Ted Lasso

Ted Lasso stagione 1 e 2 recensione serie TV con Jason Sudeikis [Apple TV+]

Uno sguardo a Ted Lasso, la serie tv Apple TV+ con Jason Sudeikis che ha sbancato la categoria comedy agli Emmy Awards 2021: la recensione

Ted Lasso recensione serie TV Apple TV+ di Jason Sudeikis e Bill Lawrence con Jason Sudeikis, Hannah Waddingham, Brendan Hunt, Jeremy Swift, Juno Temple, Brett Goldstein, Phil Dunster e Sarah Niles

Non conoscere nel 2021 Ted Lasso può tranquillamente essere considerato un crimine. Non solo perché il personaggio creato e interpretato da Jason Sudeikis è irresistibile e inevitabilmente comico, ma soprattutto perché la serie sul coach americano chiamato ad allenare una squadra di calcio professionista in Inghilterra senza avere la minima esperienza in questo sport ha sbancato la categoria comedy agli Emmy Awards 2021.

MadMass.it consiglia by Amazon

E pensare che il concept era nato nel 2013 per promuovere la copertura televisiva a stelle e strisce della Premier League da parte della NBC. Un corto che avrebbe superato i sedici milioni di visualizzazioni diventando virale aprendo la strada ad una delle serie di punta di Apple TV+, voluta e sviluppata dallo stesso Sudeikis insieme a Bill Lawrence (Scrubs).

Jason Sudeikis
Jason Sudeikis (Credits: Colin Hutton/Apple)

Hannah Waddingham e Kiki May
Hannah Waddingham e Kiki May (Credits: Colin Hutton/Apple)

Un’accoppiata vincente, capace di lavorare sui punti di forza dello sketch televisivo e incastonarli alla perfezione in una narrazione seriale dal volto pulito, prendendo spunto da Mr. Smith va a Washington di Frank Capra. Ted Lasso diventa così accomodante, ottimista e spudoratamente buona, andando nella direzione opposta all’esplorazione del male che da sempre vuole dire intrighi, tensione e valanghe di spettatori. Il contesto calcistico rimane e si trasforma nel terreno perfetto per indagare le difficoltà che comporta una vita ispirata dalla correttezza, dal buon senso e dalla gentilezza.

Se la prima stagione stabiliva un ritmo comico distintivo e offriva un incredibile balsamo lenitivo contro le tossine della società contemporanea, la seconda stagione punta a mostrare cosa c’è dietro al coach più positivo del pianeta e qual è lo scotto da pagare per affrontare la vita con il sorriso. Non a caso a stravolgere la serenità dell’AFC Richmond arriverà una psicologa sportiva (Sarah Niles) che, con la sua sola presenza, darà il via ad un viaggio introspettivo per tutti i personaggi che hanno lanciato in orbita lo show.

Jeremy Swift e Juno Temple
Jeremy Swift e Juno Temple (Credits: Colin Hutton/Apple)

Jason Sudeikis
Jason Sudeikis in Ted Lasso (Credits: Colin Hutton/Apple)

Juno Temple è convinta che lavorare a questa serie le abbia salvato la vita. Non è un caso, perché nella metafora sportiva si inseriscono alla perfezione le ansie e le paure che ognuno è costretto a vivere giorno dopo giorno. La sostanziale differenza di Ted Lasso sta nell’offrire una risposta non originale e tanto meno innovativa, ma spontanea e piena di un calore spesso dimenticato o sepolto da logiche alienanti. La seconda stagione non dimentica quello che nella prima l’ha resa un fenomeno internazionale ma prosegue nella sua opera di redenzione laica per tutte le anime in pena rappresentate egregiamente dal cast, con Hannah WaddinghamBrett Goldstein e lo stesso Suideikis premiati come migliori attori nella categoria.

Esiste anche la possibilità di non essere in grado di amarla per gli stessi motivi riportati qui sopra e di trovarla per certi versi stucchevole, ma questo succede perché la sensazione di appagamento, pace e commozione che emana ogni singolo episodio lascia difficilmente indifferenti. Come non si può evitare di far finta di non conoscere e cantare all’infinito He’s here! He’s there! He’s every-fucking-where! Roy Kent!

Sintesi

Se la prima stagione stabiliva un ritmo comico distintivo e offriva un incredibile balsamo lenitivo contro le tossine della società contemporanea, la seconda stagione di Tedo Lasso, premiatissima agli Emmy Awards, punta a mostrare cosa c'è dietro al coach più positivo del pianeta e qual è lo scotto da pagare per affrontare la vita con il sorriso, offrendo una risposta spontanea e piena di un calore spesso dimenticato o sepolto da logiche alienanti.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli