondo, quello televisivo, che ha un solo compito, quello di piacere, chiedendo per una sola volta al suo pubblico non di essere ammirata, ma di essere creduta.

Sintesi

In Bombshell lo script di Charles Randolph diventa sullo schermo dinamico e sferzante come un'inchiesta giornalistica, condotta da Jay Roach attraverso un turbinio di emozioni contrastanti, sguardi profondi e silenziosi, gambe svestite, giravolte da carillon, pudori e spudoratezze, affiorando poi come una liberazione per i cuori e per le menti, incapaci di sopportare oltre.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38 Unico alfiere a rappresentare l’Italia...