Beastie Boys

Beastie Boys recensione film di Yoon Jong-bin con Yoon Kye-sang e Ha Jung-woo [FEFF 23]

Beastie Boys recensione film di Yoon Jong-bin con Yoon Kye-sang, Ha Jung-woo, Yoon Jin-seo, Lee Seung-minMa Dong-seok Far East Film Festival 23

Il quartiere di Seoul Cheongdam-dong di notte si trasforma da ambito luogo per lo shopping di lusso ad altrettanto ambito luogo del piacere. Lì, le donne che lavorano negli hostess bar, una volta finito il lungo turno nei locali sotterranei della città, rovesciano la loro posizione di intrattenitrici e vengono a loro volta allietate dalla presenza di aitanti giovani pronti a fare loro compagnia per qualche won sudcoreano tra grandi bevute e sfarzose cene.

MadMass.it consiglia by Amazon

Seung-woo (Yoon Kye-sang) è stato da poco introdotto a questa sorta di lavoro di escort al maschile, e nonostante sia molto richiesto la sua è una professione che ancora lo mette a disagio. Tutto è cominciato da Jae-hyeon (Ha Jung-woo), mentore e leader dei ragazzi, pronto a dispensare consigli su come atteggiarsi con le clienti, e abile a circuire le ricche donne ma non a tirarsi fuori dai guai. Braccato da un gruppo di criminali a cui il guru della lussuria deve saldare ancora un debito, Jae-hyeon è costretto a spillare soldi alla sua fidanzata Han-byul (Lee Seung-min), sorella del suo collega Seung-woo.

Yoon Kye-sang
Yoon Kye-sang

Ha Jung-woo
Ha Jung-woo

Beastie Boys: storie d’amore e gigolò 

Storie di gigolò e storie d’amore dunque nel secondo lungometraggio del regista coreano Yoon Jong-bin datato 2008 e presentato fuori concorso al 23esimo Far East Film Fest, che con Beastie Boys realizza un ritratto poco scontato e ancor meno consolatorio di un mondo celato nella notte della Seoul moderna, in cui il corpo e la compagnia momentanea di donne, e in questo caso soprattutto uomini, diventa merce di scambio per compensare solitudini come fosse un qualunque altro bene di lusso.

È l’opulenza delle ricche clienti infatti a fare da contraltare alla miseria umana dei loro gigolò per una notte, contribuendo così ad accendere una sorta di riflessione sociale che il film sembra in ultima istanza innescare, issando numerosi quesiti su quanto sia possibile (o meno) iscrivere in un contesto del genere qualsiasi tipo di relazione sentimentale e di fiducia. La storia dapprima affine e naturale nata tra Seung-woo e Ji-won (Yoon Jin-seo) infatti, studentessa di giorno e hostess la sera, viene utilizzata dal regista per creare la tensione emotiva e psicologica come escalation di violenza di una relazione impossibile e ossessiva, pronta a finire in tragedia vera e propria.

Beastie Boys recensione film di Yoon Jong-bin con Yoon Kye-sang
Beastie Boys di Yoon Jong-bin con Yoon Kye-sang, Ha Jung-woo e Yoon Jin-seo al Far East Film Festival 23

Ha Jung-woo
Ha Jung-woo

Riflessioni sociali sulla Corea moderna

Ma nonostante lo sguardo del regista, al contempo neutro ma decisamente molto crudele, il film di Yoon Jong-bin non riesce quasi mai ad inglobare lo spettatore nell’umanità perduta che va raccontando, alternando sequenze dei due protagonisti maschili come se fossero fra loro non interconnesse, ognuno nella loro personale discesa agli inferi ma senza catturare davvero la volontà di chi sta al qua dello schermo di capirne di più – o tantomeno appassionarsi nel loro ingrato destino.

Di Beastie Boys rimane, a tredici anni di distanza, una fotografia socio-economica della Corea moderna, con tutte le sue contraddizioni e i suoi perigli, con i divari sociali e la costante attenzione all’estetica dell’apparire. E per essere un film del 2008, di certo ha ancora molto da dire.

Sintesi

Nonostante l'interessante riflessione del regista Yoon Jong-bin sulla società coreana ai tempi moderni, Beastie Boys fatica ad inglobare i destini perduti dei suoi protagonisti maschili, rendendo così complessa la volontà dello spettatore di appassionarsi a loro e, in ultima istanza, all'opera in sé.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli