La chiamata dal cielo

La chiamata dal cielo recensione film di Kim Ki-duk con Zhanel Sergazina [Venezia 79]

La chiamata dal cielo - Köne taevast è il compimento della missione cinematografica del regista Kim Ki-duk operato dai suoi collaboratori dopo la sua morte. La recensione in anteprima da Venezia 79

La chiamata dal cielo recensione film di Kim Ki-duk con Zhanel Sergazina, Abylai Maratov, Seydulla Moldakhanov e Aygerim Akkanat

I titoli di coda de La chiamata dal cieloKöne taevast, presentato nella sezione Fuori Concorso a Venezia 79, vengono introdotti da un cartello che riconduce il film a un tributo in onore di Kim Ki-duk. Scomparso prima che fosse completo, il regista coreano ha trovato nei suoi ultimi e fidati collaboratori gli artefici di un montaggio che prova ad organizzare e rispettare le sue ultime suggestioni. A pensarci bene, più che tributo, sarebbe meglio parlare di compimento della missione cinematografica di un uomo votato al cinema, con tutti i limiti del caso specifico.

Buffo come, al tramonto dei suoi giorni, un anziano ritorni con le immagini al furore dell’adolescenza e all’energia caustica di questa stagione dell’amore. Non si può porre rimedio al tempo, ma uno dei poteri del cinema è trovargli una nuova organizzazione in una dimensione transitoria ma non meno importante. La giovane donna (Zhanel Sergazina) riceve l’opportunità di vivere in una tormentata notte la giornata che decreterà la sua prima infatuazione. Non ha filtri, non ha riferimenti, non riesce a fare meno di vivere fino in fondo il fuoco sacro delle pulsioni terrene. Liberare i sensi vuol dire godere ma soprattutto soffrire, sembra riflettere Kim Ki-duk, con un bianco e nero che lo rimarca in maniera soffocante.

La chiamata dal cielo recensione film di Kim Ki-duk
Zhanel Sergazina (Credits: Estofilm)
Abylai Maratov e Zhanel Sergazina
Abylai Maratov e Zhanel Sergazina (Credits: Estofilm)

Diversi elementi sottolineano costantemente la dimensione onirica – il nome del bar, la misteriosa figura all’altro capo dello smartphone – ma quello che sembra più importante è l’inerzia con cui l’essere umano scivola negli stessi vicoli ciechi in cui ha già avuto modo di finire. La preconizzazione offerta dal dio-regista si risolve in un risveglio cromatico al termine della notte, in cui sembra andare tutto come previsto ma in cui c’è una consapevolezza nuova delle soglie da dover affrontare.

Il meccanismo è quello dei giochi a premi in cui si offre al partecipante la scelta di decidere il proprio destino, portando a casa un bottino certo ma esiguo piuttosto che l’intera e in bilico posta in palio. La chiamata dal cielo suggerisce che, quando c’è in ballo il compimento del desiderio, nessuna prospettiva ci trattiene dall’affogare prima di imparare a nuotare.

Abylai Maratov
Abylai Maratov (Credits: Estofilm)
La chiamata dal cielo recensione film di Kim Ki-duk
Zhanel Sergazina (Credits: Estofilm)

Sintesi

La chiamata dal cielo è il compimento della missione cinematografica del regista Kim Ki-duk operato dai suoi collaboratori dopo la sua morte. Il meccanismo è quello dei giochi a premi in cui si offre al partecipante la scelta di decidere il proprio destino, portando a casa un bottino certo ma esiguo piuttosto che l'intera, e in bilico, posta in palio. L'opera suggerisce che, quando c'è in ballo il compimento del desiderio, nessuna prospettiva ci trattiene dall'affogare prima di imparare a nuotare.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

La chiamata dal cielo recensione film di Kim Ki-duk con Zhanel Sergazina [Venezia 79]La chiamata dal cielo è il compimento della missione cinematografica del regista Kim Ki-duk operato dai suoi collaboratori dopo la sua morte. Il meccanismo è quello dei giochi a premi in cui si offre al partecipante la scelta di decidere il proprio destino, portando a casa un bottino certo ma esiguo piuttosto che l'intera, e in bilico, posta in palio. L'opera suggerisce che, quando c'è in ballo il compimento del desiderio, nessuna prospettiva ci trattiene dall'affogare prima di imparare a nuotare.