Messaggi da Elsewhere

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV [Amazon Prime Video]

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV Amazon Prime Video di Jason Segel con Jason Segel, Sally Field, Eve Lindley, Richard E. Grant e André Benjamin

Voi siete Peter. Peter è voi. Avrete il coraggio di abbandonare tutte le vostre certezze e immergervi nel mondo di Messaggi da Elsewhere? La serie disponibile su Amazon Prime Video è basata sul documentario The Institute che racconta la storia del JeJune Institute, un gioco di realtà aumentata svoltosi a San Francisco nel 2013 che ha visto il mondo reale utilizzato come scenario. La narrazione viene portata avanti attraverso più strumenti per fornire una storia che si snoda attraverso le azioni dei giocatori.

Messaggi da Elsewhere è una creazione di Jason Segel in quasi ogni sua parte: è uno dei quattro giocatori protagonisti, dirige alcuni episodi ed è anche produttore della serie. Oltre Segel, nel ruolo di Peter, i protagonisti sono interpretati da Sally Field, nel ruolo di Janice, Eve Lindley, che dà vita a Simone, e André Benjamin, nel ruolo di Fredwynn.

Ognuno di loro è protagonista di un episodio che ne racconta la personalità, permettendo così allo spettatore di farsi un’idea sul perché siano stati scelti per partecipare al gioco.

Jason Segel, Sally Field e Eve Lindley
Jason Segel, Sally Field e Eve Lindley
Richard E. Grant
Richard E. Grant

L’obiettivo è ritrovare Clara (Cecilia Balagot): non è ben chiaro all’inizio chi sia (verrà presentata più avanti), ma ai protagonisti è richiesto di trovarla, seguendo gli indizi e facendo attenzione ai possibili nemici che verranno incontrati sul cammino.

É tutto qui? O dietro la ricerca di Clara si nasconde la ricerca di ognuno di noi? La ricerca di qualcosa che ci faccia sentire vivi, che smuova il nostro cuore e la nostra mente. Un senso di creatività, di appartenenza, ma allo stesso tempo di distacco dalla quotidianità ripetitiva.

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV
Messaggi da Elsewhere, la serie TV disponibile su Amazon Prime Video
Messaggi da Elsewhere recensione serie TV
André Benjamin

Ci viene chiesto di impersonarci in Peter, presentato come una persona triste che non riesce a smuovere la sua routine, che fatica a trovare un po’ di colore in quella vastità di grigio.

Messaggi da Elsewhere lancia un messaggio forte, di speranza, che viene confezionato in un pacchetto dall’estetica coinvolgente – meravigliosa la fotografia della serie curata da D.J. Stipsen, Glenn Brown e Jakob Ihre – e allo stesso tempo leggermente disturbante e curiosa. Non cercate di risolvere il mistero subito, lasciatevi trasportare, un episodio alla volta, e immergetevi completamente in questo mondo surreale, creativo e quasi magico.

Sintesi

La creatura di Jason Segel Messaggi da Elsewhere lancia un messaggio forte, di speranza, che viene confezionato in un pacchetto dall'estetica coinvolgente e allo stesso tempo leggermente disturbante e curiosa, immergendoci in un mondo surreale, creativo e quasi magico.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV [Amazon Prime Video]La creatura di Jason Segel Messaggi da Elsewhere lancia un messaggio forte, di speranza, che viene confezionato in un pacchetto dall'estetica coinvolgente e allo stesso tempo leggermente disturbante e curiosa, immergendoci in un mondo surreale, creativo e quasi magico.