Volevo nascondermi

Volevo nascondermi recensione

Volevo nascondermi recensione film di Giorgio Diritti con Elio Germano, Oliver Ewy, Leonardo Carrozzo, Pietro Traldi, Orietta Notari e Gianni Fantoni

Premiato come Film dell’Anno ai Nastri d’Argento e vincitore dell’Orso d’argento per il Miglior Attore a Elio Germano, Volevo nascondermi ha avuto l’enorme sfortuna di trovarsi a passare nelle sale in un momento estremamente complicato per il cinema. Inizialmente programmato in uscita per il 26 febbraio, poi spostato al 4 marzo e di lì a poco ritirato per l’emergenza sanitaria, il film di Giorgio Diritti torna sugli schermi in un periodo di grande sofferenza, nella speranza di dare un segnale forte a un contesto che, più di molti altri, sta facendo fatica a risollevarsi.

Presentato in anteprima in molte arene estive, Volevo nascondermi sta facendo registrare numeri tutto sommato lusinghieri, a dimostrazione di un certo interesse anche per un cinema che prova a scandagliare territori lontani dalla commedia. Antonio Ligabue è stato infatti uno tra i più importanti artisti italiani del XX secolo e nel ricordo di molti è ancora viva la straordinaria interpretazione del compianto Flavio Bucci in uno sceneggiato televisivo del 1977. Vedere nei panni del pittore e scultore uno dei più grandi attori italiani di questa generazione rappresenta(va) un forte elemento di attrattiva. In molti si sono soffermati quindi soprattutto su questo aspetto, incensando la performance di Elio Germano e sottolineandone la capacità di far proprio un personaggio in cui convivevano allo stesso tempo una psicologia complessa e una fisicità molto animalesca.

La celebre tigre di Ligabue
La celebre tigre di Ligabue

Elio Germano è Antonio Ligabue
Elio Germano è Antonio Ligabue

Volevo nascondermi è però, soprattutto, un film di Giorgio Diritti, un nuovo tassello di un modo di fare cinema che si allontana dalla produzione media italiana. Il regista bolognese rifugge il biopic convenzionale e sceglie di lasciare sullo sfondo molti degli elementi che ci saremmo aspettati: la “follia del genio”, l’infanzia e l’adolescenza tormentate, che vengono evocate solo attraverso i continui salti temporali della prima parte, persino la pittura. Centro della narrazione diventa l’arte come strumento per arrivare agli altri, per essere ascoltati ed accettati, per non doversi più nascondere. È un film in cui la sofferenza del protagonista deriva proprio dalla mancanza di amore, dalla volontà di essere normali. Diritti si concentra quindi più sull’uomo che sull’artista, perché è nella natura stessa di Ligabue il non voler raccontare la sua arte, il sottrarsi alle interviste in quanto non c’è nulla da dire. L’evocazione prevale sulla rappresentazione, spesso a discapito di un reale coinvolgimento emotivo, che passa solo attraverso le suggestioni e le giustapposizioni tematiche.

Volevo nascondermi di Giorgio Diritti
Volevo nascondermi di Giorgio Diritti

Come in ogni suo film, Giorgio Diritti lavora affinché emerga la realtà di quello che sta mettendo in scena, la sua è una continua ricerca della verosimiglianza. Ovviamente, questo passa anche attraverso la riproduzione linguistica: dall’occitano di Il vento fa il suo giro, il regista ha sempre accompagnato alla credibilità storica delle immagini quella del linguaggio. Il dialetto emiliano stretto dei personaggi diventa infatti un’ulteriore barriera comunicativa per Ligabue, che ha passato molti dei suoi anni a esprimersi in tedesco. Nel cinema di Diritti, e anche in Volevo nascondermi, la componente linguistica non ha quindi una funzione stilistica ma diventa elemento narrativo e diegetico. È probabilmente il suo principio di differenziazione.

