A Private War

A Private War recensione

A Private War recensione del film di Matthew Heineman con Rosamund Pike nelle vesti della giornalista di guerra Marie Colvin

Marie Colvin é stata una famosa giornalista del quotidiano britannico The Sunday Times dal 1985 al 2012, anno della sua morte, sotto i bombardamenti di Homs, in Siria. Il film, presentato al Festival del Cinema di Roma, racconta la storia di questa straordinaria corrispondente che, fino alla fine, cercó di trasmettere una fedele informazione sulle condizioni delle vittime civili dei conflitti in Kossovo, Sri Lanka, Iraq, Libia e Siria, mettendo sempre a rischio la propria vita.

MadMass.it consiglia by Amazon

È un solido debutto quello del regista Matthew Heineman nel campo del cinema drammatico, dopo diversi documentari dedicati alla guerra. La struttura della storia suddivide gli eventi in un conto alla rovescia e, nonostante perda forza quando si allontana dalle zone di conflitto per raccontare alcuni aspetti della quotidianità della reporter, disegna bene ciò che Marie Colvin rappresentava pubblicamente: l’urlo di una coscienza che il mondo faticava a comprendere, interessato forse più alle cause dei conflitti che agli effetti.

Rosamunde Pike interpreta, con una determinazione pur venata da fragilità, una donna in conflitto anche con se stessa, una donna cui non faceva difetto il desiderio di una vita “normale” ma che, al tempo stesso, sentiva di appartenere, quasi fisicamente, agli scenari dei peggiori incubi dell’umanità. Una sorta di dipendenza unita alla fiera volontà di dar voce ad una umanità dolente.

Come intuibile dal titolo, la “guerra privata” si riferisce alla lotta della Colvin con se stessa, ai suoi attacchi di panico e ai numerosi sensi di colpa. Ma anche la lotta di una donna profondamente sola, che portava spesso con dignità ed una certa dose di autoironia una benda sull’occhio, ferito irreparabilmente sul campo.

Oggi il giornalismo è una professione che ha perso il fascino di una volta e forse la qualità dell’informazione rende ormai difficile distinguere la verità dalle menzogne. Questo ci deve far riflettere ancor più sulla resistenza e sulla forza d’animo dei corrispondenti di guerra come Marie Colvin, che fanno un tutt’uno dell’impegno personale e della verità.

A Private War omaggia il valore della testimonianza e del sacrificio richiesto a coloro che hanno il coraggio di guardare ciò che nessuno vuole vedere.

Gabriela

Sintesi

A Private War disegna bene ciò che Marie Colvin rappresentava pubblicamente: l’urlo di una coscienza che il mondo faticava a comprendere, interessato forse più alle cause dei conflitti che agli effetti.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Tutto in una notte recensione film di John Landis con Jeff Goldblum e Michelle Pfeiffer [Flashback Friday]

Tutto in una notte recensione del film di John Landis con Jeff Goldblum, Michelle Pfeiffer, Dan Aykroyd, David Bowie, Paul Mazursky e David Cronenberg Gli anni...

Cinema News del 22 gennaio [Rassegna Stampa]

Sony cede Superconnessi a Netflix Risincronizziamo i calendari Michelle Pfeiffer e Viola Davis sono The First Lady Epic Games si dà al cinema ...

21° Anniversario American Beauty [Throwback Thursday]

Ventuno anni fa usciva nelle sale italiane American Beauty: ricordiamo insieme l'acclamato film premio Oscar di Sam Mendes con Kevin Spacey Il 21 gennaio del...

L’inferno di cristallo recensione film con Paul Newman e Steve McQueen

L'inferno di cristallo recensione del film diretto da John Guillermin e Irwin Allen con Paul Newman, Steve McQueen, Faye Dunaway, William Holden, Fred Astaire...

Cinema News del 21 gennaio [Rassegna Stampa]

Lei mi parla ancora Il primo giorno della mia vita meravigliosa Heartstopper Brevissime Cinema News 21 gennaio Lei mi parla ancora Arriva su Sky Cinema l’8...

Cinema News del 20 gennaio [Rassegna Stampa]

Wonka Quello che non ti uccide/Boss Level Fate: The Winx Saga Libra Nikolaj Coster-Waldau vs Il Ghiaccio The Walled City La miniserie su...

Cinema News del 19 gennaio [Rassegna Stampa]

La prima immagine di Luca James Gunn inizia le riprese di Peacemaker Matt Damon apparentemente in Thor: Love and Thunder Brevissime Il Martin Luther...

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain e John Malkovich [Netflix]

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain, John Malkovich, Colin Farrell, Common, Geena Davis, Jess Weixler, Diana Silvers e Joan Chen Non chiamare...

I cancelli del cielo recensione film di Michael Cimino con Kris Kristofferson e Isabelle Huppert

I cancelli del cielo recensione del film di Michael Cimino con Kris Kristofferson, Isabelle Huppert, Christopher Walken, Jeff Bridges, John Hurt e Sam Waterston Dalle stelle...

Intervista ad Alessandro Grande regista del film Regina

Intervista ad Alessandro Grande, regista di Regina, film in concorso al 38° Torino Film Festival Lo abbiamo visto e recensito in occasione della 38esima edizione...