La storia di Lisey

La storia di Lisey recensione serie TV con Julianne Moore e Clive Owen [Apple TV+ Anteprima]

La storia di Lisey è un nuovo capitolo della saga dei romanzi di Stephen King al cinema, alla scoperta di una dimensione sospesa tra realtà e soprannaturale: la recensione in anteprima

La storia di Lisey recensione serie TV Apple TV+ di Stephen King diretta da Pablo Larraín con Julianne Moore, Clive Owen, Joan Allen, Jennifer Jason Leigh, Dane DeHaan, Ron Cephas Jones e Sung Kang

Che i romanzi di Stephen King vengano scelti per diventare film e serie tv è ormai un classico, ma che il re dell’horror decida di scendere direttamente in campo per modellare questa metamorfosi è ben più rara. Lo scrittore americano ha deciso di lavorare personalmente alla sceneggiatura di La storia di Lisey (Lisey’s Story), il nuovo adattamento targato Apple TV+ tratto dall’omonimo romanzo del 2006.

La materia è infatti una di quelle più care a King e anche una delle meno note a livello letterario. Una storia di amore e coraggio, di una donna disposta a tutto pur di far pace con un passato e un presente burrascoso e con la propria salute mentale dopo la scomparsa di suo marito, celebre scrittore. Come in molte altri casi, quest’ultima è uno dei cardini del lavoro di King, un territorio melmoso esplorato attraverso tutti i personaggi coinvolti.

Julianne Moore in La storia di Lisey
Julianne Moore in La storia di Lisey (Credits: Apple)
Joan Allen e Jennifer Jason Leigh
Joan Allen e Jennifer Jason Leigh (Credits: Apple)

Non soltanto i protagonisti Julianne Moore e Clive Owen nel ruolo di Lisey e dello scrittore Scott Landon, ma anche il cast di contorno come Joan Allen, sospesa tra realtà e paranoia e trattenuta in un centro di salute mentale a causa di un misterioso autolesionismo. O come Jim Dooley, uno stalker squilibrato alla violenta ricerca dei manoscritti inediti di Landon-King.

Non sono solo elementi di sceneggiatura funzionali all’avanzamento della storia. C’è una forte componente autobiografica nascosta nel gioco orrorifico di questa dimensione frammentata e ai limiti del delirio. Una delle componenti che lega Stephen King a La storia di Lisey è la vita stessa. Ha raccontato che nel 2000 soffrì di una polmonite al punto da rischiare di non riprendersi mai più. Dopo mesi passati in ospedale, una volta fuori pericolo torno a casa per trovare il suo studio pulito con tutta la sua roba organizzata in pratici scatoloni.

La storia di Lisey recensione serie TV Apple TV+ di Stephen King con Julianne Moore
Julianne Moore e Clive Owen (Credits: Apple)
La storia di Lisey recensione serie TV Apple TV+ di Stephen King con Julianne Moore
Dane DeHaan in La storia di Lisey (Credits: Apple)

Ho pensato: ‘Sono morto. Sono un fantasma’. Quindi l’idea di base nasce da quell’esperienza, dal pensiero che gli autori quando inventano le cose lo fanno in maniera approfondita.
(Stephen King su La storia di Lisey)

È qui che entra in gioco Pablo Larraìn, alla regia di tutti gli otto episodi che compongono la serie. Chi meglio di lui per negoziare visivamente una storia che mescola vita vissuta e soprannaturale? L’immaginario della serie è costellato di immagini che proiettano la storia dell’elaborazione del lutto di Lisey e del suo matrimonio con Scott nei meandri più reconditi della nostra mente prima di percorrere il fantastico. È forse questa la componente più terrorizzante del lavoro di King, nonostante la presenza massiccia di Clive Owen spesso ostacoli il punto di vista di Julianne Moore imbrigliandola più del dovuto.

Non è lo Stephen King a cui forse il pubblico è abituato, ma non è detto che sia per forza una cattiva notizia. D’altronde non c’è niente di più oscuro e raccapricciante di quello che orchestra la nostra mente.

Julianne Moore
Julianne Moore (Credits: Apple)
Dane DeHaan
Dane DeHaan (Credits: Apple)

Sintesi

Il re dell’horror Stephen King scende direttamente in campo per modellare la metamorfosi del suo romanzo omonimo, tra elementi funzionali all’avanzamento della storia e una forte componente autobiografica nascosta nel gioco orrorifico della dimensione frammentata e ai limiti del delirio de La storia di Lisey, mescolando vita vissuta e soprannaturale in un immaginario che ci proietta nei meandri più reconditi della nostra mente.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Il re dell’horror Stephen King scende direttamente in campo per modellare la metamorfosi del suo romanzo omonimo, tra elementi funzionali all’avanzamento della storia e una forte componente autobiografica nascosta nel gioco orrorifico della dimensione frammentata e ai limiti del delirio de La storia di Lisey, mescolando vita vissuta e soprannaturale in un immaginario che ci proietta nei meandri più reconditi della nostra mente.La storia di Lisey recensione serie TV con Julianne Moore e Clive Owen [Apple TV+ Anteprima]