Gloria Bell

Gloria Bell recensione

Gloria Bell recensione del film di Sebastián Lelio con Julianne Moore, John Turturro, Caren Pistorius e Michael Cera, remake del film Gloria del 2013

Anche i più grandi hanno il coraggio di copiare se stessi; Hitchcock, Mann e Haneke sono solo alcuni dei registi che hanno osato fare un remake dei propri film.

A questo novero si aggiunge ora anche il cileno Sebastián Lelio, vincitore dell’Oscar 2018 per il miglior film straniero con Una donna fantastica, firmando la versione americana di Gloria, film che lo aveva reso famoso a Berlino nel 2013. Il remake è stato presentato al Toronto International Film Festival 2018.

Gloria Bell
Julianne Moore e John Turturro in Gloria Bell

Gloria Bell
Julianne Moore in Gloria Bell

Gloria (Julianne Moore) è una donna divorziata dallo spirito libero, più vicina ai 60 che ai 50, che passa le sue giornate in ufficio e la sera sulle piste da ballo in giro per Los Angeles alla ricerca di una second chance. L’incontro con il patetico Arnold (John Turturro) la trasporta in una storia d’amore inaspettata, piena di gioia ma anche di complicazioni.

Il regista affronta nuovamente i temi della solitudine e della dignità con sensibilità e cura tuttavia, a differenza dell’originale, abbraccia la sessualità in un modo più diretto. Nella versione originale c’era un legame forse più disperato tra i protagonisti Paulina García e Sergio Hernández, sicuramente per la differenza di età tra i due.

In Gloria Bell Moore e Turturro invece hanno più o meno la stessa età ed il loro rapporto è probabilmente più elettrico e più sexy; entrambi portano una notevole chimica sullo schermo, sono due persone che si divertono nel gioco della seduzione.

Gloria Bell
Sebastián Lelio dirige il remake americano di Gloria

Gloria Bell
Julianne Moore in Gloria Bell

Il film è il ritratto profondo di una donna, visto di ogni angolazione possibile, e Sebastián Lelio, cambiando attrice, cambia in qualche modo anche il DNA della storia. Punta tutto su una meravigliosa Moore che porta con sè il proprio corpo, la propria storia e sensibilità in un ruolo introspettivo, delicato e commovente, con una interpretazione tale da schiacciare quella del patetico amante, un Turturro qui abbastanza sottotono.

Gloria sorride, sorride sempre e comunque. Nonostante le delusioni ed i torti subiti sia dalla vita che da uomini inadeguati, lei continua a lottare per una vita serena ed indipendente e alla fine del film torna in pista, torna a ballare sulle note di Gloria di Umberto Tozzi nella versione di Laura Branigan perché la morte bisogna attenderla ballando, senza paura e senza nascondersi.

Gabriela

Sintesi

Sebastián Lelio affronta nuovamente i temi della solitudine e della dignità con sensibilità e cura tuttavia, a differenza dell’originale, abbraccia la sessualità in un modo più diretto. Una meravigliosa Julianne Moore porta con sè il proprio corpo, la propria storia e sensibilità in un ruolo introspettivo, delicato e commovente.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant, Catherine Spaak, Claudio Gora e Luciana Angiolillo Il cinema italiano del dopoguerra, si sa,...

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova, Filipp Yankovskiy, Ignat Daniltsev, Oleg Yankovskiy e Alla Demidova Lo specchio, il regalo di Tarkovskij all’umanità...

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...