Chi si aspetta(va) un film sull’arte e sul modo di approcciarsi alla pittura e alla scultura di Antonio Ligabue probabilmente rimarrà deluso. Così come chi volesse uscire dalla sala con una piena conoscenza e consapevolezza sulla vita dell’artista. Volevo nascondermi cerca una via più complicata, meno banale, probabilmente anche anti-narrativa. E proprio per questi motivi, paradossalmente, riesce ad arrivare in profondità, a raccontare l’anima del suo protagonista, raggiungendo il punto di massima emozione proprio sui titoli di coda. Un film con una forte impronta autoriale, nel bene (per alcuni) e nel male (per altri).

Antonio Ligabue (Elio Germano) studia il comportamento degli animali
Antonio Ligabue (Elio Germano) studia il comportamento degli animali

Elio Germano è Antonio Ligabue
Elio Germano è Antonio Ligabue

Sintesi

Giorgio Diritti rifugge il biopic convenzionale e sceglie di lasciare sullo sfondo la “follia del genio”, l’infanzia e l’adolescenza tormentate, persino la pittura: centro della narrazione diventa l’arte come strumento per arrivare agli altri, per essere ascoltati ed accettati, per non doversi più nascondere. Nel cinema di Diritti, e anche in Volevo nascondermi, la componente linguistica diventa elemento narrativo e diegetico, consegnandoci un film dalla forte impronta autoriale.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Breeder recensione film di Jens Dahl con Sara Hjort Ditlevsen [TFF 38]

Breeder recensione film di Jens Dahl con Sara Hjort Ditlevsen, Anders Heinrichsen, Morten Holst, Signe Egholm Olsen e Eeva Putro al Torino Film Festival 38 L'immortalità...

Black Friday Amazon 2020: Disney Marvel offerte film Blu-ray steelbook e cofanetti

Black Friday Amazon 2020: le offerte Disney e Marvel in Blu-ray steelbook e cofanetti, da Avengers: Endgame a Frozen 2, Toy Story 4 e...

Black Friday Amazon 2020: film e serie TV Blu-ray e DVD in offerta

Black Friday Amazon 2020: film Blu-ray e DVD in offerta tra saghe cinematografiche, cofanetti, serie TV, anime e i migliori titoli Disney in steelbook Ci...

Cinema News del 25 novembre [Rassegna Stampa]

Gianfranco Rosi possibile candidato agli Oscar Tom Holland nelle prime immagini di Cherry La serie tv di Xavier Dolan Il trailer di Our...

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un [TFF 38]

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un, Yang Heung-ju, Park Hyeon-yeong e Park Seung-jun in concorso al Torino Film Festival 38 Crescere, cambiare,...

Elegia americana recensione film di Ron Howard con Amy Adams e Glenn Close [Netflix Anteprima]

Elegia americana recensione film Netflix di Ron Howard con Amy Adams, Glenn Close, Gabriel Basso, Haley Bennett, Freida Pinto e Owen Asztalos Tu non sai un...

Memory House (Casa de Antiguidades) recensione film di João Paulo Miranda Maria [TFF 38]

Memory House (Casa de Antiguidades) recensione film di João Paulo Miranda Maria con Antonio Pitanga e Ana Flavia Cavalcanti al Torino Film Festival 38 Memory...

Cinema News del 24 novembre [Rassegna Stampa]

Luca Guadagnino produce un biopic su Tennesee Williams Mark Ruffalo papà di Ryan Reynolds in The Adam Project Anthony Mackie in versione Liam...

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini [TFF 38]

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini, Marcelo Alonso, Davide Iacopini, Anita Caprioli e Paolo Pierobon al Torino Film Festival Parla...

Antidisturbios recensione serie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña Episodi 1-2 [TFF 38]

Antidisturbios recensione miniserie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña con Vicky Luengo, Raúl Arévalo e Álex García al Torino Film Festival 38 Sono stati presentati...