The OA parte II – dal 22 marzo su Netflix

Non vi sarà sfuggito che, come tutti, anche noi di MadMass abbiamo i nostri pupilli. Brit Marling, la sceneggiatrice e interprete di Sound of My Voice, Another Earth è una di questi, anche se recentemente non ci ha dato molta possibilità di parlare di lei: l’ultimo film che ha scritto, The East, è del 2013, l’ultimo lungometraggio cui ha partecipato è di cinque anni fa.

MadMass.it consiglia by Amazon

The OA - Parte II
La locandina di The OA

Questo perché Marling si è concentrata completamente su The OA: la serie, uscita nel 2016 su Netflix, raccontava di una donna non vedente scomparsa per anni dalla sua famiglia, che ricompariva all’improvviso, avendo acquisito il senso della vista, un set di tatuaggi ed una storia incredibile da raccontare. The OA portava inconfondibile la firma dell’autrice e del suo co-sceneggiatore Zal Batmanglij: una miscela di mistero e ambiguità che riesce a tenere lo spettatore sulle spine fino alla sorprendente conclusione – nonostante alcune lungaggini dovute ad un numero di episodi forse maggiore dell’estensione naturale della storia.

È con vera emozione che abbiamo guardato ieri il recentissimo trailer di The OA – Parte II, che dà un seguito a quella storia: un seguito annunciato all’epoca ma del tutto inatteso, per tempistica e per contenuti. Prairie Johnson (Marling) si risveglia in un ospedale e capisce di essere ‘saltata’ in una dimensione parallela, nella quale la sua vita è diversa, ma resta legata a quella di ‘Hap’ (Jason Isaacs). Nel frattempo i suoi compagni di storia dall’universo originale continuano ad interrogarsi sull’incontro con Prairie, o, come si è ribattezzata, ‘The OA’.

Il nuovo co-protagonista Kingsley Ben-Adir e Brit Marling in The OA - Parte II
Il nuovo co-protagonista Kingsley Ben-Adir e Brit Marling in The OA – Parte II

Gli otto nuovi episodi saranno disponibili su Netflix a partire dal 22 marzo, dandoci giusto il tempo di ripassare la prima stagione. Di seguito, il trailer in lingua originale.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli