One Second Champion

One Second Champion recensione film di Chiu Sin-hang [FEFF 23]

Affiancando ironia e intrattenimento pimpante, Chiu Sin-hang realizza un blockbuster pieno di messaggi positivi e curato con tutti i crismi, imperdibile per gli appassionati di fight movies di qualità.

One Second Champion recensione film di Chiu Sin-hang con Endy Chow, Chiu Sin-hang, Lin Minchen, Hung Cheuk-lok e Chanon Santinatornkul

Dopo essersi fatto le ossa con film e reality show concepiti per la fruizione su YouTube, esordendo poi nel lungometraggio con Vampire Cleanup Department (co-diretto da Yan Pak-Wing), il regista hongkonghese Chiu Sin-Hang si è infine occupato da solo di One Second Champion. Presentato alla 23° edizione del Far East Film Festival, è un bizzarro film sportivo a tinte fantasy che saprà esaltare tutti gli appassionati di fight movies all’asiatica.

One Second Champion: la sinossi

MadMass.it consiglia by Amazon

Chow Tin-yan (Endy Chow) è uno svampito padre single con una dote particolare: è in grado di vedere nel futuro di un secondo. Prima bambino prodigio sempre presente nelle tv locali, ora l’uomo svolge svogliatamente la professione di cameriere e gioca d’azzardo per provvedere al sostentamento del figlio non udente (Hung Cheuk-lok). Coinvolto in una rissa con alcuni strozzini dove fa sfoggio della sua soprannaturale abilità, Chow viene avvicinato da Yip Chi-shun (Chiu Sin-hang), un pugile che vede in lui la possibilità di incrementare la fama della propria scuola di boxe.

Chiu Sin-hang e Endy Chow in una scena di One Second Champion
Chiu Sin-hang e Endy Chow in una scena di One Second Champion

Endy Chow
Endy Chow

Inizialmente riluttante, il protagonista si sottopone a un allenamento intensivo per poter allineare le abilità fisiche ai suoi formidabili riflessi. Ciò permetterà a Chow di riscattare la propria immagine agli occhi del figlio, oltre che di aggiudicarsi la possibilità di fronteggiare il temuto boxeur Joe (il thailandese Chanon Santinatornkul). Ma le sorprese della vita sono sempre dietro l’angolo.

La rivincita di un padre

Da artista a tutto tondo quale è, Chiu Sin-hang riesce a innescare la giusta carica travolgente a una storia tutto sommato classica, insaporita di un gradevole espediente soprannaturale che genera persino momenti di sorprendente ironia. Il piglio muscolare del regista (anche interprete del tenace Yip) esalta le curatissime coreografie sfoggiate nelle sessioni di allenamento e negli incontri agonistici; una regia sempre nitida ma frenetica al punto giusto, unita a una colonna sonora sinfonico-rock in stile Bill Conti, garantisce continue scariche di adrenalina e non rende mai confusa l’azione.

Hung Cheuk-lok e Endy Chow in una scena del film
Hung Cheuk-lok e Endy Chow in una scena del film

Lin Minchen
Lin Minchen

Il personaggio di Chow Tin-yan è un potenziale eroe cult da fiancheggiare ai grandi “eterni secondi” in cerca della loro occasione come Rocky Balboa, e la splendida performance principale di Endy Chow fa credere davvero alla volontà di riscatto del protagonista, disposto a tutto pur di migliorarsi come punto di riferimento genitoriale e essere umano. Meglio di lui, però, fa il giovanissimo Hung Cheuk-lok, interprete del figlio di Chow e veicolo di tutti i messaggi positivi del film.

Il misto di ironia, dramma familiare e intrattenimento pop ha permesso al regista di confezionare un’opera motivazionale sul tenere duro davanti alle avversità, scevra di retorica dozzinale e di gran classe come solo i grandi film sportivi sanno essere. Un urlo di speranza necessario nell’era del Covid-19.

One Second Champion: la locandina
One Second Champion: la locandina

Sintesi

Ironia, dramma familiare e intrattenimento pop: con la sua regia muscolare Chiu Sin-hang confeziona un'opera motivazionale di gran classe come solo i grandi film sportivi sanno essere. Un urlo di speranza dalla carica travolgente, esaltato da curatissime coreografie e da una colonna sonora adrenalinica.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli