Altri padri

Altri padri recensione film di Mario Sesti con Paolo Briguglia e Chiara Francini [TFF 39]

Altri padri recensione film di Mario Sesti con Paolo Briguglia, Chiara Francini, Maria Grazia Cucinotta, Antonio Catania, Lucrezia Guidone e Ricky Tognazzi

Il documentarista Mario Sesti (già presente al Torino Film Festival nel 2014 con il documentario Senza Lucio), si cimenta in un film a metà strada tra il melodramma noir e il thriller con la sceneggiatura e produzione di Gianluca Cerasola. Altri padri, Fuori Concorso al festival del cinema di Torino, sceglie Paolo Briguglia, attore italiano di teatro e numerose pellicole rilevanti (I cento passi, Buongiorno, notte, La terra, Baarìa, Basilicata coast to coast) e Chiara Francini attrice (Maschi contro femmine, Femmine contro maschi), conduttrice e scrittrice, impegnata anche in molte serie per la TV. 

La storia di un amore tormentato, quello tra Giulio e Annalisa, che arriva ad un punto di non ritorno e attiva una sequenza di cattiverie e violenze psicologiche che trasformano il piano in un incalzante thriller familiare. Una coppia che non si vuole più (è più Annalisa che non vuole Giulio) e che, forse, non si è mai realmente voluta e ora capisce di non volere più le stesse cose. Dietro questo amore contrastato si cela un percorso di separazione tortuoso e ‘cattivo’ che non ha più nulla del sapore familiare da cui era partito.

Chiara Francini
Chiara Francini (Credits: Morol/Rai Cinema)
Altri padri recensione film di Mario Sesti con Paolo Briguglia e Chiara Francini
Paolo Briguglia e Chiara Francini (Credits: Morol/Rai Cinema)

Il leitmotiv di Altri padri è quello che, in modo chiaro e diretto, dichiara Giulio, accusato e con le spalle al muro: “Come si fa a difendersi dall’accusa di un reato che non si è mai commesso?“. Questa è la condizione di cui si fa portatore il protagonista maschile: un innocente di fronte a un universo (soprattutto quello che circonda Annalisa) spietato e violento. La prospettiva femminile, quella alla quale siamo abituati vivendo in una società in cui le donne sono, normalmente, oggetto di comportamenti violenti, qui, viene completamente ribaltata. Ci troviamo di fronte a un uomo oggetto della cattiveria di una donna che non viene capita ma nemmeno capisce. 

Il vero male nasce in famiglia: Annalisa, la donna vittima e carnefice, prende forma con un amore severo, quello del padre, e debole, quello del marito. Nessun tipo di amore salverà una famiglia che non vede nemmeno nella figura dei bambini la possibilità di deporre le armi, anzi, li utilizza per alzare le barriere e aumentare le difese. “L’amore non basta“, dice Annalisa di fronte a Giulio, incredulo e spaesato. Non basta per tenere insieme due persone che percorrono strade vicine, parallele ma che non si incontrano mai. Lei cerca il suo posto nel mondo e l’amore non basta a tradurre quelle ambizioni e quegli ideali non più condivisi e, forse, mai compresi. 

Paola Saulino
Paola Saulino (Credits: Morol/Rai Cinema)
Maria Grazia Cucinotta e Antonio Catania
Maria Grazia Cucinotta e Antonio Catania (Credits: Morol/Rai Cinema)

Il racconto di Altri padri risulta più attuale che mai: un uomo, come tanti, che si ritrova senza più nulla dopo una separazione accettata ma non capita e mai realizzata. Una separazione non solo relazionale ma anche, in questo caso, fisica: lui viene allontanato così tanto da finire in cella a Rebibbia. Un allontanamento forzato ma necessario. In galera si sente quasi in una vera casa come non si sentiva più da tanto tempo. Si sente accolto e capito. Non è vista come una prigione perché, almeno lì dentro, non deve avere paura di chi fidarsi. È una pausa da quella vita che ormai era più stretta di una cella: tra le sbarre riesce a trovare la vera libertà, a rinascere e capire come farlo e da dove partire. Ritrova un equilibrio mentale ed emotivo che fuori, libero, aveva completamente perso. 

Un uomo che non ha rimpianti ma tante paure. “Ho paura di rivedere i miei figli perché non sono stato in grado di difenderli“. Questa è la chiave di una storia che è la storia di tanti e che, in presenza di bambini, dovrebbe fermarsi, analizzare e rivalutare tutta quella cattiveria che mette a disagio un’intera umanità ma soprattutto loro, i portatori di un futuro distopico destinati a credere che l’amore non basterà mai.

Sintesi

A metà tra il melodramma noir e il thriller, con Altri padri Mario Sesti racconta la storia di tanti, quella di un amore tormentato che sviscera emozioni e azioni negative rendendo tutti sconfitti, e destinati a credere che l’amore non basterà mai.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Altri padri recensione film di Mario Sesti con Paolo Briguglia e Chiara Francini [TFF 39]A metà tra il melodramma noir e il thriller, con Altri padri Mario Sesti racconta la storia di tanti, quella di un amore tormentato che sviscera emozioni e azioni negative rendendo tutti sconfitti, e destinati a credere che l’amore non basterà mai.