La Storia

La Storia recensione episodio 1 serie tv di Francesca Archibugi con Jasmine Trinca [RoFF18]

Un primo episodio di ampio respiro ma insufficiente per poter dare una valutazione completa

La Storia recensione serie tv di Francesca Archibugi con Jasmine Trinca, Valerio Mastandrea, Elio Germano, Asia Argento, Lorenzo Zurzolo e Francesco Zenga

Valerio Mastandrea in una scena de La Storia, la serie tv diretta da Francesca Archibugi (Credits: Maila Iacovelli - Fabio Zayed)
Valerio Mastandrea in una scena de La Storia, la serie tv diretta da Francesca Archibugi (Credits: Maila Iacovelli – Fabio Zayed)
Elio Germano e Jasmine Trinca in una scena de La Storia (Credits Maila Iacovelli - Fabio Zayed)
Elio Germano e Jasmine Trinca in una scena de La Storia (Credits Maila Iacovelli – Fabio Zayed)

La prima edizione del romanzo di Elsa Morante, La Storia, riporta come sottotitolo uno scandalo che dura da diecimila anni.

Non c’è ovviamente un’interpretazione univoca ma è ragionevole pensare che la scrittrice si riferisse a quella struttura generale, identificata con una lettera maiuscola, che ha il potere di determinare i movimenti di minuscole e affannose vite con gli strumenti più disparati. Tra questi, il preferito degli esseri umani è la guerra, capace di modificare e stravolgere con estrema facilità la vita delle persone, mantenendo come minimo comun denominatore il dolore.

La scrittrice romana mette a punto un congegno narrativo che Francesca Archibugi intercetta creando una serie per Rai Fiction, che offre al dramma di Ida (Jasmine Trinca), Nino (Francesco Zenga) e Useppe un respiro più ampio tipico della serialità televisiva.

Le oltre 600 pagine pubblicate nel 1974 si trasformano in otto episodi che tentano di trasmettere nei personaggi e nelle scene lo stesso stupore, divertimento, orrore, disperazione che si prova leggendo La Storia da adolescenti.

Un compito spaventoso e al tempo stesso bellissimo, guidato dalla consapevolezza dell’impossibilità di uscirne emotivamente indenni e dalla necessità di fare i conti con passato forse mai guarito.

Il primo episodio, presentato al Festival del Cinema di Roma, si occupa principalmente della ricostruzione del clima della Roma degli anni Quaranta, sia attraverso la scenografia che la presentazione dei personaggi. La storia della famiglia Ramundo inizia per noi quando l’Italia sembra sull’orlo del baratro, giorni in cui la Storia si intreccia con le vicissitudini di Ida, oggetto di violenza sessuale da parte del soldato tedesco Gunther mentre ogni giorno a Roma risuonano le sirene antiaeree.

È il momento in cui tutta la Storia e le nazioni della terra s’erano concordate a questo fine: la strage del bambinello Useppe Ramundo.

La tensione monta, ma lo sforzo immaginifico non sembra reggere il passo con la portata di un racconto che Pasolini definiva uno e trino per la quantità di spunti contenuti al suo interno.

La Storia è infatti un affresco dettagliato e potente di anni cruciali delle vicende italiane.

L’appuntamento è fissato per il 2024 sulle reti Rai e su Raiplay, solo allora potremo valutare la completezza e la qualità del prodotto.

La Storia di Francesca Archibugi (Credits: Maila Iacovelli - Fabio Zayed)
La Storia di Francesca Archibugi (Credits: Maila Iacovelli – Fabio Zayed)

Sintesi

Un primo episodio corposo ma insufficiente per dare una valutazione attenta e credibile. Il romanzo della Morante è comunque il nume tutelare del lavoro di Francesca Archibugi.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da sei anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli