Utopia

Utopia recensione serie TV [Amazon Prime Video Anteprima]

Utopia è un coraggioso tentativo di dare ad un'opera del 2013 il giusto palcoscenico, risultando però troppo fuori dal tempo in cui viene proposta. La recensione

Utopia recensione serie TV di Gillian Flynn con John Cusack, Ashleigh LaThrop, Dan Byrd, Sasha LaneDesmin Borges, Jessica Rothe, Rainn Wilson, Christopher DenhamCory Michael Smith

Guarda Utopia su Amazon Prime Video: per i primi 30 giorni è gratis!

Non è facile scrivere questa recensione. Nel 2013 la visione della versione originale inglese di Utopia fu un’esperienza particolarmente segnante. Il cospirazionismo estremo, l’ultraviolenza come strumento narrativo, il registro visivo ipnotico e fortemente contrastato erano delle cifre capaci di lasciare un segno profondo in un mondo che stava conoscendo la fine della pietra miliare Breaking Bad.

L’idea che il mondo potesse essere salvato da un fumetto contente indicazioni sulle minacce pronte a disgregarlo era il punto di partenza della distopia partorita da Dennis Kelly su cui intessere un’escalation di teorie del complotto – l’influenza russa, il “Network” – che si propagavano in maniera concentrica destabilizzando lo spettatore. Non è un caso che all’epoca una sequenza abbastanza cruda scatenò l’ira del pubblico britannico e produsse la bellezza di 81 reclami scritti alle autorità nazionali competenti.

John Cusack
John Cusack
Utopia recensione serie TV Amazon Prime Video
Dan Byrd, Jessica Rothe, Desmin Borges e Ashleigh LaThrop

Se Utopia aveva un pregio, oltre a quello di essere innovativa e fuori dal comune, era quello di essere un prodotto eversivo capace di incollare lo spettatore davanti a qualcosa che oggi verrebbe definita forse malata. Onore ad Amazon per creduto nel rilancio di un progetto che quasi dieci anni fa aveva messo a ferro e fuoco il Regno Unito e non solo, raccogliendo probabilmente un pubblico inferiore a quello che avrebbe meritato, ma qualcosa è andato storto. Se l’impianto di fondo è rimasto sostanzialmente lo stesso, sul reboot della nota piattaforma streaming sembra essersi depositata una strana patina di comune entertainment.

Il cast è di buon livello – un ottimo Rainn Wilson, un convincente Christopher Denham – il nuovo setup è estremamente intelligente per accompagnare Jessica Hyde (Sasha Lane) e i fan sfegatati di Utopia nella folle corsa per salvare il mondo, ma il principale nemico di Utopia crediamo sia stato il tempo intercorso tra l’opera originale e il nuovo prodotto targato Amazon Prime Video.

Jessica Rothe
Jessica Rothe
Rainn Wilson
Rainn Wilson

In un mondo occidentale attanagliato quotidianamente e in maniera pericolosa da cospirazionismo, epidemie, negazionismo e che ha visto realizzarsi alcuni elementi già immaginati da Dennis Kelly anni fa, la versione 2020 ha perso originalità ed eversione trovandosi in una realtà sicuramente ingenua, ma in maniera diverso rispetto al passato, in ogni aspetto della società.

Siamo davanti ad un’opera fuori tempo massimo non solo per chi è in grado di fare il confronto con l’originale, ma anche per chi ha seguito la direzione del mondo degli ultimi anni volente o nolente. Ridurre in questo modo Utopia a semplice intrattenimento di consumo senza i reclami furiosi del pubblico che la guarda e la sua carica eversiva, ha trasformato il lupo in agnello che, per quanto carino, è maggiormente esposto e quasi condannato a soccombere in un oceano audiovisivo che sta crescendo a dismisura.

Sintesi

Ridurre la versione originale inglese di Utopia (2013) a semplice intrattenimento di consumo, senza i reclami furiosi del pubblico e la sua carica eversiva, ha trasformato il lupo in agnello in un mondo occidentale attanagliato quotidianamente e in maniera pericolosa da cospirazionismo, epidemie, negazionismo e che ha visto realizzarsi alcuni elementi già immaginati da Dennis Kelly anni fa.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Ridurre la versione originale inglese di Utopia (2013) a semplice intrattenimento di consumo, senza i reclami furiosi del pubblico e la sua carica eversiva, ha trasformato il lupo in agnello in un mondo occidentale attanagliato quotidianamente e in maniera pericolosa da cospirazionismo, epidemie, negazionismo e che ha visto realizzarsi alcuni elementi già immaginati da Dennis Kelly anni fa.Utopia recensione serie TV [Amazon Prime Video Anteprima]