The North Sea

The North Sea recensione film di John Andreas Andersen con Kristine Kujath Thorp [RomaFF16]

La recensione di The North Sea, film di John Andreas Andersen che porta il disaster movie sul territorio europeo. La recensione dalla Festa del Cinema di Roma

The North Sea recensione film di John Andreas Andersen con Kristine Kujath Thorp, Rolf Kristian Larsen e Anders Baasmo Christiansen

Non capita molto spesso di vedere un disaster movie al di fuori dei confini hollywoodiani. Questo perché non tutti hanno il budget o la strumentazione tecnica necessaria, oggigiorno, per creare una pellicola di questo genere senza scadere nel grossolano, evidenziandone le limitazioni economiche. Di conseguenza, stupisce quando un paese non cinematograficamente centrale come la Norvegia propone al grande pubblico internazionale un film dagli evidenti tratti apocalittici senza puntare su figure attoriali di spicco, facendo affidamento unicamente alla storia che ha intenzione di raccontare. Presentato alla 16° edizione della Festa del Cinema di Roma, The North Sea è una sorpresa inaspettata, che non ha nulla da invidiare ai “rivali” d’oltreoceano, impartendo, magari, anche una lezione a questi ultimi, fin troppo boriosi e tranquilli nel loro precario monopolio, ultimamente assediato su più fronti.

MadMass.it consiglia by Amazon

Ambientato in un presente ipotetico, il film esamina una domanda abbastanza attuale: “e se i pozzi petroliferi del Mar del Nord subissero dei danni irreparabili, causando una catastrofe ecologica di portata mastodontica?”. In effetti, è un quesito che non viene posto molte volte nelle classiche pellicole apocalittiche, le quali tendono maggiormente a concentrarsi su temi sensazionalistici, come impatti con enormi meteoriti o devastanti eruzioni vulcaniche.

Kristine Kujath Thorp
Kristine Kujath Thorp (Credits: Fantefilm)

The North Sea recensione film di John Andreas Andersen con Kristine Kujath Thorp
The North Sea di John Andreas Andersen con Kristine Kujath Thorp, Rolf Kristian Larsen e Anders Baasmo Christiansen (Credits: Fantefilm)

Nel caso di The North Sea, nonostante l’altissimo tasso spettacolare, il film non si perde mai eccessivamente nella mera messa in scena del disastro, ma tende anche a valorizzare le sue portate ideologiche, sottolineando una storia di abuso ambientale e di effettiva catastrofe irreparabile, che non minaccia un singolo istante della vita umana sulla Terra, ma diversi secoli a venire. Certo, questo non rende la pellicola immune a una scrittura banale, piena di luoghi comuni e dalle traiettorie facilmente anticipabili, però, quantomeno, si premura di offrire qualcosa in più del solo aspetto melodrammatico (il che lo mette già in risalto rispetto a gran parte della concorrenza americana).

La vera sorpresa, tuttavia, arriva a livello visivo. La regia di John Andreas Andersen non è strabiliante per il genere scelto, anzi, è molto più concentrata a raccontare una storia coerente che a esaltarne le caratteristiche da film catastrofico. Al contrario, gli effetti visivi sono il fiore all’occhiello della pellicola, in grado di catapultare il cinema del Vecchio Continente direttamente tra i fasti più esplosivi e pomposi dell’industria, prima monopolio quasi esclusivamente americano. Diverse scene lasciano con il fiato sospeso grazie principalmente all’utilizzo di effetti fotorealistici in grado di sbalordire. Ciò nonostante, il film non punta tutto sui risultati della CGI, ma cerca anche il più possibile di rimanere realistico e tangibile, scegliendo la maggior parte delle volte riprese dal vero, rispetto alla più “facile” controparte digitale, scelta non comune in una produzione di questo tipo.

Halfdan Hallseth, Kristine Kujath Thorp e Rolf Kristian Larsen
Halfdan Hallseth, Kristine Kujath Thorp e Rolf Kristian Larsen (Credits: Fantefilm)

The North Sea recensione film di John Andreas Andersen con Kristine Kujath Thorp
The North Sea di John Andreas Andersen con Kristine Kujath Thorp, Rolf Kristian Larsen e Anders Baasmo Christiansen (Credits: Fantefilm)

Sintesi

The North Sea è una sorpresa inaspettata, che non ha nulla da invidiare ai “rivali” d’oltreoceano e che non si perde mai eccessivamente nella mera messa in scena del disastro, ma tende anche a valorizzare le sue portate ideologiche, sottolineando una storia di abuso ambientale e di effettiva catastrofe irreparabile. Il film non è immune a una scrittura banale, piena di luoghi comuni e dalle traiettorie facilmente anticipabili, ma resta un unicum interessante nel panorama cinematografico europeo.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli