Quarant’anni fa l’uscita di Apocalypse Now [Throwback Thursday]

Usciva nelle sale quarant’anni fa il capolavoro di Francis Ford Coppola: Apocalypse Now. Ricordiamo il film del 1979 con Martin Sheen e Marlon Brando

Nella storia del cinema esistono numerosi film sulla guerra, ma il film più celebre sulla Guerra del Vietnam è sicuramente Apocalypse Now.

Ci troviamo nel 1969 a Saigon, quando ormai la guerra del Vietnam è al culmine. Il protagonista, il capitano Benjamin L. Willard (interpretato da Martin Sheen) è un ufficiale dell’esercito americano, tornato in città dopo tre anni in Vietnam, a capo della 173esima Brigata Aviotrasportata ed incaricato dalla CIA per operazioni speciali.
Il suo compito è quello di trovare ed uccidere il colonnello Walter Kurtz (interpretato da Marlon Brando), uscito dai ranghi dell’esercito americano, coi suoi soldati, per combattere una guerra personale al confine fra Vietnam e Cambogia. L’obiettivo di Willard è infiltrarsi tra gli ammutinati, arrivare a Kurtz e mettere fine al suo comando.

Marlon Brando è il colonnello Walter Kurtz
Marlon Brando è il colonnello Walter Kurtz

Apocalypse Now è sicuramente uno dei film più importanti degli anni Settanta, nonché della storia del cinema. Parte del suo successo è dovuto, oltre alla pregevole regia di Coppola, anche al cast stellare del film: i già citati Martin Sheen e Marlon Brando, ma anche Robert Duvall, Laurence Fishburne ed Harrison Ford (il cui nome nel film, Colonnello Lucas, è un omaggio al regista George Lucas, che ha spinto John Milius e Coppola a scrivere il film).

Il film è tratto dal libro Cuore di Tenebra di Joseph Conrad, adattato sullo scenario della guerra in Vietnam. Inizialmente, il film era stato pensato con la regia di George Lucas, il quale dovette rifiutare l’offerta, poiché impegnato nella stesura di Star Wars.

Martin Sheen è il capitano Benjamin L. Willard
Martin Sheen è il capitano Benjamin L. Willard

Apocalypse Now mette a fuoco il dilemma morale costituito dalla guerra in sé, un dilemma che si rispecchia nei personaggi di Marlon Brando (disertore e simbolo di follia e devianza) e di Martin Sheen (il sicario, simbolo del raziocinio e del rispetto della legge).
In più, c’è una forte critica a quel conflitto che ha ferito eternamente l’America, rendendo l’ambientazione quasi assurda e grottesca.
Il film ha ricevuto la Palma d’oro al Festival di Cannes ed i premi Oscar per migliore fotografia e miglior sonoro.

Apocalypse Now: 40esimo anniversario
Una scena di Apocalypse Now (1979)

Alcune curiosità sul film

  • La produzione fu travagliata e problematica, per colpa di attacchi cardiaci, esaurimenti nervosi ed uragani, così dalle 12 settimane previste, il film fu girato in ben 68 settimane;
  • Inizialmente il ruolo di Martin Sheen doveva essere di Harvey Keitel (dopo i rifiuti di Al Pacino e Steve McQueen), ma la sua interpretazione fu reputata “troppo intensa” da Coppola e, per questo, subentrò Martin Sheen;
  • Il set era pieno di alcol e droga e lo stesso Martin Sheen fu tenuto ubriaco per filmare la scena iniziale, nonostante stesse passando un periodo pieno di problemi per l’alcol. Complici l’alcol e l’esigenza di Coppola, Sheen fu colpito da un attacco cardiaco dopo un anno di riprese;
  • L’opera non fu facile neanche per lo stesso Coppola: il regista, divorato dal senso di colpa per l’infarto di Sheen e per i problemi finanziari, ebbe un esaurimento nervoso, un attacco epilettico e minacciò di suicidarsi tre volte, durante la produzione del film;
  • Il film vinse l’Oscar per il miglior sonoro, anche per aver inventato il suono surround 5.1, che divenne poi uno standard nelle sale cinematografiche.

Apocalypse Now: 40esimo anniversario
Apocalypse Now (1979): la locandina

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV [Amazon Prime Video]

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV Amazon Prime Video di Jason Segel con Jason Segel, Sally Field, Eve Lindley, Richard E. Grant e André Benjamin Voi...

Ashfall recensione [FEFF 22]

Ashfall recensione film di Byung-seo Kim e Hae-jun Lee con Byung-hun Lee, Jung-woo Ha, Dong-seok Ma, Hye-jin Jeon e Suzy Bae Ecco perché il capitalismo...

The Old Guard recensione [Netflix]

The Old Guard recensione film di Gina Prince-Bythewood con Charlize Theron, Matthias Schoenaerts, KiKi Layne, Chiwetel Ejiofor, Marwan Kenzari, Luca Marinelli e Harry Melling Continuare...

My Sweet Grappa Remedies recensione [FEFF 22]

My Sweet Grappa Remedies recensione film di Akiko Ohku con Yasuko Matsuyuki, Haru Kuroki, Hiroya Shimizu, Kanji Furutachi e Katsuya Koiso Mi chiedo se la...

A Beloved Wife recensione [FEFF 22]

A Beloved Wife recensione film di Shin Adachi con Gaku Hamada, Asami Mizukawa, Chise Niitsu, Kaho e Eri Fuse presentato al Far East Film...

Rassegna stampa 10 luglio

Rassegna stampa 10 luglio: Michelle Williams e Oscar Isaac protagonisti di Scenes From a Marriage, Zendaya e John David Washington sono Malcolm & Marie,...

Life Finds a Way recensione [FEFF 22]

Life Finds a Way recensione film di Hirobumi Watanabe con Hirobumi Watanabe, Takanori Kurosaki, Marika Matsumoto, Minori Hagiwara, Yako Koga, Sakiko Kato e Honoka Nel corso...

The Captain recensione [FEFF 22]

The Captain recensione film di Andrew Lau con Hanyu Zhang, Hao Ou, Jiang Du, Quan Yuan, Tian’ai Zhang, Qin Li, Yamei Zhang e Qiru...

Buon compleanno Tom Hanks: le sue migliori interpretazioni

Oggi 9 luglio Tom Hanks compie 64 anni: nella sua più che prolifica carriera ci ha deliziato con tantissime performance eccezionali. Le sue migliori...

Rassegna stampa 9 luglio

Rassegna stampa 9 luglio: Paolo Sorrentino dirige È stata la mano di Dio, Leigh Whannell e Ryan Gosling per The Wolfman, i trailer degli...